Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 19 agosto 2019 | aggiornato alle 18:16| 60423 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     VINO     AZIENDE e CANTINE
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Vitigni siciliani e francesi
convivono sulle colline di Rapitalà

Vitigni siciliani e francesi 
convivono sulle colline di Rapitalà
Vitigni siciliani e francesi convivono sulle colline di Rapitalà
Pubblicato il 02 luglio 2019 | 17:33

Una Tenuta che valorizza già dagli anni '70 le uve autoctone, Catarratto in primis, accanto a quelle internazionali. Per il presidente Laurent Bernard de la Gatinais «è nel nostro Dna».

Siamo tra Camporeale ed Alcamo, in provincia di Palermo. Tenuta Rapitalà si estende per 225 ettari su colline con altitudine compresa fra i 300 e i 600 metri, terreni in cui si alternano argille e sabbie. Tratto distintivo di questa grande realtà? L'aver abbinato ormai da tempo vitigni autoctoni e internazionali: «Credo sia un binomio vincente - spiega Laurent Bernard de la Gatinais - mi piace definire il risultato di questa scelta una "Sicilia dal punto di vista francese", un po' come se papà fosse francese e mamma siciliana».

«Le conferme di questa duplice faccia della Sicilia» sono state presentate anche alla recente edizione di Sicilia en Primeur.

Laurent Bernard de la Gatinais (Vitigni siciliani e francesi convivono sulle colline di Rapitalà)
Laurent Bernard de la Gatinais

Questa filosofia prosegue già da oltre 30 anni - è del 1968 Rapitalà , per mano di Hugues Bernard conte de la Gatinais, "rinata" con criteri moderni dalle ceneri della cantina distrutta dal terremoto della Valle del Belice.

Se i vitigni autoctoni coltivati sono i più noti a livello internazionale - Pinot Nero, Cabernet Sauvignon, Syrah, Merlot, Cabernet Franc, Chardonnay, Sauvignon, Viognier, con l'aggiunta del Fiano - tra quelli autoctoni - Nero d'Avola, Grillo, Nerello Mascalese e Perricone - spicca il Catarratto. «È da considerarsi come l'uva dimenticata della Sicilia. Paragonerei il nostro approccio al Catarratto come la difesa dei panda. Sono molto orgoglioso di difendere questo vitigno, ma non siamo gli unici a farlo». Se infatti Tenuta Rapitalà è il maggior produttore di questa varietà, a fianco esistono anche «piccole realtà, piccole aziende che continuano nel loro lavoro di difesa di tutto un territorio secondo me spettacolare».

Degustando i vini di Tenuta Rapitalà (Vitigni siciliani e francesi convivono sulle colline di Rapitalà)
Degustando i vini di Tenuta Rapitalà

La produzione totale dell'azienda è di 3 milioni di bottiglie, di cui 1 milione, la "fascia alta", «è destinato prevalentemente all'Horeca». Le etichette vendute nella Gdo sono una linea diversa, «che a me piace chiamare il nostro prêt-à-porter», non un prodotto inferiore, solo destinato ad altro tipo di consumo. A seconda delle esigenze e delle occasioni, «se uno desidera il prêt-à-porter, lo trova al supermercato, in un posizionamento anche molto corretto; se invece una persona desidera il taglio sartoriale, allora va in enoteca».

Per informazioni: www.rapitala.it

Rapitala Tenuta Rapitala vino wine cantina Sicilia Camporeale Palermo Catarratto vitigno autoctono Francia produzione Horeca Laurent Bernard de la Gatinais sicilia en primeur

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)