Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 14 dicembre 2019 | aggiornato alle 17:49| 62568 articoli in archivio

Monza, sanzioni fino a 500 euro per chi vende alcol ai minori di 16 anni

Monza, sanzioni fino a 500 euro per chi vende alcol ai minori di 16 anni
Monza, sanzioni fino a 500 euro per chi vende alcol ai minori di 16 anni
Pubblicato il 17 giugno 2009 | 23:50

Ordinanza ideata dagli assessori Lega e Pdl: bisognerà mostrare i documenti per poter acquistare vino e birra. Il divieto vale per bar e ristoranti, ma anche per i negozi alimentari. Le nuove nome cittadine entreranno in vigore il 1° luglio sulla base del decreto Maroni sulla sicurezza

 Da il corriere.it

Vietato mandare il figlio adolescente al supermercato a comperare vino o birra. Vietato ai minori di 16 anni chiedere una birretta per accompagnare la pizza dopo il cinema. Vietato tentare di aggirare vincoli e norme cercando di acquistare gli alcolici dal droghiere. E' Monza il primo Comune italiano a introdurre il divieto di vendita di alcolici ai minori di 16 anni, inasprendo l'articolo 689 del Codice Penale che ne vieta già la somministrazione. L'ordinanza firmata, in virtù del decreto Legge Maroni, dal sindaco di centrodestra Marco Mariani entrerà in vigore dal primo luglio e in pratica renderà impossibile, o realisticamente solo più complicato, per un minore di 16 anni acquistare alcolici in un locale come in un supermercato.

SANZIONI PER I NEGOZIANTI - Non solo: esercenti e impiegati dei supermercati avranno il diritto-dovere di chiedere i documenti ai giovanissimi che vogliono acquistare alcolici. Se il commerciante non applica il divieto, rischia di incappare in una sanzione fino a 500 euro, che la Giunta, nei prossimi giorni, porterà a 400. L'assessore leghista alla Sicurezza Massimiliano Romeo, che insieme con il suo collega del Pdl alle Attività produttive Paolo Gargantini ha ideato l'ordinanza, spiega: «L'amministrazione vuole dare un segnale educativo, in un Paese che ha il non invidiabile primato di precocità all'iniziazione all'alcol, perché i giovani sono i consumatori di domani e se li educhiamo oggi diminuiremo gli effetti negativi nella società futura».

«SCHIAMAZZI E VANDALISMI» - Nel capoluogo brianzolo, 120mila anime e una discreta ricchezza diffusa, sono 5.329 i ragazzi tra gli 11 e i 15 anni, cioè nella fascia indicata dall'Istat come quella più a rischio con uno su cinque che beve alcol. «A Monza abbiamo il fenomeno dei ragazzini che comprano alcolici nei bar o nei supermercati per poi andare a consumarli nei giardini pubblici o nelle piazze dove creano disagi e turbano la quiete pubblica abbandonandosi a schiamazzi, danneggiamenti e vandalismi», afferma Romeo. Arriva così un'altra misura della filosofia politica della tolleranza zero varata dal centrodestra e che ha già colpito nomadi e prostitute. «L'Unione del Commercio, con cui abbiamo lavorato molto, ha sposato quest'iniziativa e ci aiuterà a fare rispettare l'ordinanza». Ora c'è da scommettere che molti Comuni, soprattutto governati dal centrodestra, copieranno l'ordinanza monzese, sulla cui applicazione vigilerà la polizia municipale.

Fonte: corriere.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).