Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 25 gennaio 2022 | aggiornato alle 06:38 | 81260 articoli in archivio

Gli otto crus dell'annata 2013 100 anni di Barolo per Sordo Giovanni

Un'anteprima dell'annata 2013 per l'azienda agricola Sordo Giovanni, che festeggia i propri 100 anni di Barolo. Otto i crus, e un'annata che si distingue per struttura e personalità, secondo l'enologo Armando Cordero

di Piera Genta
03 marzo 2017 | 11:51

Gli otto crus dell'annata 2013 100 anni di Barolo per Sordo Giovanni

Un'anteprima dell'annata 2013 per l'azienda agricola Sordo Giovanni, che festeggia i propri 100 anni di Barolo. Otto i crus, e un'annata che si distingue per struttura e personalità, secondo l'enologo Armando Cordero

di Piera Genta
03 marzo 2017 | 11:51

Giorgio Sordo, terza generazione, racconta 100 anni di Barolo senza compromessi della sua famiglia in occasione della presentazione dell’anteprima 2013. Un’azienda che si è andata formando nel corso degli anni grazie alla visione di papà Giovanni che nel corso degli anni ha acquistato, parcella e dopo parcelle, vigneti in prestigiosi cru della Langa andando a creare un patrimonio vitato qualitativamente importante.

Gli otto crus dell'annata 2013 100 anni di Barolo per Sordo Giovanni

Oggi l’azienda dispone di 53 ettari vitati in posizioni privilegiate nella zona del Barolo, 8 cru tra i più significativi della zona, Rocche di Castiglione, Villero, Gabutti, Monvigliero, Parussi, Monprivato, Perno, Ravera. Una moderna cantina di vinificazione, un luminoso ambiente per l’accoglienza e le degustazioni dallo spettacolare affaccio sulle colline, di grande impatto la cantina di invecchiamento, a 12 metri di profondità, con un centinaio di botti di rovere di grande capacità.

In degustazione l’annata 2013 ritenuta grande dall’enologo Armando Cordero per struttura e personalità, molto complessa con un doppio andamento in cui il Nebbiolo ha sviluppato il suo quadro fenolico nell’ultima parte della stagione. A presentare il territorio e le caratteristiche dei vari vigneti l’enologo dell’azienda Ernesto Minasso e il professore Marco Rissone con l’intervento di alcuni esperti del settore.

Gli otto crus dell'annata 2013 100 anni di Barolo per Sordo Giovanni

Moderne tecniche agronomiche, conduzione dei vigneti con inerbimento controllato, rispettosa di ambiente ed ecosistema, da quattro anni è stato abbandonato l’uso dei diserbanti. I terreni, di origine tortoniana, caratterizzata da marne blu e grigie, per il cru Monvigliero e Ravera ed elveziana, depositi di sabbia pressata giallognola con sfumature grigiastre per Perno, Gabutti, Parussi, Rocche di Costiglione.

Come si presentano nel bicchiere:
  • Monvigliero nel comune di Verduno, un piccolo vigneto con vigne di 35-40 anni. 12mila bottiglie. Uscita primo anno nel 2005. Fine ed elegante, profumi delicati di frutti rossi che evolvono nelle spezie.
  • Ravera nel comune di Novello. Ha una intensità maggiore, corpo e profondità, ancora introverso. Un carattere grintoso, ancora da esprimersi.
  • Perno nel comune di Monforte d’Alba, il vigneto più grande, 25-30 anni . Primo anno di uscita 2000. Un barolo mangiabile, secondo Antonio Paolini, con molta polpa.
  • Gabutti. nel comune di Serralunga, nella parte bassa del comune, età vigneto 35/50 anni uno dei più vecchi dell’azienda. Utilizzo tappo diametro 10. Un vino che risente dell’andamento dell’annata, ancora rigido. Al naso amarena e note di viola che trovano riscontro in bocca con meravigliose sensazioni ed i tannini rotondi e molto piacevoli.

Gli otto crus dell'annata 2013 100 anni di Barolo per Sordo Giovanni

  • Parussi nel comune di Castiglione Falletto, acquisizione recente, prima uscita 2015. Ha una buona freschezza, confettura dolce. In bocca garbato, tipico, cenni di liquirizia. Piacevole e raffinato.
  • Rocche di Castiglione: comune di Castiglione Falletto. Molto classico, ancora giovane. Tannini rigidi, trama acida e vivace. Non perfettamente in equilibrio, carattere ancora chiuso, occorre avere pazienza.
  • Villero nel comune di Castiglione Falletto, piccola vigna di mezzo ettaro non di proprietà. Tappo Diam 10. Un vino che si presenta timido nell’esprimersi, le sensazioni olfattive si presentano complesse. Ha bisogno di un grande invecchiamento.
  • Monprivato nel comune di Castiglione Falletto. Primo anno di uscita. Toni giovanili, il frutto è goloso, asciutto ed essenziale.

Per informazioni: www.sordogiovanni.it

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali