Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 19 gennaio 2020 | aggiornato alle 21:00| 63004 articoli in archivio
HOME     ALIMENTI     FRUTTA e VERDURA

Tutti i colori del pomodoro Usi e curiosità del re dell'orto

Tutti i colori del pomodoro Usi e curiosità del re dell'orto
Tutti i colori del pomodoro Usi e curiosità del re dell'orto
Pubblicato il 07 settembre 2009 | 16:24

L'enologo fiorentino Nicolò d'Afflitto, che nella sua tenuta a Castel Ruggero coltiva 300 specie diverse di pomodoro, spiega trucchi, usi gastronomici e qualità dei suoi tesori. Da quelli ottimi per l'insalata al pomodoro giusto per i sughi fino a quelli neri che contengono sostanze antitumorali

Riportiamo da Firenze.Repubblica.it

'
 «Mi dia un chilo di pomodori». Avete già sbagliato. "Pomodori" e basta non vuole dire niente. Cattiva abitudine di un paese che si considera il re della pomarola e che di pomodori ne conosce molte meno specie degli altri: 20 su 1.200. Come spiega l'enologo fiorentino Nicolò d'Afflitto che ha maturato fin da bambino una passione, da quando i genitori nella tenuta di Castel Ruggero a due passi da Firenze gli davano 300 lire per annaffiare i pomodori. Tanto che ora coltiva, sempre a Castel Ruggero, 300 varietà di pomodori. Meglio non usare il saporito ortaggio a caso: ogni ricetta vuole il suo tipo. E ce ne sono tanti.

Come farà conoscere d'Afflitto oggi, quando a Castel Ruggero organizza per una quantità di amici e intenditori, insieme alla moglie Pascale e con la collaborazione del ristorante "La Tenda Rossa", la giornata dei "Pomodori in festa": assaggi delle 50 varietà più emblematiche di pomodori rossi, rosa, bianchi, verdi, gialli, neri, arancioni; a fette con olio e sale per cominciare, seguiti da lecca lecca di ciliegini di ogni colore coperti di caramello con peperoncino, croccante il caramello e acquoso da sciogliersi in bocca invece il ciliegino. Poi, pappa al pomodoro, gelato al pomodoro e altre specialità. D'Afflitto ci offre alcune chiavi di orientamento. Cominciando con lo sfatare il mito che i pomodori da mangiare in insalata debbano essere semi-verdi. «I più buoni sono quelli belli maturi. Il pomodoro insalataro deve essere acquoso per rinfrescare il palato, maturo, di qualsiasi colore. Il semi-verde è solo un'astuzia commerciale perché per mangiarlo a maturazione perfetta bisognerebbe coglierlo la mattina per la sera. La nostra filiera di vendita va accorciata».

Insalatari maturi. Ma quali sono i migliori? «In Toscana ci sono il tipico costoluto, il tondo fiorentino, il cuore di bue, il pomodoro bistecca che è grande, appunto come una bistecca. I più buoni sono gli ultimi due, il tondo lo è meno, lo si vende molto perché in commercio vince il criterio di conservabilità e resistenza su quello del sapore. Come per i cosiddetti pomodori a grappolo, i pendolini». Ma il cuore, ovvero il palato, di d'Afflitto lo ha rubato l'americano insalataro Brandy Wine.

La pasta. Fare il sugo con pomodori poco acquosi e con poca buccia. «Meglio di tutto i Pachino, i pomodori più saporiti in assoluto che si trovano sempre, estate e inverno». Il San Marzano, che invece di acqua ne ha, va bene per la pappa dove il pane si deve bagnare. è oblungo, ma non così a rombo e con la buccia più sottile del Roma che è buccione e secchissimo («guai a mangiarlo crudo - dice d'Afflitto - è come cartone»), ottimo invece per schiacciate o pizza dove la pasta deve restare asciutta. Va bene anche per i succhi perché il passino toglie via la buccia. Acqua o non acqua. è una delle sei principali differenze che fanno il pomodoro. Oltre alla dimensione della pianta, un metro e 80 quella dei San Marzano, 40 centimetri per il Roma. Alla buccia: più dura nei pomodori cresciuti sull'argilla, più sottile sulla sabbia. Le foglie, ce ne sono perfino alcuni che le hanno a palline e sono cattivissimi. La forma. Il colore e così via.

 Il colore che è la cosa più curiosa. In Russia vanno fortissimo i pomodori neri. «Ora cominciano a essere di moda dappertutto, dopo che li si è detti ricchi di sostanze antitumorali, ma perché siano efficaci ne andrebbero mangiati 3 o 4 chili al giorno. Molti però sono buonissimi». Il verde è il colore dello zucchero e non a caso i pomodori verdi vengono usati nelle marmellate, «ma ricordiamoci che è una specie a parte che resta verde anche quando matura, è un errore colossale confonderla con i pomodori acerbi». Il pomodoro giallo, l'originale pomo "d'oro" che venne dall'America, è acido e viene usato per bilanciare il verde delle marmellate, oltre che per ricette che vogliono il sapore acido. Il rosa è un ibrido più delicato e meno saporito del rosso. Il bianco sa di poco. L'arancione è squisito nei ciliegini, ha spesso scritto accanto anche "muscat", perché sa di moscato, ma se esagera diventa immangiabile.
Ilaria Ciuti
firenze.repubblica.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).