Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 24 ottobre 2019 | aggiornato alle 01:36| 61622 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     PROFESSIONI     SOMMELIER

L’Ais divorzia da Franco Ziliani
Maietta svela le ragioni della rottura

L’Ais divorzia da Franco Ziliani Maietta svela le ragioni della rottura
L’Ais divorzia da Franco Ziliani Maietta svela le ragioni della rottura
Pubblicato il 04 gennaio 2012 | 15:27

Dopo 4 anni finisce la collaborazione tra l'Associazione italiana sommelier e il pubblicista Franco Ziliani. Le ragioni? Incompatibilità di carattere e richieste troppo onerose da parte dell'ex bibliotecario. Il presidente Maietta chiarisce la vicenda rispondendo a 10 domande sul sito di Pignataro

L'Associazione italiana sommelier (Ais), a causa di incompatibilità di carattere e per le richieste troppo onerose da parte dell'ex bibliotecario  Franco Ziliani (nella foto, a destra), dopo quattro anni ha deciso di interrompere il rapporto di collaborazione giornalistica. Con tutti i problemi che sta attraversando il mondo del giornalismo italiano non ci sarebbe proprio necessità di dedicare particolare spazio a questa notizia, se non fosse che un collega-socio del pubblicista Ziliani in alcune attività, Luciano Pignataro, ha deciso di dare grande visibilità alla vicenda perché riguarda indirettamente la più importante associazione dei sommelier italiani. Per completezza di informazione riportiamo quindi il testo dell'interrogatorio 'da caserma” a cui con grande signorilità il presidente dell'Ais Antonello Maietta (nella foto, a sinistra) si è sottoposto per chiarire la vicenda. Forse un po' meno clamore alla conclusione di un rapporto economico non più soddisfacente non avrebbe guastato, ma tant'è, l'ex bibliotecario ama attirare su di sé l'attenzione presentandosi sempre come il "migliore". Forse anche all'Ais non la pensavano più così...

Antonello Maietta e Franco Ziliani
'
Carissimo Luciano (Pignataro, ndr),
faccio seguito alla tua richiesta di ieri per inoltrarti le mie risposte ai tuoi 10 quesiti. Come ti ho già anticipato ieri al telefono mi scuso per essere stato un po' prolisso in taluni aspetti, tuttavia ciò si è reso necessario per approfondire l'argomento senza doverci ritornare sopra altre volte. Il sig. Ziliani probabilmente le archivierà ironicamente come la 5ª o 6ª versione, in realtà non c'è contraddizione alcuna con quanto da me affermato sul tuo blog e su quello di Andrea Petrini. Spero che non si stupiranno i tuoi lettori e quelli degli altri blog se in futuro mi troverò costretto ad utilizzare nei confronti del sig. Ziliani la forma del 'lei”, trattandosi di specifica richiesta dello stesso. Evidentemente il sig. Ziliani si è convinto che la forma confidenziale del 'tu” sia intimamente correlata con la mia firma sui bonifici bancari a lui diretti.

1-Presidente Maietta, lei ritiene che Franco Ziliani abbia svolto male il suo lavoro in questi quattro anni?
Certamente no, altrimenti il suo rapporto con l'Associazione italiana sommelier non sarebbe durato così a lungo. Tuttavia le esigenze attuali dell'Associazione richiedono non solo un bravo cronista del vino ma un efficace comunicatore delle variegate attività del nostro sodalizio.

