Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 23 ottobre 2019 | aggiornato alle 10:50| 61599 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
HOME     VINO     TENDENZE e MERCATO
di Guido Ricciarelli
Guido Ricciarelli
Guido Ricciarelli
di Guido Ricciarelli

Uscire dalla propria comfort zone
per scoprire vini e abbinamenti

Uscire dalla propria comfort zone 
per scoprire vini e abbinamenti
Uscire dalla propria comfort zone per scoprire vini e abbinamenti
Pubblicato il 19 maggio 2019 | 10:29

Ognuno di noi ha un gusto formato e tende a non rimettere troppo in discussione pregiudizi ed insicurezze, avventurandosi con circospezione fuori dalla propria comfort zone.

Proprio a questo pensavo durante un press lunch andato in scena poco tempo fa al Cibrèo di Firenze.

(Uscire dalla propria comfort zone per scoprire vini e abbinamenti)

Per me, che frequento questa tavola da sempre, è il luogo delle conferme, dove i piatti sono rassicuranti come le madeleines di proustiana memoria. Confesso che mi inquietava il contrasto con i vini di Donne Fittipaldi, che traducono il bolgherese da un’angolazione tutta particolare. Se penso al malbec, mi viene automatica la connessione con Cahors, con il Sud Ovest francese, dove quest’uva (nota anche come cot) è di casa. Consideravo come divagazione plausibile soltanto quella argentina, dove il vieux malbec è stato piantato con successo nella zona di Mendoza proprio per iniziativa di wineries a matrice francese.

In quello che viene definito il “Piemonte delle Ande”, la prospiciente Cordigliera, complice l’altitudine elevata delle vigne, enfatizza l’aspetto dell’aromaticità, che si accompagna alla densità della trama. Il vin noir in Francia si giova di suoli più calcarei che apportano maggior finezza all’impalcatura tannica, con rimandi classici di mirtillo, cuoio, cenere. Ed è dunque con un mix di eccitazione e scetticismo che mi sono approcciato al Malaroja 2013 di Donne Fittipaldi.

Fugata immediatamente ogni riserva mentale mi sono trovato di fronte ad un vino importante, in cui la componente speziata, la vena balsamica, i cenni tostati, ti incalzano fino a metterti in difficoltà al punto da dover riparametrare i tuoi punti di riferimento. Al meglio con i secondi saporiti di “Casa Picchi” (coniglio farcito, maialino, piccione).

Ancor più spiazzante l’ancestrale bollicina rosé, sempre da uve malbec, servita inizialmente. “5” si avvale, come tutte le etichette di Donne Fittipaldi, della veste grafica di Giorgio Rastelli (in arte Giores) e della qualificata consulenza enologica di Emiliano Falsini. Il tappo a corona e il color cipria all’analisi visiva, strizzano l’occhio ad un pubblico giovane e femminile (niente di strano per un’azienda tutta rosa). Il sorso è diretto, verticale, con cenni di violetta e fragolina di bosco che la rifermentazione naturale tende come un arco. Tiene testa con la sua verve al ghiotto carosello di antipastini del Cibrèo, costringendoti a rifare i conti con il tuo mondo e le tue certezze.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


abbinamento comfort zone scoperta vino wine Cibreo Firenze Donne Fittipaldi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).