Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 16 novembre 2019 | aggiornato alle 22:44| 62052 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     ALIMENTI     DOLCI e GELATO

Gelato, produzione in calo (-15%)
Italia solo terza in Europa

Gelato, produzione in calo (-15%) 
Italia solo terza in Europa
Gelato, produzione in calo (-15%) Italia solo terza in Europa
Primo Piano del 26 agosto 2019 | 14:40

Nel 2018 il nostro Paese è stato scavalcato anche dalla Francia. In testa rimane la Germania, con 494 milioni di litri prodotti. L’Italia, secondo Eurostat, ne ha prodotti l’anno scorso 435 milioni. Ma il settore regge: nel Paese ci sono 40mila gelaterie che danno lavoro a circa 150mila persone. Utilizzate 220mila tonnellate di latte e 21mila di frutta fresca.

In Italia si produce sempre meno gelato. Pur essendo, gli italiani, tra i maggiori consumatori, con una media pro capite di circa 6 chilogrammi all’anno, nel nostro Paese se ne fa di meno, rispetto al passato. È quanto emerge dai dati Eurostat analizzati da Coldiretti: nel 2018 la produzione nazionale è crollata addirittura del 15%, fermandosi ad “appena” 435 milioni di litri. In Europa fanno meglio la Francia, che con 451 milioni di litri ci ha ormai superato, e soprattutto la Germania, con 494 milioni di litri.

In Italia si consumano 6 chili di gelato a testa ogni anno (Gelato, produzione in calo (-15%)Italia solo terza in Europa)
In Italia si consumano 6 chili di gelato a testa ogni anno

«Uno smacco per l’Italia - sottolinea la Coldiretti - dove la produzione di gelato è nata oltre 500 anni fa con le prime notizie che risalgono alla metà del XVI secolo nella corte medicea di Firenze con l’introduzione stabile di sorbetti e cremolati nell’ambito di feste e banchetti, anche se fu il successo dell’export in Francia a fare da moltiplicatore globale con il debutto ufficiale in terra americana dove la prima gelateria venne aperta a New York nel 1770 grazie all’imprenditore genovese Giovanni Bosio».
 
Da allora la corsa del gelato non si è più fermata in tutto il mondo, anche grazie al consistente flusso migratorio dall’Italia di mastri gelatai. Tra i Paesi di destinazione privilegiati proprio la Germania, «dove - precisa la Coldiretti - l’arte è stata rapidamente appresa e diffusa tanto da conquistare il primato europeo nella produzione. La globalizzazione del gelato è stata senza dubbio spinta dall’interesse crescente delle multinazionali molto presenti nel settore e attente nel fare shopping di prestigiosi marchi emergenti».

Il gelato resta comunque uno degli alimenti più amati dagli italiani che ne consumano ogni anno 6 chili testa grazie alla presenza di quasi 40mila le gelaterie dove si stima lavorino oltre 150mila addetti. «Ad essere preferito è di gran lunga il gelato artigianale nei gusti storici anche se - continua la Coldiretti - cresce la tendenza nelle diverse gelaterie ad offrire “specialità della casa” che incontrano le attese dei diverse target di consumatori, tradizionale, esterofilo, naturalista, dietetico o vegano».

Un settore, quello della gelateria, che genere un indotto importante, con l’utilizzo di 220mila tonnellate di latte, 64mila di zuccheri, 21mila di frutta fresca e 29mila di altre materie prime.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


dolci gelato dessert icecream produzione frutta fresca calo italia europa germania francia eurostat zuccheri giovanni bosio gelaterie coldiretti

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).