Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 09 aprile 2020 | aggiornato alle 05:27| 64734 articoli in archivio
HOME     BIRRA    

Gli italiani amano le "bionde" Ma le conoscono poco

Gli italiani amano le
Gli italiani amano le "bionde" Ma le conoscono poco
Pubblicato il 19 maggio 2010 | 15:00

La ricerca Doxa/AssoBirra rimanda a settembre gli italiani che hanno idee confuse e sbagliate sulla birra. E sì che viene bevuta da quasi 2 italiani su 3, il 49% dei quali la sorseggia una o più volte a settimana. Tra gli errori più comuni che la birra sia nata in nord Europa nel Medioevo

«Birra, e sai cosa bevi! Meditate gente, meditate!». Era il 1980 quando Renzo Arbore invitava gli italiani a fidarsi della bontà e genuinità di questa bevanda antica come la storia dell'uomo in una memorabile campagna pubblicitaria per gli industriali della birra. Trent'anni dopo AssoBirra, l'Associazione che riunisce i produttori italiani di birra e malto, festeggia l'anniversario della pubblicità di allora recuperandone lo storico slogan. Con cui battezza una nuova campagna di comunicazione interattiva che si propone di scoprire se oggi davanti a un bicchiere di birra sappiamo veramente cosa beviamo.

«Oggi, praticamente una generazione dopo, molta strada è stata fatta - spiega Piero Perron, presidente di AssoBirra. Si pensi all'ampliamento e al miglioramento qualitativo dell'offerta di birra, o all'instaurarsi di una tendenza al consumo a pasto o a ridosso del pasto nel segno della nostra tradizione mediterranea. Ma la ricerca Doxa conferma che gli italiani hanno ancora molto da imparare su questo prodotto e la sua cultura. Per far cadere queste ataviche barriere che, ancora oggi, frenano una significativa porzione di italiani nell'avvicinarsi a questa bevanda naturale e antica quanto la storia dell'uomo, abbiamo deciso di rilanciare il messaggio di allora con il linguaggio di oggi, supportato dal prezioso contributo di tanti autorevoli esperti».

La ricerca Doxa/AssoBirra, realizzata a marzo 2010 su un campione nazionale di mille italiani maggiorenni rappresentativo della popolazione adulta, "rimanda a settembre" i nostri connazionali, che hanno ancora troppe idee confuse e sbagliate sulla birra. E sì che viene bevuta da quasi due italiani su tre (63%), il 49% dei quali la sorseggia una o più volte a settimana. Parliamo di circa 32 milioni di persone che "amano le bionde" ma non le conoscono come dovrebbero.

Un italiano su due (49%) ritiene, a torto, che questa bevanda sia nata nel Medioevo in qualche Paese del nord Europa. Anche se il 79% si "salva in corner" considerandola invece compatibile con lo stile di vita mediterraneo. Le ripetizioni arrivano dall'antropologo alimentare Sergio Grasso:«è assolutamente falso. La birra nasce 50 secoli fa in Mesopotamia e si è diffusa prima in Egitto e poi in tutto il Mediterraneo, prima di approdare al nord e a condizioni climatiche più favorevoli alle colture dei cereali rispetto a quella della vite. Resta il fatto che mediterranea è la nascita, la storia e la tradizione della birra, così come mediterranei sono i cereali, ingredienti alla base della birra e della nostra dieta, considerata la più sana del mondo».

Il 73% degli italiani, ed è il pregiudizio più diffuso, la birra non la porta mai (o solo "raramente) in tavola, a casa propria, perché continua ad essere vittima del luogo comune che la vede star bene in abbinamento solo con la pizza.

Altri luoghi comuni ben radicati (da circa 15-20 milioni di italiani) sono quelli che fanno riferimento al fatto che la birra gonfierebbe e farebbe ingrassare. Nel dettaglio, per 4 italiani su 10 la birra gonfia. Anche se per un italiano su 2 (53%) lo farebbe come o più di altre bevande gassate e zuccherate. In realtà quel che conta - oltre alla regola aurea della moderazione - è saperla versare correttamente per far sviluppare la schiuma.

La sua corretta formazione nel bicchiere, non a caso tra gli indicatori più noti di un corretto servizio, elimina l'eccesso di anidride carbonica ed evita così che questa vada a finire nello stomaco, come spiega Carlo Cannella, biochimico nutrizionista: «Che la birra gonfi è una leggenda metropolitana. A patto, ovviamente di non esagerare con la quantità, come fanno nel nord Europa. La schiuma della birra, che si sprigiona quando la versiamo nel bicchiere, è fatta di bollicine di anidride carbonica che si sviluppano naturalmente durante la fermentazione dei cereali. Tra l'altro, nella maggior parte delle birre che beviamo, i lieviti responsabili della fermentazione non sono più presenti grazie al processo di filtrazione e pastorizzazione».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


birra assobirra cibo gastronomia Italia a tavola tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®