Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 14 novembre 2019 | aggiornato alle 15:20| 62010 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     VINO     AZIENDE e CANTINE
di Guido Gabaldi
Guido Gabaldi
Guido Gabaldi
di Guido Gabaldi

Alta Langa, le bollicine piemontesi
si fanno largo in Lombardia

Alta Langa, le bollicine piemontesi 
si fanno largo in Lombardia
Alta Langa, le bollicine piemontesi si fanno largo in Lombardia
Pubblicato il 24 ottobre 2019 | 14:50

Presentazione a Palazzo Serbelloni a Milano per la Docg del territorio vitivinicolo che comprende la fascia collinare delle province di Asti, Alessandria e Cuneo.

Facendosi largo tra Franciacorta, Prosecco e Oltrepò spunta lei (o lui), l’Alta Langa, con le sue bollicine piemontesi: si è presentato a Milano, a Palazzo Serbelloni, un territorio vitivinicolo che comprende la fascia collinare delle province di Asti, Alessandria e Cuneo. Il disciplinare della Docg Alta Langa prevede che i terreni su cui coltivare i vitigni di Pinot Nero e di Chardonnay debbano essere marnosi, calcareo-argillosi, con una produzione per ettaro non superiore agli 11mila kg.

I vigneti dell'Alta Langa (Alta Langa, le bollicine piemontesi si fanno largo in Lombardia)
I vigneti dell'Alta Langa

Oltre a ciò, i vigneti possono essere posizionati solamente in collina, l’altezza minima deve essere di 250 metri slm; sono assolutamente vietati i terreni di fondovalle, umidi e pianeggianti. Il Consorzio Alta Langa è un giovanotto, se si pensa che l’anno di nascita è il 2001 e la Docg è arrivata nel 2011, ma la storia del metodo classico piemontese è molto più abbarbicata al passato: già dall’inizio dell’800 i conti di Sambuy, influenzati dalla vicinanza geografica e culturale con la Francia, diedero inizio in Piemonte alla coltivazione di alcuni vitigni francesi - Pinot Nero e Chardonnay in particolare - per produrre vini spumanti sul modello di quelli dello Champagne.

La presentazione della Docg a Milano (Alta Langa, le bollicine piemontesi si fanno largo in Lombardia)
La presentazione della Docg a Milano

E così arriviamo proprio a volo d’uccello a Milano, ai tempi nostri e alla prima presentazione “fuori casa” delle specificità dei territori astigiani, alessandrini e cuneesi, con 850 operatori e 150 giornalisti accreditati, più 6 masterclass che hanno visto la partecipazione di 180 appassionati. Grandissimo l’interesse per quella denominata “L’Alta Langa in cinque calici”, che ha acceso i riflettori su un Pinot nero 100%, uno Chardonnay 100%, una cuvée di Pinot nero e Chardonnay, un rosato e una riserva: cinque calici per raccontare storia, caratteristiche e disciplinare di produzione della denominazione.

E non poteva mancare, in un’area geografica rinomata per le sue tradizioni enogastronomiche, la masterclass sul Tartufo Bianco d’Alba, realizzata in collaborazione con Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba e Centro Nazionale Studi Tartufo. L’abbinamento dell’oro bianco albese con l’Alta Langa Docg ha risposto perfettamente alle aspettative dei gastronauti più evoluti, mettendo in luce un rapporto che ormai valorizza le terre piemontesi in tutto il mondo. La masterclass dedicata al Tuber magnatum (Tartufo Bianco) è stata un percorso emozionante nell’analisi sensoriale, ovvero lo studio del percepito, l’unica tecnica possibile per la valutazione di esemplari unici.

La Docg (Alta Langa, le bollicine piemontesi si fanno largo in Lombardia)
Il marchio della Docg Alta Langa

Gli spumanti metodo classico che possono fregiarsi del marchio del Consorzio Alta Langa Docg sono fatti di uve Pinot Nero e Chardonnay, in purezza o assemblate in percentuale variabile; possono essere bianchi o rosé, brut o pas dosé, con tempi molto lunghi di affinamento sui lieviti, come prevede il severo disciplinare: almeno 30 mesi. L’Alta Langa è solo millesimato, e quindi in etichetta troviamo sempre l’anno della vendemmia. Il bianco ha sfumature da giallo paglierino a oro intenso e aromi che ricordano la frutta bianca e gli agrumi, con sentori di crosta di pane. Al palato è armonico, caratterizzato da una delicata sapidità. Il rosé ha un colore rosa cipria o più marcato quando è giovane, l’intensità aromatica tipica del Pinot Nero, con profumi che spaziano dal pompelmo alle spezie, un gusto equilibrato, ampio e lungo, in cui ritrovare la sapidità espressa dalla morfologia tipica del territorio.

Milano e il suo cuore storico-commerciale, qui a Palazzo Serbelloni, hanno fatto da trampolino ad una gamma di prodotti che non hanno ancora un mercato all’altezza delle loro potenzialità: «Milano è un luogo d’elezione - ha dichiarato Giulio Bava, presidente del Consorzio - per il confronto con gli estimatori delle migliori bollicine, italiane e straniere. Con il debutto dell’Alta Langa a Milano vogliamo consolidare e allargare la conoscenza della denominazione nella ristorazione nazionale».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


vino wine cantina alta langa consorzio presentazione milano palazzo serbelloni Pinot Nero Chardonnay Franciacorta Prosecco e Oltrepo Giulio Bava

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).