ABBONAMENTI
 
Castel Firmian
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 19 settembre 2020 | aggiornato alle 19:56 | 67855 articoli in archivio
Castel Firmian
Ros Forniture Alberghiere

Dormire poco sarebbe meglio Per stare bene bastano 5 ore

Dormire poco sarebbe meglio Per stare bene bastano 5 ore
Dormire poco sarebbe meglio Per stare bene bastano 5 ore
Pubblicato il 05 ottobre 2010 | 10:17

Uno studio dell'Università della California di San Diego dimostra, osservando i volontari alla ricerca per 14 anni, che per stare bene bastano meno di sette ore di sonno. Anzi, in contrordine con le precedenti teorie e ricerche, è auspicabile un sonno che va dalle 5 alle 6 ore e mezza

Buona notizia per gli insonni. Uno studio dell'Università della California di San Diego dimostra, osservando i volontari alla ricerca per 14 anni, che per stare bene bastano meno di sette ore di sonno e smentisce così una precedente ricerca della West Virginia University che, determinando il giusto tempo di sonno in sette ore, sosteneva che chi dorme meno aumenta le proprie possibilità di andare incontro a malattie cardiache o addirittura di terminare la propria vita entro i 65 anni.

Per quattordici anni i ricercatori californiani, guidati dal professore emerito di psichiatria Daniel Kripke, anziché limitarsi a fare domande sulle abitudini notturne delle 450 volontarie coinvolte nella ricerca, di età compresa tra i cinquanta e gli ottantuno anni, ne hanno monitorato il sonno attraverso il controllo dell'attività cardiaca a livello del polso.

«La sorpresa è stata che, grazie a una misurazione oggettiva del sonno - ha dichiarato il professor Kripke - il maggiore tasso di sopravvivenza è stato registrato tra le donne che dormono dalle cinque alle sei ore e mezza per notte». Mentre coloro che hanno trascorso poco tempo, o troppo, tra le braccia di Morfeo hanno visto calare sensibilmente la durata della propria vita: nel corso dei quattordici anni dello studio, pubblicato online sul giornale Sleep Medicine, 86 donne sono infatti decedute proprio tra coloro che indugiavano meno di 5 ore o più di sei ore e mezza tra le coperte.

Il sonno viene spesso definito come uno stato di riposo contrapposto alla veglia, ma questo non è del tutto esatto. Infatti si tratta di un processo fisiologico vero e proprio, durante il quale, per esempio, alcune cellule cerebrali hanno un'attività 5-10 volte maggiore rispetto alla veglia. Inoltre è risaputo che il riposo favorisce la riparazione cellulare, mentre l'insonnia causa un aumento della pressione sanguigna e riduce la tolleranza del glucosio, innalzando i rischi di malattie cardiovascolari. Infine le persone che dormono poco tendono a mangiare molto e a risultare meno attraenti di chi riposa correttamente.

Insomma che l'insonnia sia nociva è pur sempre vero, come è vero che "il troppo stroppia", persino nel sonno. Ma il numero perfetto non è più sette: è cinque ore, al massimo sei.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


sonno dormire salute benessere Italia a Tavola salute Alimentazione diete

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®