Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 11 novembre 2019 | aggiornato alle 21:47| 61960 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     VINO     AZIENDE e CANTINE
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Agnanum, amore per la vite
dai terrazzamenti alla bottiglia

Agnanum, amore per la vite 
dai terrazzamenti alla bottiglia
Agnanum, amore per la vite dai terrazzamenti alla bottiglia
Pubblicato il 26 agosto 2019 | 12:56

Siamo sulle colline vulcaniche nell'area dei Campi Flegrei: qui Gennaro Moccia prima e il figlio Raffaele oggi lavorano i loro vigneti con sistema a terrazza, d'obbligo la conduzione manuale.

Una vera storia d'amore per la viticoltura, iniziata nel 1960 e ancora oggi portata avanti. Lavorare questi vigneti in pendenza, che sorgono sulle colline della riserva naturale degli Astroni di Agnano, non è solo lavoro per Raffaele Moccia, ma anche passione, una passione talmente grande da avergli fatto rinunciare alla libera professione di agrotecnico.

Raffaele Moccia  (Agnanum, amore per la vite dai terrazzamenti alla bottiglia)
Raffaele Moccia

Come detto, la conformazione del terreno permette la sola conduzione manuale dello stesso, garantendone il giusto approvvigionamento idrico attraverso la creazione di piccoli bacini ricavati in prossimità di ogni singola vite, il tutto al fine di assicurare la giusta pendenza del terrazzamento. Ma non è sempre cosa facile. «Questi terreni tengono molto impegnato il contadino; in particolare la parte frontale, quella che in effetti mantiene il terrazzamento, richiede più attenzione della parte piana».


Bisogna prestare attenzione a diversi aspetti per evitare che i terreni franino, fenomeno che può verificarsi «per eccesso di siccità, perché gli strati del terreno si mantengono coesi grazie ad un determinato grado di umidità contenuto nei terrazzamenti stessi, quando questa umidità viene persa i terreni si polverizzano, non hanno più forza né coesione, e quindi franano, com'è successo nel 2017, quando non ha piovuto per 11 mesi»; altra causa è «la cattiva manutenzione da parte dell'uomo». In ultima analisi, si può aggiungere anche «la non applicazione, da parte di chi si occupa dei terrazzamenti, delle conoscenze di ingegneria idraulica al territorio».

Un operazione a monte non facile, come non facile è il rapporto quotidiano che il coltivatore ha con il suo terreno: lo strumento di lavoro per eccellenza qui è la zappa, «non conviene nemmeno usare un cingolato, perché la coesione di questi terreni è talmente leggera che rischierebbero di crollare sotto al suo peso». Già il peso dell'operatore si fa sentire: «Quando faccio i trattamenti devo prestare attenzione, specialmente d'estate, da giugno in poi, a dove metto i piedi, altrimenti rischio di scivolare insieme al terreno».


Nonostante le difficoltà che evidentemente si riscontrano, Raffaele continua per la sua strada: «Oggi queste viti autoctone sono sotto i riflettori, ma ricordo tempo fa molti della zona estirpare tutto. Io diversamente ho cercato di non estirpare mai nulla, piuttosto impiantare o comunque tenermi quello che ho trovato inizialmente qui, su questo terreno». Si tratta di un patrimonio viticolo rimasto intatto, immutato nei secoli: «Oggi da queste viti riusciamo a bere un vino che bevevano anche gli antichi Romani. Certo, con le nuove tecnologie abbiamo uno standard igienico decisamente maggiore, quindi - scherza Raffaele - possiamo dire che il nostro vino sia più gradevole di quello di un tempo».

Benvenuti ad Agnanum, l'azienda agricola di Raffaele Moccia (Agnanum, amore per la vite dai terrazzamenti alla bottiglia)
Benvenuti ad Agnanum, l'azienda agricola di Raffaele Moccia

Anche la disposizione delle viti è qualcosa di inusuale ai giorni nostri, figlio di una mentalità passata: «I contadini allevavano la vite e tenevano i tralci che più gli piacevano, senza badare alla lunghezza eccessiva lungo cui si diramava il tralcio dal gusto». Una lunghezza che poteva anche raggiungere i dieci metri. Questo sistema, «chiamato "pratese" faceva sì che la vita fosse libera di muoversi a suo piacimento, e proprio per questo motivo tra gli altri le nostre viti sono più longeve, perché non sono state costrette a fare ciò che l'uomo voleva». Si è insomma trovato il giusto compromesso tra quello che vuole la vite e quello che vuole il coltivatore.

Tra le varietà in questione spicca il Piedirosso, «uva di bassa resa e difficile da allevare». Accanto al Piedirosso, l'altra varietà dominante è la Falanghina.

Per informazioni: www.agnanum.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Agnanum vino wine cantina Campi Flegrei Raffaele Moccia terrazzamento vite coltivazione allevamento Napoli Campania Piedirosso Falanghina varieta

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).