ABBONAMENTI
Rotari
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 07 marzo 2021 | aggiornato alle 14:02| 72848 articoli in archivio
HOME     VINO     CANTINE e CONSORZI
di Renato Andreolassi
Renato Andreolassi
Renato Andreolassi
di Renato Andreolassi

Il vigneto urbano di Brescia
passa nelle mani di Monte Rossa

Il vigneto urbano di Brescia 
passa nelle mani di Monte Rossa
Il vigneto urbano di Brescia passa nelle mani di Monte Rossa
Pubblicato il 15 luglio 2020 | 09:42

È il Pusterla: 4 ettari vitati nel centro storico della città. Da questo vigneto Emanuele Rabotti produrrà il Pusterla Bianco, ma allo stesso tempo vuole riqualificare il verde cittadino.

Passa di proprietà, da Maria Capretti alla cantine Monte Rossa di Emanuele Rabotti, il Pusterla, il più grande vigneto urbano d'Europa, alle pendici del Castello di Brescia. 4 ettari vitati nel centro storico della Leonessa, raro esempio di agricoltura produttiva urbana con una coltivazione estesa di una sola uva, l'Invernenga.

Il vigneto urbano di Brescia - Il vigneto urbano di Brescia passa nelle mani di Monte Rossa
Il vigneto urbano di Brescia

Nasce qui il "Pusterla" baciato dal sole, dall'alba al tramonto, con l'aria ripulita dalle correnti del monte Guglielmo nella zona dei Ronchi. Uva a bacca bianca proclamata da Slow Food nel 2007 Patrimonio storico della cultura agroalimentare, IGT.



L'Invernenga viene coltivata a pergola sotto il colle del Cidneo, è nota anche come "Brunesta", "Invernesca" e "Bernestia". È un vitigno autoctono coltivato soprattutto nei comuni dell'hinterland; la maturazione avviene tra fine ottobre e i primi di novembre. Uva molto caratteristica, dalla buccia consistente, che annuncia l'arrivo delle brume autunnali.

Il Pusterla Bianco imbottigliato prima del passaggio di proprietà - Il vigneto urbano di Brescia passa nelle mani di Monte Rossa
Il Pusterla Bianco imbottigliato prima del passaggio di proprietà

«Il Pusterla - ha dichiarato Emanuele Rabotti - per me non rappresenta solo un vigneto, è anche una dichiarazione di orgoglio bresciano. Riqualificazione e valorizzazione saranno le parole chiave dei prossimi mesi, voglio regalare alla città un polmone verde, curato e tutto da vivere». Nuova vita insomma per questo gioiellino le cui uve andranno poi a riposare in Franciacorta, nelle cantine del Monte Rossa, a Cazzago San Martino dove Rabotti con la moglie Paola gestisce 70 ettari di vigneti.

Alla famiglia dei Cabochon franciacortini, si aggiunge quindi l'etichetta Pusterla Bianco caratterizzato da «aromi floreali e fruttati - ricorda l'esperto e storico collega Gianmichele Portieri - dal gusto sapido e da un sentore di miele». Quel sentore piacevole che si percepisce ogni volta che si transita nei pressi di questo originale e surreale vigneto urbano rimasto intatto - fra traffico e cemento - nel corso degli anni (seppur con alterne vicende): cattedrale ambientale nel cuore di Brescia, rara testimonianza di un passato ancora presente.

© Riproduzione riservata


“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


vino wine cantina Pusterla Pusterla Bianco vigneto vigneto urbano Brescia Monte Rossa polmone verde produzione riqualificazione Gianmichele Portieri Emanuele Rabotti

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®