Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 18 novembre 2019 | aggiornato alle 07:48| 62052 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     VINO     AZIENDE e CANTINE
di Stefano Calvi
Stefano Calvi
Stefano Calvi
di Stefano Calvi

I Pinot Nero della Cantina Torrevilla
Un patrimonio da 2,5 milioni di bottiglie

I Pinot Nero della Cantina Torrevilla 
Un patrimonio da 2,5 milioni di bottiglie
I Pinot Nero della Cantina Torrevilla Un patrimonio da 2,5 milioni di bottiglie
Pubblicato il 14 gennaio 2019 | 16:01

Un viaggio tra i Pinot Noir nelle varie vinificazioni Torrevilla. La cantina di Torrazza Coste (Pv), con alle spalle 100 anni di vita, ha proposto un tasting per accompagnare nel mondo dei prodotti a vitigno Pinot Nero.

Nell’occasione, il direttore Gabriele Picchi e l’enologo Leonardo Valenti hanno spiegato il lungimirante progetto di zonazione che, in questi primi scampoli di attuazione, ha permesso di tracciare un identikit dettagliato del territorio.

(I Pinot Nero della Cantina TorrevillaUn patrimonio da 2,5 milioni di bottiglie)

«La cantina - ha spiegato il direttore - oggi conta circa 200 soci conferitori, 600 ettari di superfice vitata e una storia, come raccontato, più che centenaria. I soci dell'azienda sono accomunati da una storia costellata di successi, amore per la tradizione, fatica e ardente passione, sostenuti nel loro percorso dal Consiglio d'Amministrazione, rappresentato dall'attuale Presidente Massimo Barbieri. Due milioni e mezzo di bottiglie all'anno: questo è il numero straordinario della produzione di Torrevilla, che interessa i nove comuni di Codevilla, Torrazza Coste, Retorbido, Montebello della Battaglia, Borgo Priolo, Montesegale, Rocca Susella, Godiasco Salice Terme, Mornico Losana, che forniscono circa 50mila quintali di uve all'anno». Ad entrare nel dettaglio della produzione e della vinificazione dei prodotti è stato l’enologo Valenti. «Ogni fase della produzione del vino - ha aggiunto - dall'analisi dell'acino in vigna fino alla vinificazione e all'imbottigliamento, è svolta con attenzione e precisione, con l'ausilio di tecnologie innovative che garantiscono al prodotto di mantenere intatte le sue incredibili e strabilianti qualità naturali, costanti nel tempo».

(I Pinot Nero della Cantina TorrevillaUn patrimonio da 2,5 milioni di bottiglie)

Qualità, ricerca, passione, rispetto delle tradizioni e del territorio con una lungimirante apertura verso il futuro sono i principi di una filosofia che caratterizzano l'azienda. Per esprimere al meglio le potenzialità del territorio e portare in bottiglia solo il meglio, le cantine Torrevilla hanno messo a disposizione di tutti gli associati la cultura e la scienza dell’Università degli Studi di Milano. Si tratta del progetto di zonazione, giunto ormai a pieno regime, dopo diversi anni di rilevazioni, studi e ricerche, che hanno permesso di tracciare un identikit ancora più preciso e dettagliato del territorio.

(I Pinot Nero della Cantina TorrevillaUn patrimonio da 2,5 milioni di bottiglie)

«Attraverso la zonazione - ha aggiunto il presidente Massimo Barbieri - ogni vigna è stata profilata precisamente, con lo scopo di fornire a ciascun vigneron le migliori indicazioni, oltre che chiare ed univoche, sui metodi colturali da impiegare per produrre le uve più vocate. Grazie ad un monitoraggio meteorologico continuo, ottenuto con l’installazione di 4 centraline di rilevamento poste in località strategiche, una per ciascuna macroarea climatica dei 600 ettari di vigneti Torrevilla, ai dati pedologici già riuniti in un manuale d’uso realizzato per tutti i vignaioli, si aggiungono continui aggiornamenti che rendono la gestione della vite sempre più accurata. La zonazione non ha sostituito l’antica sapienza contadina, ma l'ha elevata integrandola con elementi scientifici ancora più precisi che garantiscono uve di qualità sempre migliori».

(I Pinot Nero della Cantina TorrevillaUn patrimonio da 2,5 milioni di bottiglie)

A catalizzare l’attenzione degli ospiti e dei tecnici presenti sono stati il Metodo Classico La Genisia Riserva 110 Pinot Nero Nature e La Genisia Riserva 110 Pinot Nero Noir. Due prodotti di punta della cantina, di ottima fattura. Il primo, dopo la presa di spuma, affina sui lieviti della rifermentazione per almeno 36 mesi, successivamente è pronto per la sboccatura. Si presenta con un perlage fine e persistente, di colore giallo paglierino con riflessi dorati. Al naso è molto intenso con piacevoli note agrumate e sentori di frutta secca e piccola pasticceria mentre al palato è fresco e molto morbido. Il Pinot Nero Noir è un prodotto affinato in barriques di rovere per almeno 12 mesi. Il colore è il classico rosso rubino con riflessi violacei, il profumo è intenso con eleganti note di piccoli frutti rossi che si abbinano a sentori di spezie non invadenti. Al palato è intenso ed avvolgente nei suoi delicati tannini. Il gusto persiste in modo piacevole.

Per informazioni: www.torrevilla.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


vino wine cantina Torrevilla degustazione aziende vitivinicole vigneti Oltrepo Pavese Pavia Massimo Barbieri Pinot Nero

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).