Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
venerdì 15 dicembre 2017 | aggiornato alle 15:10 | 51816 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI

Genova firma un protocollo con Airbnb
Il Comune incassa la tassa di soggiorno

Primo Piano del 08 giugno 2017 | 10:38

Il Comune di Genova firma un protocollo con Airbnb il quale si impegnerà a versare nelle casse comunali l'intera tassa di soggiorno pagata dai turisti direttamente al momento della prenotazione sulla piattaforma. In città sono 4mila i posti letto privati a disposizione del turismo contro i 10mila tradizionali


Regolarizzare il fenomeno, ma senza ammazzarlo. Questo è il ragionamento fatto dal Comune di Genova che da oggi, con la firma di un protocollo ufficiale, farà pagare ai turisti la tassa Airbnb direttamente sulla piattaforma, ovvero al momento della prenotazione dell’alloggio privato. Di tempo ce ne è voluto molto (quasi un anno) ma alla fine entrambe le parti - Comune e Airbnb - hanno raggiunto l’accordo e sembrano esserne soddisfatte. A firmare il patto a Palazzo Tursi saranno formalmente l’assessore al turismo del Comune Carla Sibilla insieme a Chris Lehane, head of gobal policy Airbnb e il country manager per l’Italia Matteo Stifanelli. Anche Airbnb, infatti, vuole dare rilievo a questo accordo di «buona volontà» e rispetto delle regole.

Genova firma un protocollo con Airbnb Il Comune incassa la tassa di soggiorno
 
In tutto questo c’è una terza parte, anche consistente, che esulta ed è quella composta dagli albergatori genovesi che si erano lamentati non poco per questa nuova forma di ospitalità e ora, probabilmente, si sentono più tutelati o, quantomeno, protagonisti di una competizione più equa.

In linea teorica la tassa di soggiorno sarebbe stata sempre dovuta (anche se il regolamento comunale vecchio di anni contemplava ad esempio i bed & breakfast, ma non piattaforme come Airbnb). Ma essendo demandato il pagamento ai singoli che mettono in rete il proprio alloggio, la riscossione è stata fino ad ora quanto meno dubbia per non dire inesistente. Con la firma del protocollo invece al momento stesso della prenotazione chi sceglie un alloggio sulla piattaforma, ovviamente solo nel Comune di Genova, troverà conteggiata nei servizi anche la tassa di soggiorno e sarà direttamente Airbnb a versare l’importo agli uffici comunali per via informatica. «Abbiamo dovuto modificare il regolamento comunale - spiega l’assessore Sibilla - per riconoscere Airbnb come esattore e abbiamo dovuto risolvere alcuni problemi tecnici. La nostra intenzione è regolare il fenomeno, ma certamente non ammazzarlo. Ragioniamo in positivo. Le risorse che si renderanno disponibili le investiremo in massima parte in promozione».

A Genova il fenomeno Airbnb è piuttosto diffuso se si conta che sul territorio comunale sono circa 4mila i posti letto offerti da privati sulla piattaforma contro circa 10mila «tradizionali» tra alberghi e b&b. La tassa di soggiorno prevista è di un euro al giorno a persona per un massimo di 8 giorni (oltre viene meno l’obbligo) esclusi i minori di 14 anni e chi si trovi in città per terapie mediche o per assistere persone ricoverate. È stata poi allargata l’esenzione anche a studenti che risiedono per brevi periodi a Genova e sono stati introdotti altri «alleggerimenti».

Airbnb Genova Comune alloggio affitto albergo hotel posto letto tassa di soggiorno protocollo


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548