Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 04 aprile 2020 | aggiornato alle 17:27| 64620 articoli in archivio
Rotari
Rational
HOME     TURISMO     TERRITORIO
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Arabba, mito per gli sciatori
e comunità montana ricca di tradizioni

Arabba, mito per gli sciatori 
e comunità montana ricca di tradizioni
Arabba, mito per gli sciatori e comunità montana ricca di tradizioni
Pubblicato il 17 gennaio 2018 | 17:57

Arabba, in lingua ladina Reba, piccolo centro nel cuore delle Dolomiti, è un mito e un punto di riferimento per molti sciatori in Europa. Ma Arabba è anche comunità antica, oggi veneta, che deve dimostrarsi competitiva.

Non trovandosi infatti né in Trentino né in Alto Adige, deve portare avanti da una parte il suo ruolo di meta sciistica, e questo lo fa stanziandosi in prima fila nei servizi e nell'ammodernamento delle proprie strutture sportive (attuale è la notizia di una progettata nuova funivia per la Marmolada che partirebbe proprio da Porta Vescovo), dall'altra anche la sua autonomia come singolare meta turistica, cosa ben più difficile. Il tutto con la caratteristica di essere ladina, come le confinanti Val di Fassa, Gardena e Alta Badia.

Si trova a 1.600 metri di altitudine, nella valle di Fodom, circondata dall'imponente gruppo della Sella e verso sud, ai piedi dell'imponente Marmolada. «Noi sopravviviamo proprio grazie a questa posizione privilegiata - spiega l'assessore Michela Lezuo, assessore al Turismo e alla Cultura comune di Livinallongo del Col di Lana (Bl) e proprietaria del Miki's Grill-Hotel Mesdi - non siamo una valle, ma un paese che ha però un potenziale enorme, in quanto non solo è arroccata al Sella Ronda, ma è anche una porta di ingresso immediata alla Marmolada».

(Arabba, mito per gli sciatori e comunità montana ricca di tradizioni)

Da una parte, quindi, lo skitour del Sellaronda, uno dei più apprezzati nel comprensorio del Dolomiti Superski, e dall'altra la Marmolada, la Regina delle Dolomiti Patrimonio Unesco, alla quale si accede dalla zona sciistica di Porta Vescovo. Dalla Marmolada si scende per una vertiginosa discesa di 12 km, da quota 3.269 fino ai 1.450 metri di Malga Ciapela. Insomma, «da un punto di vista turistico-invernale - continua Lezuo - una posizione più che strategica per chi si muove sugli sci».

Ma un comune non vive di solo inverno, ed ecco allora che Arabba ha saputo nel tempo fronteggiare anche le sfide che la bella stagione le ha posto di fronte, presentandosi come centro indiscusso per ciclisti, amatoriali e professionisti: «Essendo ai piedi del Passo Padon, siamo anche vicini a tutte le cime più ricercate dagli amanti delle due ruote, come il Fedaia o il San Pellegrino».

(Arabba, mito per gli sciatori e comunità montana ricca di tradizioni)

La particolarità però più interessante di Arabba è la sua capacità di distinguersi non soltanto per la sua posizione, ma anche per la sua identità: «Una piccola comunità - la definisce l'assessore al Turismo - che negli anni è riuscita a mantenere una dimensione tipicamente montana. Un elemento che, se sei anni fa poteva essere considerato sfavorevole, oggi sta diventando un valore aggiunto». Parla di «presepe d'inverno» Michela Lezuo, non di certo a caso: Arabba ha non solo mantenuto, ma costruito la sua immagine attorno alla propria tipicità, quella «classica autenticità di montagna» che molti turisti ricercano e che spesso è difficile da trovare in zone sempre affollate causa piste e discese di grande appeal.

(Arabba, mito per gli sciatori e comunità montana ricca di tradizioni)

Se ad esempio, l'ospitalità è il primo indicatore di questa tendenza - tutti le strutture alberghiere sono a conduzione più o meno familiare - in aiuto viene anche la stessa dimensione del paese: «Sicuramente, il fatto di essere un paese di dimensioni ridotte porta ad avere innanzitutto una vita simile a quella di un piccolo rione: tutto è estremamente vicino, le piste arrivano quasi alle porte di casa e degli alberghi; nel giro di qualche giorno i turisti si conoscono tutti o quasi».

Senza poi dimenticare che Arabba è - «ed io lo vivo con grande orgoglio», dice fiera Michela Lezuo - una comunità ladina: «Noi qui parliamo il ladino. Siamo in territorio bellunese, ma abbiamo la nostra minoranza linguistica, un fattore determinante per l'autenticità di un popolo. Si tratta della nostra lingua madre, ciò significa che come si nasce si parla questa lingua, e questa soltanto fin quando non si frequentano le scuole».

$?gallery?$

Come si dice, lingua e costumi di un popolo. Così Michela Lezuo, dopo aver identificato nel ladino un tratto distintivo, racconta anche dei costumi tipici, quelli della tradizione: «In casa mia, ogni domenica, si indossano gli abiti tradizionali. Ma, se dovessi "allargarmi di più", potrei tranquillamente dire che è l'estate il momento in cui uno si sente un po' più stimolato, grazie soprattutto alle festività religiose, a vestire i costumi tipici».

(Arabba, mito per gli sciatori e comunità montana ricca di tradizioni)
Il Miky's Grill di Michela Lezuo

Meno spazio ha giustamente l'enogastronomia, non perché non venga valorizzata, ma appunto per le dimensioni della comunità: «Non esiste un menu da poter offrire, una terra di montagna è povera». Tuttavia, per una comunità che ha fatto del turismo la sua forza e della tradizione il suo tratto distintivo, non è stato difficile crescere, in qualche modo, anche sotto questo punto di vista. «Noi abbiamo una nostra latteria, che raccoglie il latte dalle varie stalle locali e produce formaggio esclusivamente con questo latte. Sono mucche che pascolano sui nostri prati, quindi cosa c'è di più autentico e territoriale di questo?».

(Arabba, mito per gli sciatori e comunità montana ricca di tradizioni)
Ütia La Tambra

Un'ottima osservazione quella fatta dall'assessore al Turismo di Livinallongo, che racconta passo per passo anche l'evoluzione di questo comparto, il quale, come tutti i servizi turistici, ha saputo aprirsi al turismo: «Si tratta di un'evoluzione degli ultimi anni. Non abbiamo più quelle stalle fatte di due o tre mucche, con ogni famiglia proprietaria di una stalla. Ora sono state costruite delle vere e proprie realtà imprenditoriali, non molte e nemmeno grandi da garantire una produzione e una lavorazione del latte a livello industriale come accade in Pianura Padana, ma comunque capaci di soddisfare le richieste sia del residente che del turista».

Per informazioni: www.arabba.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Arabba meta turistica Dolomiti Dolomiti Superski Patrimonio Unesco Porta Vescovo Marmolada Belluno comprensorio sci pista neve inverno ciclismo Michela Lezuo Livinallongo Sella Ronda Passo Padon Fedaia San Pellegrino

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®