Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
martedì 23 gennaio 2018 | aggiornato alle 12:57 | 52303 articoli in archivio

Vittorio Fusari passa il testimone
Ivan Milani in cucina al Pont de Ferr

Pubblicato il 09 gennaio 2018 | 18:05

Matias Perdomo prima, poi Vittorio Fusari e ora, alla guida delle cucine del Pont de Ferr, storica insegna sui Navigli milanesi, arriva il torinese Ivan Milani, reduce dall'esperienza di Piano 35.

Entrato da poco ma già padrone della situazione, Milani ha preso le redini di un locale che ha fatto la sua storia nella ristorazione meneghina, un locale che Maida Mercuri ha ideato al tempo a sua immagine e somiglianza, vale a dire contraddistinguendo l'ambiente con toni forti, volenterosi, competenti e se vogliamo un po' folli.

(Vittorio Fusari passa il testimone Ivan Milani in cucina al Pont de Ferr)

Com'era ieri, il Pont de Ferr è anche oggi: del buon vino e una cucina vera e sincera, un format che dalla fine degli anni '80 gli ha assicurato un posto di rilievo anche oggi nella scena gastronomica milanese. Sono stati sei i cuochi che hanno contribuito a mantenerne forte la nomea, e dopo Perdomo e Fusari - quest'ultimo rimasto per tre anni - ecco arrivare Milani, a portare avanti il locale durante il suo 31° anno di vita.

«Non ho scelto Milano - ammette il torinese Ivan - ma il Pont de Ferr e Maida. Ho scelto il progetto più che la città. E le prime impressioni - così riporta al Gambero Rosso - l'accoglienza in brigata, la dimensione dei Navigli, mi stanno già ripagando». Non è una novità il suo arrivo, e non lo nasconde nemmeno: già tre anni prima, quando Vittorio cominciò lì e Ivan si stanziò al Piano 35, tra lui e Maida c'era aria di possibile collaborazione. «Ci stimiamo e ci conosciamo da tempo, l'idea di una collaborazione ci è sempre piaciuta: lei apprezza la mia cucina, io il suo entusiasmo e la sua competenza».

(Vittorio Fusari passa il testimone Ivan Milani in cucina al Pont de Ferr)

Ed ecco che Fusari lascia per potersi dedicare la sua famiglia, dopo aver ringraziato Maida con una lettera («con cui brinderò - scrive, riferendosi a lei, Fusari - ancora e ancora, con l'amicizia di sempre»), ed ecco che Maida richiama Ivan e gli propone di prendere il testimone.

E con l'arrivo di Milani ecco come cambia il menu: tre grandi classici del locale restano, perché rispettare la storia del luogo è giusto. Tuttavia, accanto ci sono le creazioni che Milani porta con sé, e intanto vengono macinate idee ancora in divenire, sulle quali il cuoco lavorerà nei prossimi mesi. Si lavorerà molto sulla stagionalità, con tre diversi menu degustazione: la Tradizione (quella del Pont), il Gioco (che sarebbe la cucina di Ivan) e la Follia, «un menu sartoriale, alla cieca, da 11 a 13 piccole portate, per provare la dimensione più sperimentale della nostra cucina».

Per informazioni: www.pontdeferr.it

Pont de Ferr Navigli Milano Ivan Milani Vittorio Fusari Maida Mercuri menu degustazione Piano 35


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548