Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
venerdì 14 dicembre 2018 | aggiornato alle 01:33 | 56845 articoli in archivio
HOME     MEDIA     1000 ARTISTI A TAVOLA
di Ketty Magni
di Ketty Magni

Come nasce "Mille artisti a Palazzo"

Pubblicato il 09 aprile 2012 | 11:37

Dal lavoro di architetto e artista, passando attraverso il collezionismo degli Swatch, Fiorenzo Barindelli ha elaborato il progetto di raccogliere oltre mille opere di artisti internazionali. La collezione è cominciata nel 2005 ed in breveè diventata una vera e proprio raccolta d'arte contemporanea


Da "1000 artisti a Palazzo. Vetrina dell'arte contemporanea", a cura di Luciano Caramel, Editoriale Giorgio Mondadori, 2009.

Per Fiorenzo Barindelli, artista e architetto cesanese, noto come collezionista da 'Guinness” di orologi Swatch, raccogliere oltre mille opere di artisti internazionali è stata l'ennesima, lunga sfida vinta. L'amicizia con alcuni artisti, ospiti  habitué al World Museum di cui Barindelli è presidente, lo hanno portato a voler conservare un piacevole ricordo di ognuno. Nel giugno 2005, inizia così a collezionare alcune opere e in accordo con gli Amici del museo, utilizza come contenitore d'arte il packaging, ossia la confezione speciale in legno simbolo del World Museum.

Di conseguenza, sostituisce l'orologio Swatch e gli svariati elementi decorativi che, di volta in volta, caratterizzano e diversificano l'oggetto, inserendo una tavoletta su cui ogni artista può ben rappresentare a tema libero l'unicità del proprio lavoro.  La linea pulita del packaging permette di esaltare il valore delle opere in esso contenute. Dopo aver raccolto in breve tempo una notevole quantità di opere, il vulcanico Barindelli estende l'idea per realizzare una vera ed esclusiva collezione d'arte contemporanea.

Nasce il progetto '300 Artisti a Palazzo”, con l'obiettivo finale di raggiungere un tale numero di adesioni ed esporre i lavori artistici a dicembre 2007 nell'importante spazio espositivo del centro cittadino, in un edificio carico di storia, dal nome altisonante: Palazzo Arese Borromeo. Si crea un logo che riporta il profilo del nobile edificio, e sotto, la dicitura 'Trecento Artisti a Palazzo”. Condizione indispensabile è che ogni artista professionista venga coinvolto esclusivamente attraverso il ‘passaparola'.

Prende avvio una catena di amicizie che dimostra come l'arte sia fatta di impegno, di passione, di creatività, ma anche di spirito di squadra. Individui uniti nel nome dell'arte, per testimoniare ogni varietà di espressione. Subito, collaborano attivamente al progetto gli artisti Max Marra, Alessandro Savelli, Dario Brevi e Tony Tedesco, coinvolgendo  accademici e studiosi dell'arte che operano nell'ambito della ricerca o della contemporaneità.

Ogni artista segnalato con il ‘passaparola' da un altro artista che ha già aderito all'iniziativa, riceve una busta grande che contiene una lettera, un libro di poesie, la tavoletta in legno della dimensione di 20 x 20 cm su cui verrà realizzata l'opera, una scheda da compilare con i dati dell'artista stesso, una dimostrazione con il lavoro eseguito dal pittore Valentino Vago e una seconda busta più piccola, preaffrancata che l'autore utilizzerà per inviare il proprio lavoro. In seguito all'interessamento di Ruggero Maggi e di altri amici artisti, si avviano i contatti con maestri oltre confine. Le lettere vengono tradotte in lingua inglese.

Tuttavia, l'intero packaging in legno non può essere spedito all'estero perché risulta troppo pesante e delicato, di conseguenza insieme alla busta di presentazione del progetto si provvede a far pervenire solo la tavoletta su cui eseguire il lavoro, che verrà inserita in un secondo tempo nella confezione.

Barindelli inizia a ricevere un'opera ogni due giorni e provvede a ringraziare personalmente ogni partecipante, scambiando opinioni e sollecitando nuovi nominativi di artisti amici, di rinomata professionalità. L'attesa del postino diviene un momento di gioia quotidiana e il massimo numero di arrivi giornalieri è di ben 27 buste. Contribuiscono alla diffusione del progetto Grazia Chiesa, Lodovico Gierut, Lucio Del Gobbo, Diego Sottocorno, Paolo Berra.

Per la serietà e l'impegno con cui l'iniziativa viene portata avanti, si arriva all'acquisizione di oltre 500 opere in pochi mesi.  Nel giugno 2007, le opere giunte a Cesano Maderno sono ben 700, a Natale dello stesso anno, si arriva a quota 1000. A questo punto, si modifica il titolo del progetto che diventa '1000 Artisti a Palazzo” e acquisisce una rilevanza ancor maggiore, di alto livello internazionale. Considerando il Novecento e la relativa arte ormai definita, si intende offrire un panorama dell'arte rapportato al primo decennio del terzo millennio.

Parallelamente, si rende necessario un meticoloso lavoro di catalogazione, con l'inserimento dei dati di ogni artista partecipante sul sito internet del museo. Lo staff degli Amici di World Museum, composto da Antonio Colombo, Marco Colombo, Mario Radice, Roberto Perosa, Adelio Vaghi,  svolge il difficile compito dimostrando grande vigore, bravura ed entusiasmo. L'impegno di fotografare singolarmente ogni opera viene portato avanti con scrupolo. Autore degli scatti è il fotografo creativo Giorgio Cicardini.

