Rotari
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 25 gennaio 2020 | aggiornato alle 13:20| 63136 articoli in archivio
HOME     VINO     CONSORZI

Brunello: si attende la decisione del Governo sulle garanzie verso gli Usa

Brunello: si attende la decisione del Governo sulle garanzie verso gli Usa
Brunello: si attende la decisione del Governo sulle garanzie verso gli Usa
Pubblicato il 22 giugno 2008 | 00:00

E adesso non resta che aspettare le decisioni del Governo sulla certificazione del Brunello. Se da un lato gli Usa sembrano avere allentato le maglie: il vino che è già in Dogana ci può restare anche dopo il 23 giugno,  ma per essere commercializzato ha comuqnue bisogno del certficato governativo. Tutto ciò si desume dalla nuova circolare del Ttb che ha fissato una nuova procedura per l'ingresso del Brunello negli Usa.
 A far data dal 23 giugno, il vino non verrà più bloccato alla frontiera se l'importatore non presenterà in dogana l'attestato firmato dal Governo italiano, come si leggeva nella circolare datata 17 giugno. Il vino entra comunque, mentre starà all'importatore essersi procurato nel frattempo il certificato di garanzia. Così recita infatti la seconda circolare Ttb datata 20 giugno, in cui si afferma che l'importatore non dovrà più esibire nulla al Customs border protection, l'ente che controlla le frontiere, bensì limitarsi a conservare l'attestato del Governo come prova di aver fatto le cose in regola in caso di eventuale controllo del Ttb, sia nei magazzini dell'importatore, sia nei punti vendita. In caso di irregolarità o di mancanza dell'attestato, si applicherà come pena la sospensione o la revoca della licenza.
Copme dire: la sostanza resta la stessa. Tutta da chiarir è infatti la posizione del Governo italiano che deve assumersi la responsabilità di tutto quello che verrà inviato in America. E lo deve fare nero su bianco, in una dichiarazione scritta su carta intestata firmata da un ufficiale di un'agenzia governativa, in cui si attesterà che il prodotto in oggetto (annata, brand, nome e indirizzo del produttore e rispetto del disciplinare) è vendibile come tale in Italia. L'attestato è valido per più partite dello stesso prodotto.
Di più, rispetto alla prima circolare, il Ttb fornisce anche il facsimile dell'attestato, già pronto per l'uso... (vedi allegato in PDF).

E come detto, il nodo da sciogliere adesso è chi materialmente verrà incaricato dal Governo italiano di prendersi la responsabilità di sottoscrivere l'attestato. A oggi il ministero non si è espresso. Una volta poi individuato l'ente, si dovrà stabilire la procedura: saranno i produttori di Brunello a fare letteralmente la fila per ottenere uno o più di questi certificati, che poi dovranno inviare ai loro importatori in Usa? Quali garanzie saranno richieste ai produttori? E, soprattutto, entro quanto si farà il tutto ?

Resta quanto già inidicato da tempo: chi è in regola potrebbe passare velocemete le forche caudine dle controllo (magari attraverso autocertificazioni in dichiarazione al Governo), ma chi non lo è ed è per questo sotto inchiesta che farà?

Articoli correlati:

Gli Usa importeranno solo Brunello garantito dal Governo e col 100% di Sangiovese 

Brunello: Zaia nomina tre garanti per i controlli. E Marone Cinzano si dimette

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).