Rotari
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
lunedì 10 dicembre 2018 | aggiornato alle 08:05 | 56765 articoli in archivio
HOME     VINO     AZIENDE e CANTINE

Nei vini dell’azienda Le Favole
l’essenza del Friuli Venezia Giulia

Pubblicato il 28 aprile 2016 | 12:46

Le Favole è un'azienda giovane, nata nel 2005 da una passione famigliare; qui si producono spumanti raffinati, bianchi dai profumi intensi e rossi ben strutturati, che rispecchiano la natura del territorio




Una scommessa nata circa 10 anni fa da due fratelli, Angelo ed Evio Cadorin (nella foto), l'azienda Le Favole, a Sacile (Pn), e che oggi produce circa 70mila bottiglie l'anno tra vini spumanti e vini fermi. Un anfiteatro naturale di dolci colline in una piccola e raccolta valletta, protetta dai freddi venti di settentrione dall’altopiano del Cansiglio, dove coniughiamo le moderne metodologie di vinificazione e i processi di invecchiamento del vino nelle botti.

Evio Cadorin
Evio Cadorin

«La nostra è un'azienda relativamente nuova - ha dichiarato Evio Cadorin - perché siamo nati nel 2005, spinti dalla passione mia e di mio fratello Angelo. Abbiamo deciso di investire nell'agricoltura; siamo di origine contadina, già i nostri genitori, i nostri nonni lavoravano la vigna, poi all'età di 18 anni abbiamo intrapreso un'altra strada, verso il settore dell'elettronica, ma la volontà finale è stata quella di reinvestire nell'agricoltura, perché è la nostra passione. Non è stato facile, ma oggi dopo 10 anni possiamo dire che l'azienda sta andando avanti, e ci viene riconosciuto di produrre un vino di qualità».



«Il nome dell'azienda deriva dal nome di una località nel comune di Carlino, dove si trovano la maggior parte dei nostri vigneti. A Le Favole c'era un insediamento romano dove si svolgeva la riunione del consiglio degli anziani, dove si "confabulava" appunto, da qui fabula e oggi favole».

I vini della tenuta Le Favole, infatti, custodiscono tutta l’essenza del Friuli Venezia Giulia, tutti quei profumi unici e tipici di un territorio esclusivo dove particolare clima, roccia carsica da un lato e vicinanza al mare dall’altro danno vita a un magico incontro di sensazioni da assaporare, a profonde emozioni alle quali abbandonarsi.



«I nostri vini sono essenzialmente spumanti - continua Evio - l'azienda è composta da due tenute, una sui colli di Caneva, e qui produciamo spumanti, come il Prosecco Doc e un Metodo Classico, il nostro Giallo di Roccia, una cuvée di Chardonnay, Pinot Bianco e Pinot Nero; la seconda tenuta è il Carlino, vicino alla laguna di Marano, dove produciamo i vini fermi, dal friulano al Sauvignon, Pinot grigio, Malvasia istriana, Traminer aromatico e i classici rossi friulani: Merlot, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon e Refosco».


Le Favole
via Ronche 92 - 33077 Sacile (Pn)
Tel 0434 735604 - Fax 0434 785273
www.lefavole-wines.com
info@lefavole.com

Le Favole Vinitaly spumanti Friuli Venezia Giulia Evio Cadorin


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548