Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 18 giugno 2024 | aggiornato alle 11:59| 105935 articoli in archivio

evo

Dall'esperienza delle "Olivastre", nasce Opere d'olio n.1 di Costa d'Oro

L'oleificio di Spoleto dedicata una speciale selezione di olio extravergine al lavoro svolto da 3 donne umbre per salvare gli olivi nella zona del lago Trasimeno. L'iniziativa rientra nel progetto Planet O-live

22 febbraio 2024 | 16:52

Costa d'Oro, oleificio del gruppo Avril, con suo progetto “Planet O-live” punta da tempo sulla tutela di ambiente e persone col suo piano per un’olivicoltura sostenibile fino al 2030 attraverso il recupero di terreni abbandonati e l’aumento delle superfici a oliveto in tutta Italia. Fra le diverse iniziative in coso di realizzazione è nata la linea “Opere d’Olio”: ogni anno l’azienda di Spoleto (quarto brand di olio in Italia, conosciuto e apprezzato in oltre 60 Paesi nel mondo) lancerà un olio in edizione limitata che sintetizza i suoi obiettivi. Planet O-live significa “il Pianeta dell’oliva-via” ed è un richiamo a una nuova dimensione dell’avicoltura, non solo più sostenibile, ma anche più vissuta.

  Dall'esperienza delle

Opere d0olio n1 di Costa d'Oro

Ogni bottiglia un capolavoro, ogni olio un’opera d’arte!

«Il percorso di sviluppo sostenibile «Planet O-live», prevede delle «Opere d’Olio» annuali: ogni anno un nuovo olio, in Edizione limitata, emerge come un capolavoro della sinergia costruita, giorno dopo giorno, con partner eccezionali e portatori di storie uniche», dichiara Pascal Pinson, Direttore Generale di Costa d’Oro.

La prima edizione è “Opere d’Olio N.1” che racconta la storia delle Olivastre, tre donne umbre che si sono unite nel 2014 per affrontare una delle grandi problematiche della filiera: l’abbandono degli olivi.

Quest’olio celebra il loro lavoro nell’area del lago Trasimeno e la vicinanza della Costa d’Oro a modelli virtuosi di Agricoltura e di sostenibilità sociale.

 Caratteristiche di "Opere d'Olio N.1"

  • Cultivar: Dolce Agogia, Leccino, Frantoio, Moraiolo;
  • Colore: dal verde chiaro con riflessi dorati al verde intenso;
  • Descrizione Sensoriale: equilibrato con apertura di fruttato medio-leggero, note di oliva e altra frutta matura. Raffinato nel gusto del piccante e dell’amaro con piacevoli note di mandorla e gradevole sottofondo di vaniglia;
  • Abbinamenti: consigliato con piatti delicati come pesce di mare e di lago, carni bianche, insalate, fagiolina del Trasimeno.

© Riproduzione riservata