Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 19 gennaio 2022 | aggiornato alle 15:48 | 81122 articoli in archivio

Ripartiamo dal vino Cirò Duca Sanfelice 2017 Librandi

Duca Sanfelice esprime il carattere ricco e generoso dell’uva Gaglioppo. Al naso è intenso e ricco di aromi speziati come la cannella, al palato armonico e vellutato con sentori persistenti di tabacco e liquirizia.

17 giugno 2020 | 09:31

Ripartiamo dal vino Cirò Duca Sanfelice 2017 Librandi

Duca Sanfelice esprime il carattere ricco e generoso dell’uva Gaglioppo. Al naso è intenso e ricco di aromi speziati come la cannella, al palato armonico e vellutato con sentori persistenti di tabacco e liquirizia.

17 giugno 2020 | 09:31

Per anni l'azienda si è impegnata nello studio approfondito delle varietà della Calabria, con un chiaro scopo in mente: valorizzare il patrimonio vitivinicolo regionale in Italia e nel mondo. Per Librandi amore per il territorio significa investimento di energie nei vitigni autoctoni. Un investimento che «prima di noi in Calabria non c'è mai stato», spiega Nicodemo Librandi, socio e fondatore dell'azienda insieme a suo fratello Antonio. Si comincia nel 1993, con il primo campo sperimentale, poi, nel 1997, l’acquisto dell’azienda Rosaneti, dove vengono impiantati, tra gli altri, Magliocco, Mantonico, Gaglioppo e Greco Bianco. La ricerca a questo punto si amplia, tanto che nel 2000 nasce un campo sperimentale di confronto tra presunti cloni di 25 varietà autoctone.

Vino degustato: Cirò Rosso Classico Superiore Riserva Doc “Duca Sanfelice” 2017 Librandi

Il vino della tradizione cirotana nell’interpretazione di Librandi. Duca Sanfelice è ricavato dal miglior Gaglioppo dell’azienda, proveniente da vecchie viti allevate ad alberello della Doc Cirò. Un vino che racconta la storia del suo territorio e il suo legame con la tradizione. La vinificazione avviene in acciaio termocondizionato, con macerazione di 7-10 giorni. Dopo un affinamento in acciaio della durata di due anni, riposa in bottiglia per alcuni mesi prima della commercializzazione. Il colore è rosso rubino scuro con riflessi granato, al naso è intenso e ricco di aromi speziati come la cannella, al palato armonico e vellutato con sentori persistenti di tabacco e liquirizia.

Il Gaglioppo, tipico del Cirotano, è il vitigno a bacca rossa più rilevante della regione sia in termini di tradizione che in termini quantitativi. Base dei Cirò Doc rosso e rosato, ma anche di altri vini calabresi. Si presta a svariate interpretazioni: dai rosati della tradizione, freschi e fruttati ma di carattere, a rossi di medio corpo, buona acidità e grande complessità. Nelle declinazioni con macerazioni più lunghe si ottiene ovviamente maggiore struttura e grande longevità. I sentori tipici sono quelli di piccoli frutti rossi, marasche, fiori secchi e liquirizia.

Ripartiamo dal vino Cirò Duca Sanfelice 2017 Librandi
Cirò Rosso Classico Superiore Riserva Doc “Duca Sanfelice” 2017 Librandi

Per informazioni: www.librandi.it


Paolo Porfidio è laureato in enologia e lavora come head sommelier al ristorante Terrazza Gallia, al settimo piano dell’Excelsior Hotel Gallia di Milano. Si è classificato primo nel sondaggio “Personaggio dell’anno 2019 - Premio Italia a Tavola” nella categoria Sala e Hotel. Grande è la sua popolarità nel mondo professionale e sui social network, tanto che nel sondaggio è risultato il candidato più votato in assoluto tra tutte le categorie.

Paolo Porfidio al Terrazza Gallia - Porfidio, da enologo a sommelier «Nel sondaggio vittoria inaspettata»
Paolo Porfidio al Terrazza Gallia

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali