Rotari
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 29 marzo 2020 | aggiornato alle 19:46| 64445 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TERRITORIO

Nel Parco umbro del monte Cucco
tra borghi suggestivi e deliziosi tartufi

Nel Parco umbro del monte Cucco 
tra borghi suggestivi e deliziosi tartufi
Nel Parco umbro del monte Cucco tra borghi suggestivi e deliziosi tartufi
Pubblicato il 25 luglio 2011 | 10:59

Il Parco regionale del monte Cucco comprende i territori di Fossato di Vico, Sigillo, Costacciaro e Scheggia. Quattro piccole gemme, borghi deliziosi con eremi e abbazie. A Sigillo in particolare spicca la presenza del tartufo, bello a vedersi e buono da degustare. L'estate è la stagione del nero

Siamo nel lembo nord orientale dell'Umbria, in territorio eugubino. Gubbio, infatti, è vicina. Ad ovest l'Alto Tevere, a Sud il Folignate e ad est, vicinissimo, lambente, incuneantesi a tratti, il territorio marchigiano: la bella Fabriano poco dista. Terra di confine, allora. Nei secoli scorsi tra Ducato di Perugia e Ducato di Urbino, oggi tra confini amministrativi regionali che dicono Umbria di qui e Marche di là. Siamo nel Parco Regionale del monte Cucco, che imperioso fa svettare la sua cima oltre i 1.500 metri, in turbinio ventoso con Eolo regale che maieutica ed abilita i voli fantastici di Icaro ardimentosi, qui in raduno da tutto il mondo per il campionato mondiale di deltaplano. Sì, il Monte Cucco, con le sue pareti ripide, è tra le mete ambite dai deltaplanisti di tutto il mondo.



Il Parco Regionale comprende i territori comunali di Fossato di Vico, Sigillo, Costacciaro e Scheggia. Quattro piccole gemme di un unico, poco conosciuto diadema. Borghi deliziosi con frazioncine incantate. Di tutte, una: Pascelupo, frazione di Scheggia. Ed eremi e abbazie. Qui vi è misticismo vissuto, come dire, in 'understatement”. Non vi è santo famosissimo nel ricordo e nella venerazione del quale sono diventate mete di devoti, località umbre famose quali Assisi, Norcia, Cascia. Qui si comprende ancor meglio, sebbene non immediatamente, cosa sia stato nei millenni il bisogno di stabilire silente contatto con il divino.

E se l'ardito accostamento sacro profano ci è perdonato, altro 'understatement” è qui ghiotto e molto ci intriga. In Umbria, di certo non sbagliando, se si pensa al tartufo, si pensa a Norcia. Orbene qui, nel Parco regionale del Monte Cucco e nel territorio comunale di Sigillo in modo particolare, è luogo d'elezione il tartufo. Sia esso quello estivo, sia esso quello invernale.

Ed è a Sigillo che si è svolta la seconda edizione della mostra mercato del tartufo estivo, quello nero. Bello a vedersi e buonissimo da degustare. Abbiamo vissuto 'on the field”, ed è proprio il caso di dire così, l'attività di ricerca del tartufo. In ciò guidati dal decano dei tartufai, Alberto Facchini. E cena sontuosa, sul tartufo nero estivo imperniata, si è tenuta Dal Lepre.

Dal Lepre ha location splendida: quasi in cima al Monte Cucco, vicino al luogo di decollo dei deltaplanisti, con veduta su valle ubertosa. La cucina è permeata sì dal tartufo di stagione ma certamente si giova di una filiera corta felicemente resa possibile da un network di approvvigionamenti che mai esula dall'ambito familiare. Insomma, una famiglia al lavoro con una ragguardevole tecnica ed una sconfinata passione da parte della valentissima chef Francesca.

Ben calibrati gli antipasti, ci ha particolarmente colpiti l'olio extravergine di oliva adoperato per nobilitare la tradizionale bruschetta. è olio umbro da Spoleto proveniente. E poi un primo piatto che da solo avrebbe meritato sosta Dal Lepre: piciarelli con funghi e tartufi. Il piciarello è pasta fresca ottenuta dalla lavorazione dell'impasto del pane. Quindi, quasi sorta di mollica che si trasmuta in pasta e si presta a suggere, al nostro deliziato palato trasferendoli, i profumi intensi del tartufo nero estivo ed i sapori netti dei funghi. Nessuna forzatura nell'immissione del tartufo nero estivo anche in una composizione pasticciera che molto ci ha intrigato. Insomma, cena memorabile.

Molto buoni anche i pranzi a Villa Pascolo (squisita la frittatina con i tartufi) ed a Villa Anita. Ma qui, ancora coerentemente al virtuoso understatement, è anche terra di eccellenti prodotti biologici. Considerevole l'importanza ed il ruolo di vettore trainante questo settore, costituito dall'Azienda Agricola Fattoria La Torre, con sua spiccata sembianza anche nella bellissima struttura agrituristica Villa Dama. Lembo di terra umbra ancora sconosciuto alle correnti turistiche che visitano la regione, questo territorio esprime intriganti potenzialità che poco bello sarebbe tenere ancora sopite. Un competente ed appassionato team è al lavoro. Natura docet: i frutti, di certo positivi e lusinghieri, non potranno non venire.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


tartufo sigillo umbria monte cucco parco regionale turismo enogastronomia Italia a Tavola turismo territorio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®