Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
domenica 17 dicembre 2017 | aggiornato alle 08:51 | 51827 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI

Una carta ricaricabile per evadere il fisco
Dalla Francia dure accuse ad Airbnb

Pubblicato il 04 dicembre 2017 | 12:53

Secondo indiscrezioni, Airbnb invita i suoi host, padroni di casa che offrono alloggi temporanei in affitto, a scegliere una carta di credito ricaricabile di Gibilterra, invisibile all’amministrazione fiscale francese.

«Non era probabilmente a questo che si riferiva l’Autorità antitrust italiana - afferma il direttore generale di Federalberghi, Alessandro Nucara - quando pochi giorni fa ha sottolineato l’esigenza di tutelare i portali che adottano modelli di business fortemente caratterizzati dal ricorso a strumenti telematici di pagamento. Ma il paradosso spiega bene la differenza che intercorre tra l’astratta teoria della concorrenza e la dura realtà di un mercato inquinato da abusivi ed evasori».

(Una carta ricaricabile per evadere il fisco Dalla Francia dure accuse ad Airbnb)

«Se l’obiettivo è il contrasto all’evasione fiscale - prosegue Nucara - i sistemi che consentono il pagamento estero su estero e le carte ricaricabili di dubbia tracciabilità non costituiscono certo un modello da promuovere. Ancora una volta - conclude Nucara - si conferma l’esigenza di una norma cogente, che preveda parità di trattamento fiscale per tutti gli operatori ed assicuri il rispetto delle regole, sanzionando in modo esemplare gli evasori e i loro sodali».

Il tema del mercato definito da molti abusivo o comunque dannoso per la concorrenza leale e che favorisce evasori e gestori di attività che non tutelano la salute del cliente è sempre più diffuso. Negli alberghi con Airbnb sul banco degli imputati insieme ad alcuni b&b ma anche nella ristorazione con la questione home restaurant, i suoi regolamenti, le sue limitazioni e leggi. Ma anche nei trasporti perché la questione Taxi-Uber è sempre d’attualità e non sembra trovare una soluzione idonea. Airbnb inoltre era già finita in una piccola bufera quando si era opposta, a parole e coi fatti, alla manovrina che aveva disposto che il portale e gli intermediari immobiliari avrebbero dovuto fare da sostituti d’imposta. Questo capitolo delle carte di credito, come finirà? Farà vacillare il giocattolo Airbnb?

A Milano intanto - dopo le indiscrezioni di giugno - la giunta di Palazzo Marino ha approvato le linee di indirizzo per il protocollo di intesa tra il Comune e i gestori dei portali web del turismo, per il versamento della tassa di soggiorno. La decisione apre la strada all'accordo tra l'amministrazione e Airbnb, che inizierà a raccogliere il canone dagli host a lui collegati per versarla nelle casse comunali. L'operazione prevede maggiori incassi nel 2018 per circa 3 milioni di euro.

«Airbnb sarà il primo dei portali con cui stipuleremo l'accordo, ma l'obiettivo è di estendere l'intesa a quanti più portali di intermediazione possibile», ha commentato l'assessore al Turismo, Roberta Guaineri. In particolare l'accordo tra Comune di Milano e Airbnb, che avrà validità di un anno con la possibilità del rinnovo, disciplina le modalità di riscossione dell'imposta comunale, l'assunzione da parte della piattaforma web degli obblighi previsti dalla normativa vigente e del regolamento dell'imposta di soggiorno. Un protocollo simile lo avevano già firmato anche Genova con entrata in vigore a giugno e Firenze che attuerà il regolamento da gennaio 2018

Airbnb tassa fisco carta ricaricabile imposta home restaurant bb Uber taxi


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548