2-Presidente Maietta, corrisponde al vero che lei durante la cena del 31 ottobre abbia manifestato a Daniele Cernilli la volontà di non avvalersi più della collaborazione di Ziliani?
è verissimo, lo ha già spiegato anche Cernilli. Occorre però fare un passo indietro per capire esattamente rapporto tra me e Daniele Cernilli. Ho sempre avuto una grande simpatia per Daniele, probabilmente anche per un motivo che vorrei definire sentimentale poiché per entrambi la prima tessera porta la firma del più grande Presidente dell'Ais di tutti i tempi, l'indimenticabile Franco Colombani. Ho provato poi una forte emozione leggendo il suo famoso editoriale, redatto in tempi non sospetti da Direttore del Gambero Rosso, intitolato 'Grazie Mamma Ais”. In quell'articolo spiegava il ruolo fondamentale dell'Associazione Italiana Sommelier nella formazione di intere generazioni di professionisti del vino. Inoltre Daniele è stato nominato Sommelier Onorario nel 2007. Malgrado questo, non avevo mai incontrato in vita mia Cernilli prima della conferenza stampa del 29 marzo 2011, svoltasi a Milano a Palazzo Marino e moderata dal bravissimo Davide Paolini. Nel salone principale, gremito all'inverosimile di produttori, giornalisti e, naturalmente, sommelier, veniva presentata la nuova filosofia di comunicazione del vino nata dal connubio tra Ais e Wsa. Del nostro staff mancava in platea soltanto Ziliani, sebbene invitato e atteso. Chiamai Cernilli a parlare al mio fianco sul palco e la sua efficacia linguistica mi colpì a tal punto da proporlo alla mia Giunta Esecutiva Nazionale come responsabile della comunicazione. Premetto che la collaborazione di Cernilli con l'Associazione Italiana Sommelier è sempre avvenuta e continua a svolgersi a titolo amichevole e gratuito. E' chiaro che se questa dovesse trasformarsi in una collaborazione organica a titolo oneroso occorrerà un'apposita delibera da ratificare in sede di Consiglio Nazionale. Non ci vedo quindi nulla di male nell'aver manifestato alla persona divenuta nel frattempo un mio consulente una perplessità nei confronti di Ziliani, dovuta a comportamenti da me ritenuti sgarbati durante e dopo il Congresso di Lecce. Fu Ziliani infatti, subito dopo il convegno di apertura del Congresso, in cui presentai Cernilli come responsabile comunicazione Ais, a stimolare il post di Pignataro circa gli equilibri interni dell'Ais. Me ne accorsi subito poiché la prima stesura della mia relazione, contenente un piccolo refuso e in possesso del solo Ziliani, finì miracolosamente sul tavolo di Pignataro e fu da lui pubblicata tal quale, mentre le copie diffuse successivamente in via ufficiale riportavano la correzione. Durante quel convegno Ziliani, seduto tra il pubblico, non lesinò platealmente il suo disappunto e al termine mi manifestò la sua intenzione di rientrare in serata a Milano, anticipandomi la sua lettera di dimissioni. Riuscii pacatamente a dissuaderlo ma l'episodio mi fece capire che era stata tradita la mia fiducia. Qualche giorno dopo un mio Consigliere Nazionale ricevette una mail da parte di Ziliani nella quale veniva accusato di aver manifestato scarso apprezzamento nei suoi confronti nel corso del Consiglio Nazionale di qualche giorno prima. Circostanza questa assolutamente falsa però fui costretto a intervenire energicamente per dirimere la controversia. A quel punto venne a mancare completamente la mia fiducia nei confronti di Ziliani e durante la cena del 31 ottobre chiesi un consiglio a Daniele Cernilli, manifestando appunto la mia volontà di non avvalermi più della collaborazione di Ziliani. Cernilli mi disse semplicemente che in qualità di consulente esterno non riteneva di avere alcun titolo ad esprimere una sua valutazione, avendo imparato però un pochino a conoscerlo ebbi la percezione che non auspicasse una cessazione del rapporto con Ziliani.

3-Presidente Maietta, se corrisponde al vero, perché mai ha sentito il bisogno di parlarne davanti a testimoni proprio con Cernilli?
Semplicemente perché, come ho appena detto, Cernilli era un mio consulente e io stavo dicendo la verità, non avevo quindi nulla da nascondere.

4-Presidente Maietta, se era sua intenzione di non avvalersi più della collaborazione di Franco Ziliani, per quale motivo gli ha chiesto di presentare il progetto alla Giunta esecutiva Nazionale?
Innanzi tutto perché la prima stesura, integrata poi in data 18 novembre, mi era stata presentata il 2 ottobre 2011, quindi prima del Congresso di Lecce e in seconda analisi perché l'Ais ha un Presidente e non un dittatore e tutte le decisioni sono assunte in forma collegiale dalla Giunta Esecutiva Nazionale. Non c'era quindi motivo di ostacolare un progetto che poteva invece incontrare il gradimento degli altri 8 colleghi che compongono l'organismo.  

5-Presidente Maietta, corrisponde al vero che non c'era unanimità in giunta e con quali motivazioni a verbale è stato respinto il progetto?
No, c'è stata unanimità nel ritenere il progetto inadeguato e costoso per le attuali esigenze dell'Associazione Italiana Sommelier. Tra l'altro non sono stato neppure io a relazionare sull'argomento, sentendomi emotivamente coinvolto, ma il Vice Presidente con delega al bilancio, Roberto Bellini, anche perché il progetto prevedeva un sensibile incremento di oltre il 30% del compenso di Ziliani, sebbene in presenza di maggiori incombenze, oltre ad una cifra extra, da noi ritenuta elevata, per collaboratori non specificati nel progetto.

