Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
venerdì 15 dicembre 2017 | aggiornato alle 15:02 | 51816 articoli in archivio
HOME     ALIMENTI     PESCE

Salmone dell’Alaska, gioiello di bontà
Gustoso, naturale ed ecosostenibile

Pubblicato il 09 giugno 2015 | 10:01

Chi assaggia il salmone selvaggio, fresco, surgelato o affumicato, si rende immediatamente conto della superiorità del prodotto. Habitat e alimentazione rendono la carne più gustosa e ricca di preziosi acidi polinsaturi




Reale o Red King, Argentato, Rosso, Rosa e Keta. Comunque lo si scelga, il salmone selvaggio dell’Alaska è, in assoluto, il re delle fredde e incontaminate acque dell’oceano più grande del mondo. A renderlo speciale sono diverse peculiarità, prima fra tutte il fatto che, essendo un pesce che si muove continuamente attraverso fiumi e mari, si nutre esclusivamente di ciò che offre il suo territorio di caccia. Habitat e alimentazione, dunque, fanno sì che la sua carne muscolosa, oltre ad essere ricca di preziosi acidi polinsaturi, contenga altresì una limitata quantità di grassi e che il gusto risulti più naturale, con il classico sentore di mare.

La sostenibilità della pesca in Alaska è di straordinaria importanza, tanto che è stata introdotta nella Costituzione dello Stato nel 1959 che dispone che «il pescato deve essere sempre utilizzato e conservato in conformità con il principio dello sfruttamento sostenibile». Da qui la certificazione dei prodotti basata sul codice Fao.



Il salmone selvaggio è disponibile fresco nei mesi in cui avviene la pesca (tra maggio e settembre/ottobre). Per i rimanenti mesi dell’anno lo si trova surgelato ma le tecniche utilizzate non penalizzano assolutamente né la qualità né il sapore. Chi assaggia il salmone selvaggio, fresco, surgelato o affumicato, si rende immediatamente conto della superiorità del prodotto. Il mercato ittico dell’Alaska non offre solo salmone selvaggio.

Altrettanto prelibati e “sostenibili” sono i molluschi e i crostacei, dal granchio reale alla granceola artica, dai gamberi, alle vongole, ai ricci di mare, alle ostriche ecc. E anche l’ottimo pesce bianco, come il pollock, il merluzzo del Pacifico, il carbonaro, l’halibut, la limanda e il pesce pietra. Tante varietà che hanno conquistato non solo i mercati di tutto il mondo ma anche gli chef stellati che utilizzano il pescato dell’Alaska sicuri di offrire il meglio alla loro clientela.

«La nostra industria - spiega David McClellan (nella foto), rappresentante marketing di Alaska Seafood per il Sud Europa - dipende dal mantenere un sistema di pesca sostenibile per il salmone in particolare ma anche per merluzzo, pollock d’Alaska e granchi. Abbiamo lavorato per sviluppare uno dei sistemi di gestione della pesca più efficienti e strutturati e oggi l’Alaska è leader mondiale nella pesca sostenibile. Tutto il pesce pescato in Alaska è selvaggio e questo è importante per il salmone perché in Europa la gran parte del salmone è di allevamento. Un salmone selvaggio è fondamentalmente diverso da un salmone di allevamento. Parliamo di un pesce che ha vissuto ed è sopravvissuto nell’oceano dai 2 ai 7 anni e si è nutrito solo di gamberi, calamari e aringhe selvaggi. La struttura e la consistenza della carne è decisamente differente quindi quando lavoriamo con gli affumicatori qui in Italia o chef in Spagna è molto importante discutere su come lavorare la carne di un salmone selvaggio. Ha un contenuto di grassi inferiore e un contenuto di Omega 3 molto superiore e soprattutto ha un sapore diverso. E se uno chef è abituato a lavorare con salmone allevato che spesso è eccessivamente grasso tende a cuocerlo più del necessario per toglierne i grassi in eccesso mentre con il salmone selvaggio non c’è bisogno di fare ciò. Per questo la gran parte della nostra comunicazione è rivolta ai professionisti per spiegar loro come lavorare al meglio con il salmone selvaggio e trarne il miglior vantaggio possibile in termini di sapore e texture di un vero salmone selvaggio».


Per informazioni e acquisti:
Ellevi PR
Piazza Napoli 24 - 20146 Milano
Tel 02 45496051
www.alaskaseafood.it

David McClellan salmone Alaska Alaska Seafood ecosostenibilita


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548