Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 06 aprile 2020 | aggiornato alle 07:13| 64652 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TERRITORIO

Amsterdam dà un freno alla movida
Nel mirino alcolici e alloggi Airbnb

Amsterdam dà un freno alla movida 
Nel mirino alcolici e alloggi Airbnb
Amsterdam dà un freno alla movida Nel mirino alcolici e alloggi Airbnb
Primo Piano del 22 maggio 2018 | 12:16

Amsterdam, una delle città simbolo di divertimento e turismo, introduce dei limiti alla movida per evitare che turisti o residenti, eccitati da fumo e alcol, siano protagonisti di episodi poco decorosi. L’esperimento riguarda al momento solo alcuni quartieri di Amsterdam, in orario notturno, anche su richiesta dei residenti.

In particolare i paletti entreranno in vigore in queste zone dalle 10.00 della sera fino alle 3.00 della mattina. Il provvedimento non sembra così severò, ma se anche una città tradizionalmente così “trasgressiva” inizia anche solo a pensare di darsi regole più precise, allora il discorso merita una riflessione e impone di ripensare ad alcuni modelli turistici italiani, che riguardano soprattutto casi come Venezia, Stintino o le spiagge liguri d’estate.

(Amsterdam limita la movida Meno alcol e meno alloggi Airbnb)

La capitale olandese attrarrà circa 18 milioni di turisti nel 2018, ossia il 20% in più del 2016. E i principali motivi del viaggio spesso non sono tanto le tele di Rembrandt e di Van Gogh ma le prostitute del centralissimo quartiere a luci rosse e i bar dove fumare ottimo hashish prodotto nelle serre locali.

Se tutto questo è sempre stato visto come la “normalità” dai capitolini e un’isola felice dai turisti, ora - gli stessi residenti - iniziano a pensare che il gioco non vale la candela, che tradotto vuol dire: pur di vedere una città più pulita e decorosa, rinunciamo a parte dell’indotto economico derivante dal turismo. Anche perché non si tratta solo di sporcizia, sovraffollamento e piccoli episodi di criminalità, ma ultimamente crescono le sparatorie e gli ammazzamenti tra bande rivali di ricchissimi dealer di ogni tipo di droga.

Il partito dei verdi di sinistra, vincitore delle municipali di marzo, assieme alle altre formazioni politiche che occupano gli scranni del comune di Amsterdam, ha appena stilato un piano dal titolo eloquente “Balance to the city”, ossia “riequilibrare la città” tra chi ci vive e chi ci trascorre soltanto un fine settimana. Tra le misure che prevede il programma c’è quella di diminuire i cosiddetti “beer bikes” che sono trabiccoli a pedali per bere birra mentre si pedala, o quella di ridurre la vendita di alcolici a chi naviga per i canali della città, o ancora quella di limitare il numero di AirBnB e di altre case in affitto.

Già nel 2008 la municipalità riuscì a “bonificare” un terzo della superficie del quartiere a luci rosse, ma lo scopo di quell’iniziativa si rivelò non tanto legato all’abolizione dello sfruttamento sessuale delle ragazze che vi lavoravano quanto a una vasta operazione immobiliare che fruttò molte centinaia di milioni di euro.

Nel 2011 fu invece lanciata una campagna destinata a chiudere i bar dove si consumano droghe leggere vicini alle scuole, che erano comunque molto pochi, mentre tre anni fa fu deciso di eleggere un secondo sindaco, quello della vita notturna. A sentire i nuovi governanti è stato tutto inutile. Perciò, nel loro programma per de-turisticizzare Amsterdam, dove alcuni avvertono un moralismo fin troppo calvinista, è scritto che la prima città olandese è anzitutto fatta per vivere e per lavorare. E che dovrà essere solo in secondo luogo un posto dove i turisti vengono a divertirsi.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Amsterdam turismo movida quartiere alcol birra droga Olanda

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®