Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 04 luglio 2020 | aggiornato alle 18:07| 66552 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI
di Lucio Tordini
Lucio Tordini
Lucio Tordini
di Lucio Tordini

Tassa di soggiorno in vigore a luglio
Federalberghi Toscana chiede ricorsi

Tassa di soggiorno in vigore a luglio 
Federalberghi Toscana chiede ricorsi
Tassa di soggiorno in vigore a luglio Federalberghi Toscana chiede ricorsi
Pubblicato il 21 giugno 2011 | 11:43

A partire dal 1° luglio a Firenze entrerà in vigore la tassa di soggiorno, che comporterà il pagamento da 1 a 5 euro a seconda del numero di “stelle” della singola struttura ricettiva. Il presidente di Federalberghi Toscana parla di violazioni in termini di decorrenza e di modalità di applicazione

Paolo Corchia«Un tipico balzello medievale»: sono queste le parole che il presidente di Federalberghi Toscana, Paolo Corchia (nella foto a sinistra), ha usato per definire la nuova tassa di soggiorno che a Firenze entrerà in vigore il 1° luglio prossimo. Intervistato da 'Italia a Tavola”, Corchia ha sottolineato come sia «impossibile avviare processi di innovazione introducendo un'imposta che allontana e disperde la vera ricchezza delle città italiane: i turisti».

Il consiglio comunale del capoluogo toscano ha dato infatti il via libera all'istituzione del contributo di soggiorno che a Firenze consisterà in un contributo da 1 a 5 euro a notte, in base alle caratteristiche delle strutture ricettive (cioè a seconda del numero di 'stelle”). Le previsioni fatte da Palazzo Vecchio parlano di circa 10 milioni di incasso entro la fine dell'anno, mentre saranno circa 20 milioni nel 2012. «In questo modo - ha fatto notare Corchia - rischiano di saltare viaggi organizzati già da molto tempo con i tour operator. E non ha senso - ha aggiunto - che l'entità della tassa sia calibrata sul numero delle stelle, bensì dovrebbe riferirsi, casomai, al prezzo della camera».

Matteo RenziNel corso dell'assemblea degli albergatori della Toscana che si è svolta nei giorni scorsi a Viareggio, il presidente Corchia ha sottolineato che guardando al caso della Capitale ci si può rendere conto perfettamente degli effetti dannosi del nuovo balzello. «Il turismo italiano - ha affermato - ha pagato e soprattutto pagherà‭ ‬un grave scotto sull'altare dello scambio tra l'Associazione nazionale dei Comuni e la Lega Nord circa la legislazione sul federalismo fiscale.‭ ‬Roma,‭ ‬dove la tassa di soggiorno ‬è stata introdotta un anno fa,‭ ‬ha perduto il‭ ‬20‭‬%‭ ‬delle comitive a vantaggio di aree limitrofe del Lazio,‭ ‬dove la tassa fino ad oggi non si pagava.‭ ‬L'introduzione della tassa sui bus turistici ha prodotto negli ultimi due anni un crollo di questo segmento di circa il‭ ‬35-40‭‬%‭ ‬degli arrivi,‭ ‬non solo nelle città d'arte,‭ ma ‬in tutta la Toscana, dove i tour operator hanno scelto mete diverse, dove l'imposta non è in vigore».

«Abbiamo approvato una regola che già c'è in altre città - ha dichiarato il sindaco Matteo Renzi (nella foto a destra) - i turisti che vengono a dormire a Firenze danno un contributo per tenerla pulita e più viva culturalmente. I denari andranno per tante iniziative legate ai beni culturali, ma anche alla lotta al degrado».

«Il rischio - ha replicato il presidente di Federalberghi Toscana - è che le amministrazioni comunali utilizzino in maniera impropria gli introiti derivanti dalla tassa di soggiorno, destinandoli non alla riqualificazione del settore turistico ma al risanamento del proprio bilancio o per opere urbanistiche come la sistemazione del manto stradale. In un certo senso, però, simili interventi possono essere intesi nell'ottica di una riqualificazione turistica: non esiste, in altre parole, un'interpretazione univoca».

Quello che Federalberghi auspica è che gli albergatori si mobilitino e facciano ricorso al Tar, soprattutto per quanto riguarda le violazioni in merito a due questioni: la decorrenza e le modalità di applicazione. Come ha ricordato il presidente Corchia, infatti, la nuova tassa di soggiorno non può entrare in vigore nel 2011, poiché ogni adeguamento normativo deve effettuarsi nell'anno successivo (in questo caso il 2012). In secondo luogo c'è una violazione della norma nazionale che stabilisce che il metro di misura sia il costo della camera (non le stelle, come nel caso del capoluogo toscano...).

«Firenze pensa di applicare in maniera semplicistica la tassa di soggiorno: considera il turista come un sostituto d'imposta - ha concluso Corchia - quando invece non lo è. Da parte di Federalberghi c'è la massima disponibilità se si parla di sostegno alle imprese, implementazione dei servizi del settore turistico e riqualificazione dell'offerta ricettiva. Ma per quanto riguarda l'imposta di soggiorno l'associazione è assolutamente contraria».


Articoli correlati:
Città del vino, sì alla tassa di soggiorno Utile per tornare a investire risorse
Ripresa per il turismo alberghiero Ma preoccupa la tassa di soggiorno
Tassa di soggiorno, da sola non basta Il turismo non decolla
Tassa di soggiorno per i Comuni Gabella o city tax?
Tassa sui turisti a Roma dal 2011 Dai 2 ai 3 euro a notte

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Federalberghi Toscana Paolo Corchia tassa di soggiorno Firenze imposta turisti contributo tour operator stelle albergatori ricorso Tar Italia a Tavola turismo Tendenze servizi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

22/06/2011 10:21:00
1) Grave errore far pagare la tassa di soggiorno
è un grave errore far pagare la tassa di soggiorno sia ai turisti stranieri che quelli locali e fuori dal posto non vi rendete conto che cosi si abbasserà il volume di afflusso. è anche giusto che non fanno pagare molte tasse agli albergatori, le stanze d'albergo in Italia costano molto.



ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®