Castel Firmian
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
martedì 25 settembre 2018 | aggiornato alle 03:19 | 55742 articoli in archivio
HOME     VINO     CONSORZI

Bardolino, la Doc si fa in tre
A settembre il nuovo disciplinare

Pubblicato il 12 luglio 2018 | 10:50

Il 30 settembre gli spazi di Villa Carrara Bottagisio a Bardolino (Vr) faranno da sfondo per Bardolino Cru. Il Consorzio di Tutela del Chiaretto e del Bardolino racconterà ufficialmente le sue tre sottozone.

Si tratta dei Bardolino che già rispondono alle caratteristiche territoriali e stilistiche dei cru La Rocca, Montebaldo e Sommacampagna fissati dalle regole del nuovo disciplinare approvato dai soci del Consorzio e ora al vaglio ministeriale.

(Bardolino, la Doc si fa in tre A settembre il nuovo disciplinare)

«Sarà una giornata importante - ha spiegato Franco Cristoforetti, presidente del Consorzio Tutela del Chiaretto e del Bardolino - in cui presenteremo ufficialmente il nuovo disciplinare, a cinquant’anni dall’originaria approvazione delle Doc, e degusteremo i vini già in linea con le innovazioni introdotte che saranno disponibili sul mercato con un apposito bollino identificativo, in attesa della definitiva approvazione delle sottozone da parte del ministero. È il compimento del piano strategico, avviato nel 2008, che ha visto la scissione del percorso identitario tra Chiaretto e Bardolino».

Il Chiaretto di Bardolino diventerà infatti Doc autonoma, mentre il Bardolino ha scelto di puntare sulla territorialità, rivalorizzando le tre sottozone già identificate alla fine dell’Ottocento, quando i migliori vini della zona erano serviti nei grandi alberghi svizzeri assieme ai Borgogna e ai Beaujolais.

Franco Cristoforetti (Bardolino, la Doc si fa in tre A settembre il nuovo disciplinare)
Franco Cristoforetti

«Nonostante le uve di partenza siano molto diverse tra loro - ha puntualizzato Cristoforetti - secondo il giudizio della critica internazionale i grandi Beaujolais appaiono sorprendentemente simili al nostro Bardolino».

E il Beaujolais sarà la regione ospite della prima edizione di Bardolino Cru, con una decina di produttori che proporranno in degustazione i vini dei tre cru più significativi: Morgon, Moulin-à-Vent e Fleurie.

(Bardolino, la Doc si fa in tre A settembre il nuovo disciplinare)

«La possibilità di degustare i vini di una decina di produttori delle sottozone del Bardolino e di altrettanti vignaioli del Beaujolais in un’unica giornata - ha annotato Cristiforetti - è un’occasione speciale, di confronto e di scoperta, interessante sia per gli operatori di settore che per il pubblico».

Per informazioni: www.ilbardolino.com

vino wine consorzio iat italiaatavola Bardolino Bardolino cru consorzio tutela sottozona La Rocca Montebaldo Sommacampagna Franco Cristoforetti


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548