Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
domenica 17 dicembre 2017 | aggiornato alle 09:09 | 51827 articoli in archivio
HOME     MEDIA     STAMPA, WEB, TV e APP
di Andrea Radic
vicedirettore
di Andrea Radic
vicedirettore

Ai danni da ungulati risponde l'ironia
#adottauncontadino diventa virale

Pubblicato il 23 novembre 2017 | 16:12



Il più difficile problema che gli agricoltori del territorio del Chianti, viticoltori e non, devono affrontare ogni giorno è quello della presenza degli ungulati. Con ironia pongono il tema all'attenzione nazionale.

Con l'hastag #adottauncontadino e sopratutto un video, davvero divertente, diventato virale, un gruppo di agricoltori del territorio del Chianti fiorentino che hanno le proprie attività a Greve in Chianti e Impruneta, ha deciso di usare ironia e creatività per scacciare cinghiali, danni e caprioli. Gli animali stanno letteralmente distruggendo importanti parti di coltivazioni e mettendo a rischio la sopravvivenza stessa delle aziende agricole.

(Ai danni da ungulati risponde l'ironia)

Sono Agricola La Formicola (olio e ortaggi), Agricola Ottomani (vino e olio), Poggio Solatio (frutta, vino e olio), Azienda agricola Altiero (vino e olio), Agricola D'Ercole (ortaggi e cereali). «Un video - racconta Riccardo Lupino, titolare dell'Agricola La Formicola - che cerca di sensibilizzare le persone sul problema degli ungulati, visto che noi agricoltori siamo poco considerati da questo punto di vista».

Con Giovanni Degl'Innocenti, amico e collega, Lupino ha scritto e interpretato un video che, facendo un esilarante verso alla campagna per la destinazione dell'8 per mille, vuole attirare l'attenzione su un problema che deve essere affrontato. «Un modo per richiamare l'attenzione con gli strumenti attuali: un video e un hashtag: #adottauncontadino». In scena veri agricoltori prestati alla pubblicità, per tenatare un'azione comune e ironica di sensibilizzazione.

«Nessuno di noi contadini - conclude Lupino - ce l'ha con gli ungulati. Non vogliamo ammazzare caprioli, daini e cinghiali, per divertimento, ma quando in queste zone iniziò ilclavoro agricolo, questi animali furono giustamente allontananti. Se non diminuirà il numero di animali liberi nei boschi, rischiamo seriamente di chiudere tutti». Un video da vedere e commentare e un messaggio da raccogliere quello dei contadini del Chianti.

Riccardo Lupino Giovanni DeglInnocenti Adotta un contadino Chianti cinghiale capriolo vino olio


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548