Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 06 aprile 2020 | aggiornato alle 06:01| 64652 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TERRITORIO
di Giovanni Berera
Giovanni Berera
Giovanni Berera
di Giovanni Berera

St. Moritz, perla dell’Engadina
Meta di sciatori, artisti e buongustai

St. Moritz, perla dell’Engadina 
Meta di sciatori, artisti e buongustai
St. Moritz, perla dell’Engadina Meta di sciatori, artisti e buongustai
Pubblicato il 16 febbraio 2017 | 10:51

Per la quinta volta St. Moritz ospita i Campionati del mondo di sci alpino. Ma la località svizzera è anche sinonimo di ospitalità di qualità, alta ristorazione, turismo, divertimento, shopping, oltre ad arte e cultura. I territori dell’Alta Engadina infatti hanno esercitato grande fascino su letterati e artisti di tutta Europa

Fino a domenica 19 febbraio i riflettori del circo bianco saranno puntati sulla scintillante perla dell’Engadina, che per la quinta volta ospita i Campionati del mondo di sci alpino. Dopo le storiche edizioni del 1934, 1948, 1974 e 2003, la competizione è tornata nella spettacolare cornice di St. Moritz, in Svizzera, che in due settimane (dal 6 al 19 febbraio) ospita 600 atleti, provenienti da 70 Paesi, che si stanno misurando in sei diverse discipline: discesa libera, slalom gigante, super-G, slalom, super combinata e team event. Ad oggi, quindi, la stazione sciistica engadinese è la località che ha ospitato il maggior numero di edizioni dei Campionati mondiali di sci alpino, a riprova del fatto che St. Moritz è una delle principali località di riferimento per gli sport invernali. E il tutto esaurito di questi giorni degli alberghi della valle ne è la conferma.

St. Moritz, perla dell’Engadina  Meta di sciatori, artisti e buongustai

Sono passati più di 150 anni da quando Johannes Badrutt, proprietario della pensione Faller di St. Moritz (oggi il pentastellato Kulm Hotel) diede avvio al turismo invernale in Alta Engadina. Era il 1864 e la montagna era una destinazione turistica solo estiva. St. Moritz non faceva allora eccezione. Nel mese di settembre, al termine della stagione, Badrutt lanciò ai suoi ospiti l’ardita proposta di trascorrere anche il periodo invernale in Engadina. Per incentivare i suoi ospiti, l’albergatore promise l’alloggio gratuito e il rimborso delle spese di viaggio, nel caso non si fossero divertiti e non avesse trovato il clima mite e soleggiato che aveva loro promesso e che ben conosceva. Gli ospiti di Badrutt arrivarono a Natale e ripartirono solo a Pasqua. Praticamente il turismo invernale fu inaugurato da un “soddisfatti o rimborsati” ante litteram.

St. Moritz, perla dell’Engadina  Meta di sciatori, artisti e buongustai
Kulm Hotel

Da allora “l’aria elettrica” (così la definiva Eugenio Montale) e la luminosa bellezza dell’Alta Engadina esercitano un fascino immutato per gli amanti della montagna, che possono sciare in quattro comprensori: Corviglia/Piz Nair, Corvatsch, Diavolezza e Zuoz. Senza dimenticare le stazioni sciistiche minori di Maloja/Aela, Pontresina/Languard, Samedan/Survih, La Punt/Müsella e S-chanf/Bügls, che offrono gli scenari ideali per le prime esperienze su sci e snowboard. I 350 km di piste riescono a soddisfare le esigenze di principianti e professionisti, che si possono muovere su 58 impianti di risalita (7 funivie, 3 funicolari, 1 cabinovia, 21 seggiovie e 26 skilift, di cui 8 per principianti).

St. Moritz, perla dell’Engadina  Meta di sciatori, artisti e buongustai

L’Alta Engadina è, inoltre, la meta perfetta per gli amanti dello sci di fondo, che possono percorrere i 220 km dell’ampia rete di tracciati che mettono in comunicazione tutti i paesi della valle da Maloja a Zernez, seguendo il fiume Inn, attraversando incantevoli laghi ghiacciati, pittoresche valli laterali e fitti boschi innevati (incantevole è il bosco di Staz, tra Sankt Moritz, Celerina e Pontresina). Il grande evento per i fondisti è la Engadin Skimaraton - Maloja/S-chanf, la tradizionale gara che copre la classica distanza della maratona. Giunta alla sua 49ª edizione, quest’anno si disputerà domenica 12 marzo.

St. Moritz, perla dell’Engadina  Meta di sciatori, artisti e buongustai

Ma l’Engadina non è solo sci nordico. A rendere unico questo altopiano lacustre a quasi 2.000 metri di altitudine, oltre alla natura maestosa che lo circonda, è l’altissima qualità della sua proposta turistica, capace di soddisfare ogni esigenza. Chi ama il divertimento, la vita sociale e lo shopping trova in St. Moritz la destinazione ideale per le sue vacanze; chi preferisce rilassarsi al riparo dal clamore della mondanità, in luoghi tranquilli, dove è ancora viva la tradizione romancia, sceglie Sils, Zuoz o Pontresina, storico paese engadinese scenograficamente incastonato tra il Bernina, il Palü, il Roseg e il Languard.

