Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 19 novembre 2019 | aggiornato alle 09:26| 62072 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     ALIMENTI     LATTICINI e UOVA

Gli agricoltori Usa chiedono
dazi sui formaggi made in Italy

Gli agricoltori Usa chiedono 
dazi sui formaggi made in Italy
Gli agricoltori Usa chiedono dazi sui formaggi made in Italy
Primo Piano del 24 maggio 2019 | 17:44

I produttori di formaggio americani del Consortium of Common Food Names hanno chiesto al presidente degli Stati Uniti Donald Trump di limitare le importazioni di formaggi europei, oltre che di chiudere le dogane. Se ciò avvenisse, sarebbe un duro colpo per i prodotti europei e, in particolare, per tanti marchi del made in Italy.

Nella loro richiesta, i produttori americani rivendicano la genericità di molte indicazioni geografiche europee, una motivazione del tutto “priva di fondamento e che va smontata”, ha detto il presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano, Nicola Bertinelli.

(Gli agricoltori Usa chiedono dazi sui formaggi made in Italy)

«Il mercato dell'Unione europea è aperto al 100% all'import di indicazioni geografiche americane - ha detto Bertinelli - Così come il Cafè de Colombia e la tequila messicana hanno ottenuto il riconoscimento dell'Unione europea, i produttori del Wisconsin possono richiedere di registrare come Dop o Igp, in base alle regole Ue, ad esempio un loro Cheddar. Nessuna barriera può essere messa a tale percorso. Viceversa, alla pretesa di usurpare nomi e prodotti che per il consumatore europeo sono indicazioni geografiche riconosciute, non potremo che opporre sempre e comunque il più totale sbarramento».

Gli Stati Uniti, ricorda il Consorzio del Parmigiano Reggiano, rappresentano il terzo mercato per il "Re dei formaggi" made in Italy, dopo Italia e Francia con oltre 10mila tonnellate di formaggio esportato.

Sul caso è intervenuta anche la Coldiretti, che ha parlato dell’intenzione degli Stati Uniti di “invadere il vecchio continente con le imitazioni a stelle e strisce dei formaggi europei”, che negli Usa hanno raggiunto solo per i tarocchi di tipo italiano il quantitativo record di 2,4 miliardi di chili all’anno. «L’associazione casearia statunitense - denuncia la Coldiretti - chiede di imporre dazi alle importazioni di formaggi europei se non verrà aperto il mercato dell’Unione ai tarocchi statunitensi venduti anche con nomi che richiamano esplicitamente le specialità casearie più note del Belpaese senza averci nulla a che fare, dalla mozzarella alla ricotta, dal provolone all’asiago, dal parmesan al romano ottenuto però senza latte di pecora. A differenza delle produzioni Dop quelle statunitensi - precisa la Coldiretti - non rispettano i rigidi disciplinari di produzione dell’Unione Europea che definiscono tra l’altro, le aree di produzione, il tipo di alimentazione e modalità di trasformazione».

Una richiesta rafforzata dal fatto, sempre secondo Coldiretti, che con il accordo di libero scambio con il Canada (Ceta) per la prima volta nella storia l’Unione Europea ha legittimato in un trattato internazionale la pirateria alimentare a danno dei prodotti Made in Italy più prestigiosi, accordando esplicitamente il via libera alle imitazioni che sfruttano i nomi delle tipicità nazionali, dall’asiago alla fontina dal gorgonzola, ma può anche essere liberamente prodotto e commercializzato dal Canada falso Parmigiano Reggiano con la traduzione di parmesan.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


latticini fromage formaggi made in italy formaggio parmigiano reggiano consorzio tutela parmigiano reggiano coldiretti nicola bertinelli Cafe de Colombia tequila ceta canada export esportazioni parmesan Consortium Common Food Names

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).