Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 03 luglio 2022 | aggiornato alle 13:36 | 85910 articoli in archivio

Vini d’Abruzzo, l’export si riprende: +10% rispetto al 2020

Secondo i dati dell'Osservatorio Permanente attivato dal Consorzio, in un decennio è stata aumentata del 90% l'esportazione delle sue etichette. Nel 2021 la crescita dovrebbe chiudersi al 10% a valore

 
23 dicembre 2021 | 15:19

Vini d’Abruzzo, l’export si riprende: +10% rispetto al 2020

Secondo i dati dell'Osservatorio Permanente attivato dal Consorzio, in un decennio è stata aumentata del 90% l'esportazione delle sue etichette. Nel 2021 la crescita dovrebbe chiudersi al 10% a valore

23 dicembre 2021 | 15:19
 

Grande soddisfazione per il Consorzio Tutela Vini d'Abruzzo. L'analisi realizzata dall’Osservatorio Permanente Wine Monitor Nomisma - attivato nel 2019 dal Consorzio per rilevare in modo puntuale i trend dei vini regionali sui principali mercati e attuare una strategia di promozione e comunicazione sempre più efficace - ha messo in evidenza la ripresa dell'export nel 2021 (+10% rispetto al 2020) nei principali Paesi target per un fatturato complessivo superiore ai 205 milioni di euro: Germania (+25%), Usa (+12%), Svizzera (+45%), Cina (+33%), Giappone (+26%).

Ottimo l'andamento dei vini d'Abruzzo anche sul mercato interno Vini d’Abruzzo, l’export vola

Ottimo l'andamento dei vini d'Abruzzo anche sul mercato interno

Una crescita potente

«I vini abruzzesi - ha dichiarato il presidente del Consorzio Valentino Di Campli - avevano subito solo una leggera riduzione dell'export in termini di valore tra il 2019 e il 2020, di poco superiore all’1%, soffrendo molto meno di altre regioni italiane la contrazione degli scambi internazionali. Certamente è l'effetto del trend che ha portato dal 2010 a oggi a una crescita del 90% delle esportazioni dei nostri vini».

 

Bene anche il mercato nazionale dove, dopo il boom generale delle vendite di vino nella distribuzione moderna fino ai primi sei mesi del 2021 e il tendenziale riallineamento verso i valori pre-pandemia nel terzo trimestre, il Montepulciano d'Abruzzo si mantiene invece su livelli superiori a quelli del 2019.

Montepulciano leader

Negli ultimi quattro anni (2018-2021, periodo cumulato gennaio-settembre), le vendite della principale Denominazione regionale (ora pari a 43 milioni di euro) sono cresciute del 12% a valore per quanto riguarda il totale dei formati e del 6% in relazione alle bottiglie (da 0,75 litri). Al di là del trend complessivo, nel 2021 si è registrato un calo delle vendite nelle fasce di prezzo più basso (le bottiglie sotto i 3 euro, destinate principalmente al canale Discount, in linea con la tendenza nazionale) e un parallelo un incremento in tutte le altre. In particolare le bottiglie di Montepulciano d’Abruzzo di prezzo superiore ai 7 euro hanno raddoppiato le vendite nel periodo analizzato.

Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo
Corso Matteotti, Palazzo Corvo - 66026 Ortona (Ch)
Tel. 085 9059679
www.vinidabruzzo.it

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Algida Dolce Vita