Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 15 dicembre 2019 | aggiornato alle 23:11| 62568 articoli in archivio
HOME     ALIMENTI     TENDENZE e MERCATO

Dazi, nuove minacce Usa
Nel mirino c’è ancora l’Italia

Dazi, nuove minacce Usa 
Nel mirino c’è ancora l’Italia
Dazi, nuove minacce Usa Nel mirino c’è ancora l’Italia
Primo Piano del 03 dicembre 2019 | 08:56

Questa volta gli Stati Uniti si sentono minacciati dalla digital tax che colpisce i colossi americani della tecnologia. Il presidente Donald Trump si è detto pronto a colpire innanzitutto la Francia per 2,4 miliardi. In Italia i rincari introdotti a ottobre stanno interessando soprattutto il settore agroalimentare, con danni per le esportazioni.

Gli aerei stavolta non c’entrano: a scatenare una nuova guerra commerciale, che si aggiungerebbe a quella già in atto da metà ottobre, potrebbe essere la digital tax, ovvero l’imposta che costringe le corazzate americane a pagare le tasse anche in Europa. Per questo nelle scorse ore il presidente Usa Donald Trump è passato di nuovo all’offensiva, minacciando nuovi rincari, fino addirittura al 100%, sulle importazioni dal vecchio continente.

Nuova offensiva di Donald Trump contro l'Europa (Dazi, nuove minacce UsaNel mirino c’è anche l’Italia)
Nuova offensiva di Donald Trump contro l'Europa

Il primo Paese ad essere interessato, per un valore commerciale di 2,4 miliardi di euro, sarebbe la Francia, ma le minacce americane si sono già estese anche ad altre nazioni, tra cui l’Italia. Per il nostro Paese, che già subisce (ingiustamente, perché non ha mai fatto parte del consorzio Airbus) le rivendicazioni americane in merito alla querelle sugli aiuti di Stato all’azienda aeronautica europea, non è una bella notizia. E con l’Italia iniziano a tremare anche Austria e Turchia.

Ma l’America di Trump non guarda in faccia a nessuno (e questo lo abbiamo capito quando anche l’intervento del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, e quello del premier Giuseppe Conte, si sono rivelati vani ai fini di uno sconto sui dazi di ottobre): il nuovo affondo contro Parigi arriva infatti a poche ore dalla decisione di Washington di reintrodurre dazi su acciaio e alluminio contro Brasile e Argentina, accusate di aver svalutato la loro divisa e danneggiato gli agricoltori americani.

Per quel che riguarda la digital tax, secondo gli americani la Gafa tax applicata in Francia riguarderebbe solo Google, Apple, Facebook e Amazon. E ancora: altre aziende Usa danneggiate da Parigi sarebbero Groupon, eBay, Match Group e Expedia.

Le procedure americane verso i dazi anti-francesi non sono ancora completate: audizioni pubbliche sulla proposta sono programmate a partire da 7 gennaio. Il periodo di commenti pubblici sui dazi durerà inoltre almeno fino al 14 gennaio. Solo dopo simili scadenze potrebbero entrare in vigore le rappresaglie. L'elenco dei prodotti francesi nel mirino de dazi - in tutto raggruppati in 63 categorie - comprende vini, formaggi, borse e porcellane. La cifra di 2,4 miliardi è circa il 5% del valore dell'export francese negli Usa, pari a 52 miliardi l'anno. L’Italia per ora non c’è, ma l’avvertimento è già partito e le esportazioni verso il Nord America, in questi mesi di dazi, sono già crollate.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


alimenti dazi dazi usa digital tax usa america parigi francia italia agroalimentare export esportazioni commercio cibo formaggi vino Donald Trump sergio mattarella giuseppe conte

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).