Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 05 marzo 2024 | aggiornato alle 08:16| 103610 articoli in archivio

L'allarme

Tonnellate di pomodoro pachino Igp invendute. Imprese a rischio

I prezzi al consumatore finale troppo alti frenano la vendita del pomodoro pachino Igp. Mancano gli ordini della grande distribuzione. Raccolti interrotti, le imprese rischiano la chiusura

03 gennaio 2023 | 13:02

Tonnellate e tonnellate di pomodoro invenduto. La causa? Prima fra tutte, il prezzo al consumatore finale, che continua ad essere molto elevato malgrado i prezzi decisamente irrisori proposti ai produttori per acquistare il prodotto, talvolta addirittura inferiori al costo di produzione.

Pomodoro pachino Igp Tonnellate di pomodoro pachino Igp invendute. Imprese a rischio

Pomodoro pachino Igp

Produttori a rischio chiusura

«Molti produttori rischiano la chiusura se non si interviene in modo deciso e concreto per cambiare la situazione" dichiara il presidente del Consorzio di Tutela del Pomodoro di Pachino Igp, Sebastiano Fortunato. "Abbiamo tonnellate e tonnellate di pomodori rimasti sulle piante e pochissimi ordini da parte della grande distribuzione. Con questo inverno così atipico, in cui si rilevano temperature di addirittura 22 gradi, il prodotto matura velocemente e deve essere raccolto, ma senza acquirenti andrà in gran parte perduto».

L'appello al governo

«Facciamo appello al nuovo governo - ha aggiunto il presidente Fortunato - che tanta sensibilità e attenzione ha mostrato verso le istanze del made in Italy, affinché ci aiuti a superare questa drammatica situazione, al fine di scongiurare la chiusura di centinaia di imprese siciliane che vivono esclusivamente sulla produzione del pomodoro. Ci sono limiti precisi che regolano il prezzo minimo di acquisto del prodotto, ma quasi mai vengono rispettati, ignorando in nome del profitto i sacrifici, la dedizione e la fatica dei tanti produttori locali che fanno ogni giorno sforzi enormi per portare sulle tavole degli italiani un prodotto unico, tra i più conosciuti e amati in tutto il mondo».

«A questo - sottolinea Fortunato - si aggiungono rincari energetici assolutamente inaccettabili e la concorrenza sleale del pomodoro proveniente dall'estero, dove il costo della manodopera incide sul prodotto solo per un 10% rispetto al 60% dell'Italia».

L'incontro con il ministro Lollobrigida

Intanto in Sicilia si sono accesi i riflettori sulla crisi e già questo venerdì 5 gennaio il Consorzio Pachino Igp parteciperà, insieme ad istituzioni locali e addetti al settore, all'incontro "Agricoltura. Ascolto e Prospettive", organizzato per delineare le principali azioni da sottoporre al ministro del Masaf (Ministero dell'agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste  Francesco Lollobrigida.

© Riproduzione riservata