Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
mercoledì 25 aprile 2018 | aggiornato alle 04:51 | 53709 articoli in archivio

Enogastronomia e ristorazione:
Luca Zaia uomo dell’anno 2008

Primo Piano del 22 dicembre 2008 | 11:00

Luca Zaia, ministro delle Politiche agricole, è l'uomo dell'anno 2008 per il settore dell'enogastronomia italiana e del Made in Italy a Tavola. A decretarlo è un sondaggio svolto su un selezionato panel di lettori


Luca Zaia, ministro delle Politiche agricole, è l'uomo dell'anno 2008 per il settore dell'enogastronomia italiana e del Made in Italy a Tavola. A decretarlo è un sondaggio svolto su un selezionato panel di lettori di 'Italia a Tavola”, la prima rivista italiana con diffusione certificata nel mondo della ristorazione. Mille operatori della filiera agroalimentare italiana (dai produttori ai cuochi) sono stati invitati in forma riservata e anonima ad esprimere un nome che rappresentasse chi ha operato al meglio per il settore.



Con indicazioni libere, senza cioè alcun nome prefissato, Zaia ha raggiunto il 52% dei consensi, superando personaggi del calibro di Gualtiero Marchesi (al secondo posto con un più che lusinghiero 12%, che conferma il Rettore di Alma come il padre nobile della Ristorazione italiana), Emanuele Lattanzi (il cuoco eroe di Mumbai, che ha raggiunto l'11%), i Nas con l'8%, la Procura di Siena (soggetto principe dello scandalo di Brunellopoli) con il 4%, L'Espresso (il settimanale che ha aperto il caso di "Velenitaly" e delle sofisticazioni del vino) con il 3%, Andrea Sartori (il dinamico presidente dell'Unione italiana vini) con l'1%, Raffaele Alajmo (che propone un Forum dei ristoratori italiani) con l'1% e Matteo Scibilia (collaboratore di 'Italia a Tavola”) con l'1%. Seguono con indicazioni frazionate altri nominativi per un complessivo 7%.

Dai numeri emerge un dato su tutti: il settore dell'enogastronomia riconosce in Luca Zaia il ruolo di un politico di cui da tempo si sentiva la mancanza. Qualcuno capace di rappresentare al meglio una filiera che dagli allevatori o dai produttori di vino arriva fino ai ristoratori. Ugualmente significativa è l'affermazione di Gualtiero Marchesi, il Maestro che ha osato sfidare la sacra casta delle Guide sui ristoranti, a partire dalla filo-francese Michelin di cui ha messo in forse la credibilità. Al terzo posto, ben più di una piazza d'onore, Emanuele Lattanzi, l'eroe di Mumbai che ha portato alla ribalta il volto umano dei cuochi italiani che lavorano all'estero.

Degno di nota è poi il fatto che con un 9% totale il mondo del vino (fra Procura di Siena, L'Espresso ed Andrea Sartori, più come enti in verità che come persone fisiche) si collochi al 4° posto, a conferma della sua importanza (che solo ipotesi peregrine come lo 0,2% di limite di alcol per guidare potrebbe mettere in seria crisi…). Ugualmente importante è l'8% di indicazioni per i Nas, a riprova di come sia apprezzata l'attività di controllo e repressione delle frodi alimentari. Da notare, infine, come le uniche personalità che emergono sono poi quelle di Raffaele Alajmo (che ha goduto di grande attenzione mediatica) e di Matteo Scibilia, entrambi soggetti attivi di iniziative (non perfettamente coincidenti, anzi per molti versi alternative) per dare ruolo e peso sociale al settore della ristorazione.

Premio Italia a Tavola sondaggio Luca Zaia Gualtiero Marchesi


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548