Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 23 ottobre 2019 | aggiornato alle 04:51| 61593 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     VINO     TENDENZE e MERCATO

Vigne urbane Patrimonio Unesco
Torino chiama Venezia e Parigi

Vigne urbane Patrimonio Unesco 
Torino chiama Venezia e Parigi
Vigne urbane Patrimonio Unesco Torino chiama Venezia e Parigi
Primo Piano del 16 luglio 2019 | 11:04

L’idea è stata lanciata alla presentazione della rassegna “Vendemmia a Torino” in programma ad ottobre nel capoluogo piemontese. Solo 10 giorni fa la proclamazione delle colline del Prosecco di Valdobbiadene e Conegliano. Cerrato: «Sono vigneti straordinari per la loro storia e la loro collocazione, legati a palazzi ricchi di tradizione».

A dieci giorni dall’iscrizione delle colline del Prosecco nel Patrimonio dell’Umanità, arriva dal Piemonte una nuova suggestione, quella di far riconoscere dall’Unesco la rete delle vigne urbane. L’idea sarà al centro della rassegna Vendemmia a Torino, che in ottobre porterà nel capoluogo piemontese i produttori della zona.

Una vigna urbana alla periferia di Torino (Vigne urbane Patrimonio Unesco Torino chiama Venezia e Parigi)
Una vigna urbana alla periferia di Torino

Lo spunto è stato offerto ieri nel corso della presentazione della terza edizione dell’iniziativa (in programma dal 12 al 20 ottobre) da Roberto Cerrato, direttore dell'Associazione per il Patrimonio Vitivinicolo di Langhe-Roero e Monferrato. «Si tratta - ha detto - di vigneti straordinari per la loro storia e la loro collocazione, legati a palazzi ricchi di tradizione».

Così come per le colline del Prosecco, per i muretti a secco valtellinesi o per le fortificazioni di difesa veneziane, riconosciute due anni fa dall’Unesco (di cui fanno parte le Mura venete di Bergamo, Palmanova, Peschiera del Garda e altre di Croazia e Montenegro), anche i vigneti urbani hanno costituito una rete per proporre la loro candidatura a Patrimonio dell’umanità. Capofila di questa rete, ribattezzata Urban Vineyard Association, è la Vigna della Regina, a Torino e ne fanno parte anche Clos Montmartre di Parigi, i vigneti ritrovati della Laguna di Venezia, quelli del progetto Senarum Vinea di Siena. «Ci sono altri progetti nel mondo - ha ricordato Luca Balbiano, presidente dell'associazione - come quello di Manhattan e questi vigneti sono troppo importanti per essere relegati ai confini: sono come i numeri primi, unici, irripetibili. Lo scopo è di crearne una rete e valorizzarli».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


vino wine Vigne urbane Patrimonio Unesco Torino Venezia Parigi Siena fortificazioni di difesa veneziane unesco patrimonio umanita colline del prosecco prosecco muretti a secco mura venete bergamo Luca Balbiano Roberto Cerrato

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).