Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 26 febbraio 2024 | aggiornato alle 05:18| 103385 articoli in archivio

Cucine inclusive

L'Accademia Italiana della Cucina omaggia i cuochi disabili del "21 grammi"

A Brescia, in viale Italia, sia in cucina che in sala operano i giovani che realizzano il progetto inclusivo “Brescia Buona” voluto dalle cooperative sociali che condividono il gusto dell'accoglienza con il buon desinare

Renato Andreolassi
di Renato Andreolassi
25 ottobre 2021 | 13:34

Solidarietà e buona cucina, un binomio possibile che si può praticare quotidianamente. A Brescia si sperimenta da 5 anni al ''21 Grammi'', un ristorante che coniuga la qualità del cibo e la bellezza dei territori con il lavoro a sostegno delle persone disabili. In viale Italia, sia in cucina che in sala operano i giovani che realizzano il progetto inclusivo “Brescia Buona” voluto dalle cooperative sociali che condividono il gusto dell'accoglienza con il buon desinare.

Una parte dello staff L'Accademia Italiana della Cucina omaggia i cuochi disabili del

Una parte dello staff

 

La cena ecumenica dell'Accademia Italiana della Cucina

E la delegazione dell'Accademia Italiana della Cucina, guidata dall' infaticabile Giuseppe Masserdotti, ha voluto rimarcare la validità del progetto con l'annuale “cena ecumenica”. Un incontro che è servito anche a presentare l'interessante volume su: “Il Bosco e il Sottobosco. Castagne, funghi, tartufi, e frutti di bosco nella cucina della tradizione regionale”. Da sfogliare e “gustare” pagina dopo pagina, (ri) scoprendo oltre 200 ricette tipiche, partendo dalla castagna fino alla manna con i dolci segreti del bosco.

 

Il bosco nel menu

Un bosco che se rispettato, curato e amato può fornire tartufi e funghi come quelli che abbiamo gustato su un eccellente risotto, oppure con un guancino di maiale con finferli e chiodini. Il tutto, suggellato da un sublime finale con la bavarese alle castagne con crumble di nocciole, cioccolato e arance. Cucina semplice, con gli ultimi prodotti del territorio prima del letargo invernale. «Per noi e l'esempio di come si può mangiar bene - ha rimarcato Masserdotti - con le antiche ricette da valorizzare nelle nostre regioni come facciano con la nostra gloriosa Accademia, ma soprattutto apprezzando chi aiuta i più deboli offrendo la dignità di un lavoro altamente professionale nel mondo della ristorazione».

Il risotto col tartufo L'Accademia Italiana della Cucina omaggia i cuochi disabili del

Il risotto col tartufo

 

La missione dell'associazione

Ed è quello che ha ribadito il presidente della Cooperativa Giovanni Maggiori. «L'esperimento è riuscito. Diamo occupazione a rotazione ad una decina di persone. Il nostro 21 Grammi è l'esempio di come unendo le forze si possono creare ambienti e strutture moderne e innovative, valorizzando i prodotti del territorio a sostegno dei meno fortunati». Anche con un buon piatto.

 

© Riproduzione riservata