Ogni opera dunque, è schedata, fotografata e adeguatamente protetta.  La raccolta  prosegue fino a settembre 2008 quando, dopo appena 36 mesi, si arriva ad avere una collezione che vanta 1200 lavori, provenienti da oltre 40 nazioni. Le opere pervenute dopo tale data, rientrano nell'elenco internet regolarmente aggiornato.

Il successo ottenuto, dipinge di giallo, rosso, verde e blu, il logo dell'iniziativa ideato da Fiorenzo Barindelli che diventa più frizzante, ricco di colori come le opere degli artisti che hanno aderito a questa grande ed unica iniziativa. Alcune simpatiche vignette che rappresentano una folta schiera di artisti provenienti da tutto il globo in cammino verso Cesano Maderno, sono disegnate dal fumettista Giovanni Beduschi.

Un singolare totem di due metri di altezza, è creato con tutte le buste vuote ricevute che contenevano le opere inviate dai maestri. In accordo con l'Amministrazione Comunale di Cesano Maderno, da sempre ben disponibile ad accogliere la collezione, si fissa la data per la festosa inaugurazione della mostra collettiva. Sabato 7 marzo 2009, nelle sale di Palazzo Arese Borromeo e nell'antica Chiesa di Santo Stefano auditorium 'Paolo e Davide Disarò”, si inaugura la collezione. Durante la kermesse d'arte, viene effettuato un annullo postale ad opera delle Poste Italiane, con l'utilizzo di cartoline realizzate appositamente per l'evento.

In conclusione, si può affermare che la collezione costituisce una delle testimonianze più importanti di arte contemporanea globale del primo decennio del terzo millennio.


Articoli correlati:
Arte contemporanea al ristorante Nuovo progetto di Italia a Tavola
Una collezione del nostro tempo
Riflessioni sull'arte contemporanea
La vetrina dell'arte

Ketty Magni arte contemporanea 1000 artisti a Palazzo


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

COMMENTI

12/05/2014 16:37:03
5) il colore sono io
6 grande Fiorenzo io x te ci sono sempre,ciao Ivan Cuvato d'Albisola.
ivan cuvato
artista
16/04/2012 15:57:00
4) Anche un po’ d’Arte al ristorante
Gentile direttore, a seguito del suo articolo e della Vostra lodevole iniziativa, vorremmo innanzitutto complimentarci e condividere con Voi la nostra esperienza. Dall'apertura del nostro locale 'Ristorante Muliner” all'interno dell'Agriturismo Moscatello sempre di nostra proprietà, abbiamo sposato da subito l'idea del connubio vincente fra Arte e Cucina, esponendo opere e promuovendole tramite eventi che celebrano l'enogastronomia e l'Arte. La nostra iniziativa ha visto il nostro chef nonché pittore Lorenzo Bernardini impegnarsi in prima persona in questa piccola, amorevole 'missione”.
Se la nostra esperienza e testimonianza può essere utile al progetto, diamo fin da ora la nostra massima disponibilità.


11/04/2012 17:42:00
3) Ogni inziativa rappresenta un valore aggiunto in più e invitiamo gli artisti a collaborare a nuovi progetti
Caro Vincenzo, nessuno pensa certo a copiare o sostituire altre iniziative degne di menzione e collaborazione. E proprio il fatto che Italia a Tavola, come ricordi, abbia partecipato ad una di queste edizioni dimostra come a questo tema siamo sensibili e non da oggi ... Con questo progetto abbiamo voluto dare un contributo diverso e aggiuntivo. E non sarà l'unico: a breve lanceremo un'iniziativa ancora più importante a cui saremo lieti che "Arte in Tavola" possa partecipare, magari proprio grazie ad un tuo coinvolgimento diretto. Noi facciamo informazione ed aggiornamento e non promozione di artisti e quindi ogni collaborazione e ben accetta. Vogliamo dare un contributo in più per la crescita qualitativa del settore.


11/04/2012 17:34:00
2) E per arte da mangiare e piatto d'artista ?
La promozione farà ingiallire di rabbia Ornella Piluso, e la sua indefessa promozione con Arte da Mangiare di Piatto d'Artista dall'Umanitaria di Milano alle tavole del best della ristorazione della città e del suo territorio, snobbata da tutta la stampa agroalimentare da una dozzina d'anni. Eppure la generosità degli artisti ed il loro valore che posso personalmente documentare e che avevo modo di diffondere con la delegazione di Milano Internazionale della Accademia Italiana della Cucina non è stata meno generosa.
In Arte da Mangiare ci sono oltre un centinaio di artisti che ne hanno fatto in Italia e nel mondo un esempio creativo di comunicazione, arte e convivialità, che continua annualmente in occasione degli eventi legati all'alimentazione del piante, FAO, e volesse una volta dopo l'aggiudicazione dell'evento, MILANO EXPO 2015.
Italia a Tavola è stata direttamente protagonista in una delle edizioni degli ultimi anni con Cuochi di Lombardia. Tutto dimenticato? Eppure PIATTO D'ARTISTA è in corso, con vari cuochi ristoratori che da quella data hanno colto il piacere del rapporto di amicizia tra ARTE nel CIBO e ARTE in CUCINA. Non penso ad altri motivi, salvo a un idillio amoroso tra Fiorenzo Barindelli e Luciano Caramel Con affetto,


11/04/2012 17:31:00
1) Complimenti per il progetto
Caro Alberto, complimenti per il progetto di Arte Contemporanea al Ristorante.L' iniziativa si affianca a altre meritevoli come il manifesto della cultura del Sole 24 ore. Così possiamo finalmente scoprire di essere seduti su una miniera d'oro. Ciao Cla



Sky
Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548