Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
domenica 17 dicembre 2017 | aggiornato alle 03:23 | 51827 articoli in archivio

Il servizio Uber non si fermerà
Il Tribunale di Roma sospende lo stop

Pubblicato il 14 aprile 2017 | 18:52

Il Tribunale di Roma ha momentaneamente accolto la richiesta di sospensiva di Uber dopo che si era ipotizzato uno stop dal 17 aprile. Il servizio di noleggio con conducente chiede agli utenti di firmare una petizione


Con una nota ufficiale, inviata personalmente anche ai propri utenti, Uber annuncia che il servizio continuerà senza sosta sia a Roma che a Milano. La possibilità che tutto si potesse interrompere si era palesata nel momento venerdì scorso, nel momento in cui il tribunale di Roma aveva emesso un’ordinanza secondo la quale Uber avrebbe dovuto sospendere il servizio entro 10 giorni, nel giorno di Pasquetta.

Il servizio Uber non si fermerà Il Tribunale di Roma sospende lo stop
eunews.it

La società ovviamente non ci è stata e ha fatto di tutto per far valere le proprie ragioni chiedendo una richiesta di sospensiva che proprio oggi è stata accolta. Tuttavia la decisione non è ancora definitiva perché, come si apprende dalla stessa nota di Uber, l’ordinanza è sospesa solo momentaneamente, in attesa dell’appello. Uber annuncia che continuerà ad impegnarsi fino all’ultimo per permettere a migliaia di autisti professionisti di continuare a lavorare grazie all’app di Uber e consentire contemporaneamente a tutti i cittadini di poter scegliere liberamente come spostarsi.

Da buoni esperti di comunicazione e da conoscitori “navigati” della rete, i vertici di Uber invitano gli stessi utenti a sostenerli seguendo e condividendo gli aggiornamenti sui social ma, soprattutto, a firmare e diffondere una petizione «nata dall’entusiasmo di un nostro rider ed esempio delle tante iniziative a nostro supporto che hanno visto protagoniste le community di rider e driver». Non appena si clicca sul link che chiude la nota di Uber si apre una lettera indirizzata al Tribunale di Roma che dovrebbe racchiudere la voce dei rider e degli utenti e recita:


Il tribunale di Roma ha bandito il servizio Uber, che era presente a Roma e Milano, dall'Italia, basandosi su leggi risalenti a 25 anni fa. Gli enti dell'Associazione dei Consumatori si sono già schierati contro questa ingiustizia, ma noi sostenitori desideriamo fare la nostra parte: portare al Governo la voce degli utenti e dei cittadini che utilizzano ed apprezzano il servizio.

In passato era già stato bandito il servizio Uber Pop, attivo invece nel resto dell'Europa, specialmente a Londra e Berlino, dove costituisce la modalità di spostamento privata numero uno, ma con il blocco di Uber Black si è arrivati al limite, a testimonianza ulteriore dell'arretratezza di pensiero italiana. Un cambiamento in Italia è obbligatorio: abbiamo dimostrato all'Europa di esserci con Expo 2015, ma dobbiamo continuare a farlo presente costantemente. L'appello quindi è rivolto al nostro Presidente del Consiglio Gentiloni e ai Ministri Delrio e Calenda, rispettivamente dei trasporti e dello sviluppo economico: qual è il futuro dell'Italia?

Continuerà ad essere il "Belpaese" fermo a 25 anni fa o finalmente si evolverà, seguendo il modello già adottato da altri? La parola finale spetta a voi: i cittadini hanno già espresso il proprio parere a riguardo, ora attendono solamente di essere ascoltati.


Uber taxi conducente Tribunale di Roma sospensiva ordinanza petizione firma


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548