Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 22 gennaio 2022 | aggiornato alle 01:13 | 81208 articoli in archivio

Ripartiamo dal vino: Barolo Docg 2016 Casa E. di Mirafiore

Il Barolo Mirafiore è vino importante, con tannini potenti ed armonici e con un’acidità molto fresca che favorisce un finale molto lungo. Ideale l’accostamento a carni rosse e a formaggi di media o lunga stagionatura

20 giugno 2021 | 09:30

Ripartiamo dal vino: Barolo Docg 2016 Casa E. di Mirafiore

Il Barolo Mirafiore è vino importante, con tannini potenti ed armonici e con un’acidità molto fresca che favorisce un finale molto lungo. Ideale l’accostamento a carni rosse e a formaggi di media o lunga stagionatura

20 giugno 2021 | 09:30

La tenuta Casa E. di Mirafiore si trova nel nord ovest d’Italia, nel cuore delle Langhe, in quei paesaggi vitati riconosciuti nel 2014 come patrimonio mondiale dell’Unesco per l’eccezionale valore universale del paesaggio agricolo. Si trova su una delle colline più famose del mondo, rinomata per le ricchezze della terra e la sua vocazione per la produzione del vino, e per l’abile intervento dell’uomo per la conservazione e la valorizzazione dei doni della natura. I vigneti (25 ettari di proprietà) si trovano nei comuni di Serralunga d’Alba (Cn), la maggior parte dei quali nei pressi della cantina, nella sottozona di Fontanafredda, e Barolo (Cn), su un terreno che apparteneva già ai proprietari della tenuta quando fu fondata nel 1878. Sono coltivati con il massimo rispetto del suolo, senza usare prodotti chimici e secondo le regole del metodo di coltivazione biologica.

Vino degustato: Barolo Docg 2016 Casa E. di Mirafiore

Prodotto da sole uve Nebbiolo, il Barolo Mirafiore affina per due anni in botti di rovere di media e grande capacità (da 2.000 a 14.000 litri). Al termine del secondo anno il vino effettua un ulteriore periodo di affinamento in bottiglia prima di essere immesso al consumo. Seguendo la tradizione, il Barolo Mirafiore viene prodotto unendo vini provenienti da diversi vigneti. La scelta dei vigneti può variare a seconda delle caratteristiche dell’annata. L’assemblaggio avviene appena terminata la fermentazione malolattica. La lunga macerazione e i ridotti travasi effettuati durante l’affinamento consentono di anticipare lo sviluppo di aromi terziari ancor prima dell’imbottigliamento. Il colore è rosso granato, di buona intensità. Il profumo ricorda le spezie come la noce moscata, l’alloro, il pepe nero, la frutta rossa matura e la liquirizia nera. In bocca è vino importante, con tannini potenti ed armonici e con un’acidità molto fresca che favorisce un finale molto lungo. Ideale l’accostamento a piatti di carni rosse, importanti, e a formaggi di media o lunga stagionatura, ma può piacevolmente anche accompagnare le conversazioni di fine pasto.

£$Ripartiamo dal vino$£ Barolo 2016 Casa E. di Mirafiore
Barolo Docg 2016 Casa E. di Mirafiore


Per informazioni: www.mirafiore.it


Paolo Porfidio è laureato in enologia e lavora come head sommelier al ristorante Terrazza Gallia, al settimo piano dell’Excelsior Hotel Gallia di Milano. Si è classificato primo nel sondaggio “Personaggio dell’anno 2019 - Premio Italia a Tavola” nella categoria Sala e Hotel. Grande è la sua popolarità nel mondo professionale e sui social network, tanto che nel sondaggio è risultato il candidato più votato in assoluto tra tutte le categorie. Di recente è stato nominato coordinatore di Aspi (Associazione sommellerie professionale italiana) Milano.

Paolo Porfidio al Terrazza Gallia
Paolo Porfidio al Terrazza Gallia



© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali