Rotari
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 30 marzo 2020 | aggiornato alle 07:20| 64446 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TERRITORIO

Tassa di soggiorno, la Puglia ne discute
La Regione lascia autonomia ai Comuni

Tassa di soggiorno, la Puglia ne discute 
La Regione lascia autonomia ai Comuni
Tassa di soggiorno, la Puglia ne discute La Regione lascia autonomia ai Comuni
Primo Piano del 24 gennaio 2019 | 11:22

Anche la Puglia, regione che ha vissuto il maggior boom turistico negli ultimi anni, discute sulla tassa di soggiorno. Qualcuno la vuole, altri no. La Regione lascia la discrezione ai Comuni. La decisione dopo l'incontro svoltosi a Cisternino (Br) dove c'era l’assessore regionale al Turismo Loredana Capone.

Come accaduto in molte altre regioni italiane, anche in Puglia - zona Valle d’Itria soprattutto - la discussione sulla tassa di soggiorno ha generato discordia. Da un lato ci sono gli albergatori che la temono, perché ritengono che non incentivi il turismo e sostengono di non vedere profitti; dall’altra le amministrazioni comunali che, al contrario, sperano di fare cassa.

(Tassa di soggiorno, la Puglia ne discute La Regione lascia autonomia ai Comuni)

All’incontro di Cisternino hanno preso parte i primi cittadini di Ostuni, Cisternino, Martina Franca, Locorotondo e Ceglie Messapica. Oltre all’assessore Capone, anche il dirigente del dipartimento Turismo Puglia, Patrizio Giannone e il delegato nazionale Federalberghi, Michele Longo.

Nel sostenere le loro idee poco favorevoli alla tassa, gli albergatori hanno anche evidenziato un’altra volta quanto urgente sia il tema dell’abusivismo nel settore dell’accoglienza. Poi, le proteste per la destinazione dei fondi derivanti dalla riscossione della tassa, che dovrebbero essere destinati sempre al turismo, ma che spesso invece finiscono altrove.

«La tassa di soggiorno - ha spiegato l’assessore - è in capo ai comuni e quindi rispettiamo l’autonomia comunale. Di certo sarebbe importante che questa tassa, se si decide di applicarla, la si possa utilizzare a vantaggio degli operatori».

Stando ai dati più recenti della Banca d’Italia (risalenti al 2016) solo 950 i Comuni italiani che hanno introdotto la tassa e 27 sono pugliesi. Il dato è sicuramente in difetto rispetto ad oggi perché negli ultimi anni in molti hanno scelto di applicarla.

Giannone dal canto suo auspica la stesura di un protocollo d’intesa, come già accaduto in altre regioni italiane, che coinvolga anche realtà non ancora soggette a normative chiare come Airbnb.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tourism Puglia regione comune cisternino valle ditria tassa di soggiorno albergatore assessore

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®