Feudo Arancio
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 27 febbraio 2020 | aggiornato alle 22:42| 63704 articoli in archivio
Feudo Arancio
Pentole Agnelli
HOME     VINO     CONSORZI
di Andrea Radic
di Andrea Radic

L'Asti Docg si prepara per la versione Dry
Consorzio: Cambio veloce del disciplinare

L'Asti Docg si prepara per la versione Dry 
Consorzio: Cambio veloce del disciplinare
L'Asti Docg si prepara per la versione Dry Consorzio: Cambio veloce del disciplinare
Pubblicato il 26 gennaio 2017 | 15:37

Per realizzare la versione Dry dell'Asti Docg è necessario cambiare il disciplinare. Oggi il presidente del Consorzio Chiamparino e l'assessore Ferrero hanno sollecitato il Ministero affinché l'iter sia più rapido

L'Asti Docg si fa meno dolce per riconquistare fette di mercato. Piace il “secco” e la Regione Piemonte, d'accordo con i produttori, fa pressing chiedendo che sia accelerato l'iter per modificare il disciplinare e fare rientrare nella denominazione la versione dry. Già lo scorso agosto il direttore del Consorzio di tutela dell'Asti, Giorgio Bosticco, aveva lanciato l'idea dell'Asti dry ottenuto dal Moscato.

L'Asti Docg si prepara per la versione Dry  Consorzio: Cambio veloce del disciplinare

L'1 dicembre la Regione Piemonte è scesa in campo presentando al Ministero la modifica del disciplinare. E oggi il presidente Sergio Chiamparino e l'assessore regionale all'Agricoltura Giorgio Ferrero hanno annunciato di avere scritto al ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina chiedendo che «possa proseguire celermente l'iter istruttorio ministeriale, in vista delle prossime strategie commerciali della filiera piemontese del Moscato».

L'area di produzione interessa poco meno di 10mila ettari, pari a un quarto del vigneto Piemonte,  in 52 comuni di tre province (Asti, Alessandria e Cuneo). Nella vendemmia 2016 sono oltre 1.100 le aziende che hanno vinificato uve destinate ad Asti spumante ed oltre 1.800 quelle che producono Moscato d'Asti, per un potenziale di 85 milioni di bottiglie.

«La versione secco - spiega l'assessorato all'Agricoltura - non sarebbe una novità: l'Asti champagne era già prodotto nei primi anni del Novecento, ma "le conoscenze enologiche dell'epoca non permettevano la percezione amara generata da un vino Moscato portato a completa fermentazione. Ora invece è possibile ottenere secchi di giusta gradevolezza». Il mondo dell'Asti è pronto a spumanti Docg a basso contenuto di zucchero, scelta dettata dai gusti dei consumatori e dall'esigenze di un mercato che ha perso quote con lo spumante dolce.

«La Docg Asti - sottolineano Chiamparino e Ferrero - rappresenta un tassello importante dell'economia vitivinicola ed dell'immagine dello spumante italiano sui mercati di tutto il mondo».

«L'Asti secco - sostiene Giovanni Satragno, presidente dell'associazione produttori - potrebbe risolvere i problemi legati alla crisi del Moscato. A livello sperimentale sta dando già buoni risultati». L'Asti secco «è un'integrazione di una denominazione storica, l'Asti dolce - afferma il direttore del Consorzio dell'Asti, Giorgio Bosticco - e può rappresentare occasione di consumi aggiuntivi. L'Asti secco sarà comunque un prodotto unico, con una precisa identità territoriale, di gusto e profumi».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Spumante bollicine Asti Docg Docg Asti spumante ministero regione Piemonte Giorgio Ferrero Sergio Chiamparino Giovanni Satragno Giorgio Bosticco Consorzio di tutela dell Asti

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®