Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 16 luglio 2024 | aggiornato alle 09:12| 106465 articoli in archivio

Amarcord

Vuoi spedire una cartolina? La proposta del ristorante Paoli a Firenze

Selfie, Instagram e social hanno “pensionato” le cartoline? Non nel più antico ristorante di Firenze che regala stampe d'epoca, francobollo incluso. E ha sistemato una cassetta della posta all'esterno del ristorante

06 giugno 2023 | 08:30

Stiamo per sbloccare un ricordo ai meno giovani! Vi ricordate l’ultima volta che avete scritto e spedito una cartolina? Sembra un’era fa, vero? In tempi di social media, Instagram e selfie, le cartoline stanno, infatti, diventando ormai obsolete. Ma una volta era una coccola, un “ti penso anche in vacanza”. Ma c’è chi non si dà per vinto: sono i titolari di uno storico ristorante fiorentino, il Paoli, che hanno deciso di regalare alla loro clientela (in gran parte internazionale) stampe d'epoca raffiguranti la città del David e i suoi luoghi più suggestivi, offrendo loro in omaggio persino il francobollo per affrancarle. Non solo: gli imprenditori hanno anche sistemato una cassetta delle lettere proprio all'esterno del ristorante, in modo da semplificare al massimo l'operazione di scrittura e spedizione della cartolina.

Vuoi spedire una cartolina? La proposta del ristorante Paoli a Firenze

La cassetta delle lettere fuori dal ristorante Paoli a Firenze

Al ristorante Paoli si spediscono cartoline

Amarcord certo, ma anche una bella idea per promuovere il ristorante: «L'idea ci è venuta – spiegano, infatti, i titolari - quando abbiamo ritrovato antiche cartoline che raffiguravano il ristorante (il più antico di Firenze, dal momento che ha aperto i battenti nel 1827 e da allora non ha mai interrotto l'attività), e abbiamo pensato che forse anche nell'era degli smartphone potesse esserci un angolo per questi oggetti: il nostro obiettivo era quello di aiutare le persone a ricominciare a scrivere a mano, a riscoprire il gusto di lasciare un messaggio attraverso un canale “antico”. Abbiamo notato come tante persone, italiani e stranieri, abbiano perso la capacità di una scrittura immaginifica. Allo stesso modo, tanti hanno dimenticato il piacere di raccontare un'esperienza con parole e idee personali, senza ricorrere a filtri social».

Il ristorante Paoli e il suo libro degli ospiti

Ma le cartoline non sono l’unica “usanza antica” che il ristorante Paoli sta cercando di mantenere in vita: lì ancora al suo posto c’è “libro degli ospiti” in cui i commensali lasciavano una firma, un ricordo, un aneddoto o una testimonianza del loro passaggio.

Vuoi spedire una cartolina? La proposta del ristorante Paoli a Firenze

Il ristorante Paoli è il più antico di Firenze

Tra le circa duecento firme che testimoniano il passaggio in via dei Tavolini di alcune delle personalità più illustri degli ultimi due secoli, da Carlo Collodi in poi, rimane traccia anche di alcune ricette del 1827 riportate alla luce proprio attraverso un lavoro di ricerca nel libro degli ospiti (come i “fagioli con la sorra” accompagnati dalla bottarga o dal caviale).

«Se una volta nei messaggi gli ospiti si dilungavano nei loro scritti, e non era inusuale trovare anche disegni e schizzi – continuano gli imprenditori – oggi al massimo si lascia una firma, un complimento e poco più». Da qui l'idea di rinverdire i fasti del passato coinvolgendo le scuole d'arte e invitando i giovani talenti a lasciare un segno dopo aver offerto loro il pranzo: «Abbiamo fatto un accordo con gli istituti d'arte per cui gli studenti vengono al ristorante, mangiano ed esprimono le proprie impressioni sul libro degli ospiti».

Il ristorante Paoli, il più antico di Firenze

Con queste due iniziative, il ristorante Paoli declina in modo inusuale l'antica vocazione dell'ospitalità. E dire che si contano sulle dita di una mano, i ristoranti fiorentini che hanno iniziato a lavorare prima che venisse raggiunta l'unità d'Italia. Sono ancora meno quelli che dal momento della loro fondazione a oggi non hanno mai cambiato sede o interrotto la propria attività, né durante l'alluvione del '66 né nel periodo delle guerre mondiali.

Vuoi spedire una cartolina? La proposta del ristorante Paoli a Firenze

La bellezza e la storia nelle sale del Ristorante Paoli a Firenze

In questo circolo ristrettissimo trova posto il ristorante Paoli, per il quale non è un eufemismo, descriverne la posizione nel cuore di Firenze: una mappa della città del 1843, infatti, indica proprio quel tratto di via dei Tavolini come il centro geometrico della Firenze dell'epoca. Inaugurato da Pietro Paoli nel 1827 nel quartiere dei Lanaioli (i “tavolini” che danno il nome alla via erano quelli su cui venivano esposte le merci in vendita) in un fondo che ospitava un antenato degli attuali centri commerciali naturali, il locale era nato come pizzicheria e in seguito, dietro le richieste degli avventori, trasformato in gastronomia prima e in ristorante poi. Passato nelle mani del Cesare, il Paoli è stato portato avanti dalla stessa famiglia fino all'inizio del Novecento, e dopo essere stato gestito da un volto noto della ristorazione fiorentina come Aurelio Fontani, soltanto da pochi anni è stato acquistato dal gruppo imprenditoriale fiorentino che fa capo alla Trattoria dall'Oste, con l'obiettivo di rinverdire i tempi di quando il Paoli era frequentato da residenti e turisti sia per la qualità della cucina sia per la particolarità degli ambienti, che richiamano la Firenze del Trecento.

Se oggi fa parte dell'élite dei locali storici d'Italia non c'è da stupirsi. In fondo, appena varcata la soglia del ristorante Paoli si ha la netta impressione di fare un tuffo nel passato, ritrovandosi - tra panche in legno, stemmi araldici dei Comuni toscani e antichi motti scritti sulle pareti, impreziosite da dipinti murali - nelle atmosfere del Decamerone. Non a caso, accanto alle vedute della Firenze del Trecento si trovano alcune tele che mostrano episodi tratti dalle novelle del capolavoro di Boccaccio.

Antico Ristorante Paoli 1827
Via dei Tavolini 12/R - 50122 Firenze (Fi)
Tel 055 216215

© Riproduzione riservata