St. Moritz, perla dell’Engadina  Meta di sciatori, artisti e buongustai

Tra le novità di questo luogo di quiete e di incanto c’è la riapertura dell’Hotel Schloss Pontresina Family & Spa, primo mountain resort dell’italiana Jsh Hotels Collection. La struttura è un affascinante castello dall’aspetto maestoso, edificato nel 1908 da Karl Koller, l’architetto che negli anni sfavillanti della Belle Époque progettò gli alberghi che tuttora sono simboli dell’eccellenza dell’accoglienza engadinese: l’Hotel Waldhaus di Sils (1908), il Grand Hotel (1905, bruciato nel 1943) e il Suvretta House (1912) di St. Moritz, suo capolavoro.

St. Moritz, perla dell’Engadina  Meta di sciatori, artisti e buongustai

Stile, raffinatezza e estrema qualità connotano non solo gli hotel, ma anche i ristoranti della valle. Tre le mete gourmand da non perdere: il ristorante Talvo, dove lo chef Martin Dalsass accoglie i suoi ospiti in un antico fienile del 1658; il ristorante Da Vittorio St. Moritz al Carlton Hotel, dove si respirano lo stile e i sapori unici dei tristellati fratelli Cerea, e infine il ristorante Cà d’Oro al Kempinski Grand Hotel des Bains, dove Matthias Schmidberger propone piatti essenziali e di pregiata eleganza.

St. Moritz, perla dell’Engadina  Meta di sciatori, artisti e buongustai
Martin Dalsass, Bobo e Chicco Cerea, Matthias Schmidberger

I territori dell’Alta Engadina hanno, inoltre, esercitato un grande fascino su grandi letterati e uomini di cultura di tutta Europa. Celebre è il rapporto privilegiato che Friedrich Nietzsche aveva con Sils, un angolo di cielo incastonato tra il lago omonimo e quello di Silvaplana. Ma l’elenco di chi ha subito il fascino di questa terra bagnata di luce è molto più fitto: lo scrittore Marcel Proust, il poeta Eugenio Montale, i compositori Robert Schumann e Richard Strauss, gli artisti Max Ernst e Giovanni Segantini, che visse a Maloja e che morì, a soli 41 anni, sullo Schafberg, uno dei monti che dominano Pontresina, il 28 settembre del 1899, colto, mentre stava dipingendo, da un letale attacco di peritonite.

St. Moritz, perla dell’Engadina  Meta di sciatori, artisti e buongustai

A testimoniare il profondo legame tra questo territorio e il pittore divisionista resta oggi il piccolo ma splendido Museo Segantini di St. Moritz, dove si può contemplare il monumentale trittico “La vita, la natura, la morte”, opera che, nel suo progetto iniziale, doveva rappresentare l’Engadina all’Esposizione Universale di Parigi (1900). Questa sola opera merita la visita al museo, che espone una collezione più ampia di opere di Segantini. Per gli appassionati di musei le mete non mancano: a Pontresina il Museo Alpino offre uno spaccato della vita, delle tradizioni e della cultura engadinesi, mentre a Samedan la Chesa Planta è una casa patrizia del 1595 perfettamente conservata, che ospita al suo interno anche la Biblioteca Retoromancia e l’Archivio Culturale dell’Alta Engadina. Curioso è anche il Caferama di Zuoz, un museo dedicato al caffè, ospitato nella torrefazione più alta d’Europa, gestita da tre generazioni dalla famiglia Badilatti.

St. Moritz, perla dell’Engadina  Meta di sciatori, artisti e buongustai

Gli amanti dell’arte contemporanea hanno tempo fino al 15 marzo per ammirare l’installazione itinerante “The sky over nine columns” che Heinz Mack, il maggior esponente dell’Arte Cinetica, ha collocato sulle rive del lago di St. Moritz (di fronte all’Hotel Meierei). Nove colonne di oltre sette metri di altezza ricoperte da più di 850mila tessere di mosaico ricoperte di foglia d’oro 24 carati che riflettono la luce e si specchiano nelle acque del lago. L’intensità unica della luce della valle fa risplendere così intensamente le colonne fino a farle dissolvere nella luce stessa e facendo loro perdere la consistenza materiale. Un vero spettacolo per gli occhi nella già luccicante Engadina.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Engadina Svizzera St Moritz Sankt Moritz sci pista da sci sport Campionati del mondo di sci alpino turismo cultura ospitalita ristorazione Kulm Hotel Martin Dalsass Bobo Cerea Chicco Cerea Matthias Schmidberger Talvo Da Vittorio St Moritz Kempinski Grand Hotel des Bains

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®