Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 18 gennaio 2020 | aggiornato alle 16:53| 63003 articoli in archivio
HOME     VINO     CONSORZI
di Marco Di Giovanni
Marco Di Giovanni
Marco Di Giovanni
di Marco Di Giovanni

Il Moscato di Scanzo ha il suo bicchiere

Il Moscato di Scanzo ha il suo bicchiere
Il Moscato di Scanzo ha il suo bicchiere
Pubblicato il 25 gennaio 2019 | 11:55

Dopo diversi anni di ricerca il Consorzio di tutela Moscato di Scanzo ha scelto il bicchiere più adatto per la degustazione di un vino unico. Non solo un oggetto, ma un simbolo che esalti il prodotto e lo identifichi.

La presentazione ufficiale del bicchiere si è tenuta nella sala Galizzi all'oratorio di Rosciate (Bg). Una cerimonia tanto di nicchia quanto elegante e formale, a richiamare le caratteristiche di nicchia e di prestigio della perla Docg della bergamasca.

Sono intervenuti per l'occasione il presidente del Consorzio del Moscato di Scanzo Paolo Russo, il sindaco di Scanzorosciate Davide Casati, l'onorevole Marco Zanni, l'assessore regionale Dario Violi e il fondatore di Ros - azienda a cui va il merito della concreta realizzazione del calice - Sergio Pezzotta.

Stefano Pezzotta, Dario Violi, On. Marco Zanni, Davide Casati e Paolo Russo (Il Moscato di Scanzo ha il suo bicchiere)
Sergio Pezzotta, Dario Violi, On. Marco Zanni, Davide Casati e Paolo Russo

«Una serata importante», ha introdotto Paolo Russo, che da anni è vicino ai produttori del Consorzio, in vita da ormai 25 anni. È stata sua l'iniziativa di realizzare un bicchiere ad hoc che rappresentasse il prodotto Moscato di Scanzo. «Ma che bicchiere utilizzare?»: l'iter è stato lungo, di circa due anni. Si è cominciato con le prime indagini di mercato, poi i confronti, poi le idee più allettanti sul tavolo. «Una prima scrematura l'ha fatta il direttivo, scegliendo alcune forme piuttosto che altre, anche con l'aiuto di Ros. I cinque bicchieri individuati sono stati dati ai produttori, che li hanno utilizzati per degustare il prodotto. Da lì sono diventati quattro, di cui se ne sono selezionati 2. Infine, tutti insieme, abbiamo deciso di comune accordo».


Non quindi una scelta fatta di fretta, anzi. Ma non stupisce, perché «un prodotto di eccellenza come il Moscato di Scanzo - ha commentato Davide Casati - merita un bicchiere all'altezza. Senz'altro lo valorizzeremo in occasione delle prossime feste del Moscato di Scanzo». L'ultima è stata l'edizione dei record, ha voluto ricordare il sindaco, auspicando che a settembre si replichi e si faccia ancora meglio. «Questo bicchiere rappresenta un po' la voglia di valorizzare e di promuovere, un obiettivo comune a tutte le aziende del Consorzio».

(Il Moscato di Scanzo ha il suo bicchiere)

Valorizzazione sì del prodotto ma, per estensione, anche del suo territorio. È a questo che si riferisce l'onorevole Marco Zanni, che si definisce «non un grande intenditore di vini ma un sostenitore della mia terra», tanto affezionato ad essa da essersi presentato al convegno nonostante fosse appena diventato papà. «Ricordo un divertente episodio a Bruxelles - racconta Zanni - abbiamo proposto il Moscato di Scanzo a dei colleghi stranieri, i quali si sono fin da subito lamentati delle porzioni, abituati a bere in altra maniera. È chiaro che non conoscessero il prodotto». Ed ecco, introdotto da Zanni, un altro importante scopo che il bicchiere porta con sé: insegnare il Moscato affinché questo possa essere compreso. Il Consorzio a questo proposito ha iniziato anche una politica di export del prodotto made in Bergamo, una sorta di simbolo della produzione vitivinicola provinciale, perché «non è fatto come prima fonte di reddito - intuisce Zanni - ma per passione, per dare risalto ad un piccolo territorio, per raccontare quello che noi italiani siamo capaci di fare».

(Il Moscato di Scanzo ha il suo bicchiere)

Gli fa eco l'assessore regionale Dario Violi: «Un prodotto di qualità come il Moscato di Scanzo Docg è tale anche perché non facilmente replicabile. Ci vuole quindi pazienza per farlo conoscere a tutti, così che tutti riescano ad apprezzarlo».

Sergio Pezzotta conclude, prima che il bicchiere venga mostrato ai presenti, descrivendone le caratteristiche tecniche: «Cristallino e con una forma tra le più recenti ad essere ideate». Insomma, «il massimo dell'evoluzione per la degustazione». Proprio Pezzotta insieme al presidente del Consorzio hanno sollevato il velo che copriva il bicchiere. Ad un forte applauso e ad una vivace e coinvolta presentazione è seguita la degustazione di Moscato di Scanzo proprio con un bicchiere che, ne siamo convinti, è un altro passo verso la valorizzazione di questa "perla" di Bergamo.

Per informazioni: www.consorziomoscatodiscanzo.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Moscato di Scanzo Docg Moscato di Scanzo Consorzio di tutela Paolo Russo Marco Zanni Sergio Pezzotta Ros bicchiere degustazione Dario Violi Davide Casati presentazione vino wine consorzio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).