Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 08 luglio 2020 | aggiornato alle 12:57| 66604 articoli in archivio
Allegrini
Molino Quaglia
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO

A Milano nei ristoranti giapponesi
nessun rischio di cibo contaminato

A Milano nei ristoranti giapponesi nessun rischio di cibo contaminato
A Milano nei ristoranti giapponesi nessun rischio di cibo contaminato
Pubblicato il 29 marzo 2011 | 18:08

In seguito alle calamità in Giappone e alla questione della radioattività, alcuni dei più famosi ristoranti giapponesi di Milano rassicurano: le importazioni sono state bloccate, quindi tutto ciò che arriva sulle tavole dei locali nipponici appartiene a stock antecedenti o non proviene dal Giappone

MILANO - Numerosi proprietari dei ristoranti giapponesi di Milano rassicurano la propria clientela dopo il terribile cataclisma che si è abbattuto sul Giappone e i conseguenti problemi legati alla radioattività.

Le importazioni di alimenti giapponesi dopo quella fatidica data sono state bloccate, quindi tutto ciò che giunge oggi sulle tavole dei locali nipponici appartiene a stock antecedenti a quel momento o, in ogni caso, non proviene direttamente dal Giappone.



I ristoratori precisano che molti degli alimenti da loro utilizzati giungono da altre regioni del globo: il pesce viene dal Mediterraneo: «Per noi è un vanto portare in tavola il pesce del nostro mare» precisa Raffaella Stucchi direttrice di Spazio Sushi.

«Il riso che utilizziamo è di qualità giapponese, ma viene coltivato comunque in Italia», aggiunge Cristina, titolare dell'elegante locale Myama a San Siro. «Vorrei far presente che i piatti a base di ingredienti nipponici non vengono serviti, qualora i prodotti non siano sostituibili con quelli europei», spiega Cheng Hu, proprietario del ristorante nipponico Kandoo. D'altronde, i menu dei ristoranti giapponesi sono solitamente molto variegati: «basta pensare agli oltre cento piatti del nostro menu per rendersi conto che l'alternativa si può trovare» dice Shao Hu del ristorante fusion Perla d'Oro.

Qui di seguito alcune interessanti dichiarazioni rilasciate alla stampa da Coldiretti e ministero della Salute.

'
Il fantasma dell'incubo nucleare dal Giappone arriva fino sulle tavole dei ristoranti jap di casa nostra. Si può mangiare il sushi, mentre le centrali nucleari bruciano e cedono dopo i terremoti e lo tsunami che hanno devastato il Giappone? O c'è il rischio che si tratti di cibi contaminati dalle radiazioni?Secondo ministero della Salute e Coldiretti, non ci sono pericoli. Il ministro Ferruccio Fazio infatti, per evitare ogni rischio, ha imposto il blocco all'importazione di cibi (pesce e verdure lavorate) del Sol Levante che sono stati confezionati dopo l'11 marzo 2011, giorno in cui il terremoto di magnitudo 9 e lo tsunami hanno messo in ginocchio il Paese.

Dunque, al momento non ci sono possibilità di trovare nel piatto alimenti esposti alle radiazioni, dalle alghe, comunque a basso rischio e che contengono iodio (utile contro le radiazioni), alla soia. Si tratta di alimenti eventualmente importati prima della tragedia giapponese. «E i ristoranti giapponesi usano pesce locale», continua il ministro. Lo stesso vale per il riso.
(da un articolo di Federica Macotta su OK! La salute prima di tutto! 16  marzo 2011)


'

Provare per credere: il ministro della Salute Ferruccio Fazio, per scagionare dal panico radioattivo il sushi, ha mangiato una porzione del tipico piatto nipponico in diretta, durante la trasmissione di Radio 2 Un giorno da pecora. «Si può andare tranquillamente al ristorante giapponese», ha spiegato il ministro, sottolineando che salmone e tonno usati per il sushi non arrivano dal Giappone, ma dal Mediterraneo o dal Nord Europa.
(dal blog OK! La salute prima di tutto! 25 marzo 2011)


'

La percentuale di noi che si pone il problema di pensare cose sufficientemente intelligenti è in caduta libera, crediamo che tutto il sushi del mondo sia fatto col pesce radiottivo, e dimentichiamo che da quando si mangia ai 4 angoli del pianeta, la possibilità che il nostro sushi e i suo ingredienti provengano dalle 4 prefetture a rischio: Fukushima, Ibaraki, Tochigi e Gunma, praticamente è inesistente. Già prima del terremoto la soia spesso arrivava dall'Olanda, la birra dalla Germania, le alghe dalla Cina, il tè dello Sri Lanka”.
(da un post di Massimo Bernardi su Dissapore, 21 marzo 2011)


Articoli correlati:
Cibo e acqua contaminati Preoccupa l'allarme nucleare
Allarme cibo in Giappone Pericolo di sostanze radioattive
Rischio contaminazioni, Galan: «Il cibo importato è sicuro»
Il rischio di inquinamento radioattivo minaccia la catena alimentare
Allarme nucleare in Giappone L'Italia blocca le importazioni

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


giappone ristoranti milano cibo Italia a tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®