6-Presidente Maietta, il lavoro di Ziliani in qualche modo ha compresso energie interne che non hanno avuto modo di esprimersi professionalmente nel campo della comunicazione?
Abbiamo in organico da qualche anno nella Sede Centrale dell'Ais un giovane giornalista, il Dott. Emanuele Lavizzari, diplomato anche Sommelier, che ultimamente abbiamo utilizzato in altre mansioni. Sta crescendo molto sul piano professionale e ci farebbe piacerebbe utilizzare le sue competenze in un ruolo a lui più congeniale. Se questo fino ad oggi non è avvenuto naturalmente non è stata colpa di Ziliani, ma di una differente impostazione nella suddivisione delle mansioni dei nostri dipendenti. Che oggi necessita di una revisione. Vorremmo inoltre fornire maggiori opportunità anche al nostro nutrito vivaio di risorse che opera nelle varie regioni, utilizzandoli come dei veri e propri corrispondenti locali.

7-Presidente Maietta, ci sono state lamentele all'interno dell'associazione per la collaborazione di Ziliani?
All'interno dell'Associazione Italiana Sommelier la collaborazione con Ziliani era percepita in vario modo, alcuni apprezzavano il suo modo di affrontare l'informazione mentre ad altri non piaceva. E' tuttavia un aspetto secondario poiché, come ho già detto, non è questo il motivo per cui la Giunta Esecutiva dell'Ais non ha ritenuto opportuno proseguire con una collaborazione il cui vincolo contrattuale era già stato disdetto più di un anno fa dalla vecchia Giunta Esecutiva, composta per 7/9 da persone diverse dalle attuali.

8-Presidente Maietta, ci sono state lamentele di produttori di vino per la collaborazione di Ziliani?
Onestamente non me ne sono pervenute e questo non mi meraviglia affatto poiché oggi i produttori stimano l'Associazione Italiana Sommelier per il suo nuovo modo di operare al loro fianco nella valorizzazione della cultura del vino in Italia. Mi permetto di ricordare che siamo stati proprio noi a promuovere nel nostro Paese, nel 2011, la prima 'Giornata Nazionale della Cultura del Vino”, programmata quest'anno per il 19 maggio. In ogni caso credo che se qualche produttore non avesse apprezzato gli scritti di Ziliani non si sarebbe minimamente permesso di manifestare ingerenze.

9-Presidente Maietta, è stato lei a chiedere a Cernilli di collaborare con l'Ais?
Sì, l'ho già spiegato chiaramente al punto 2.

10-Presidente Maietta, durante la sua permanenza in Puglia per il congresso nazionale ha avuto lamentele specifiche nei confronti di Ziliani così come adombrato in un blog?
No, soltanto un mio personale disappunto e dei miei più diretti collaboratori per il comportamento di Ziliani poiché, come ho già ricordato, in quel contesto abbiamo visto nitidamente naufragare il progetto di poter far convivere due figure del calibro di Franco Ziliani e di Daniele Cernilli, con ruoli diversi e complementari, all'interno dell'Associazione italiana sommelier. Mi permetto in chiusura di ricordare che il mio ruolo di Presidente mi impone di dedicare prioritariamente il mio tempo all'Associazione italiana sommelier e tutte queste polemiche limitano il tempo che vorrei dedicare ai miei Soci, gli unici veri 'proprietari” dell'Ais. Mi fa piacere che l'Associazione italiana sommelier venga percepita come un soggetto pubblico tuttavia tale non è, potendosi sostenere esclusivamente attraverso le quote associative. Spero di non offendere la suscettibilità di nessuno aggiungendo che normalmente, in qualunque sodalizio, per poter accedere a queste e ad altre delucidazioni è sufficiente partecipare alle assemblee dei soci, in Ais ne facciamo almeno 2 all'anno, previa iscrizione all'Associazione.

Con viva cordialità,
Antonello Maietta
Luciano Pignataro Wine Blog - 3 gennaio 2012

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


antonello maietta ais franco ziliani sommelier associazione nazionale giornalismo enologia vino Italia a Tavola aggiornamenti sommelier

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

04/01/2012 18:44:00
2) Una collaborazione durata anche troppo
Una collaborazione durata anche troppo... Da oggi ho pura stima per il presidente Maietta, questo è poco ma sicuro!!! Ora spero di poter leggere questo stesso articolo nel blog dell'illustrissimo incriminato...


04/01/2012 18:43:00
1) Grazie presidente Maietta, un chiarimento utile
Gentile Presidente Maietta, la Sua signorilità, pazienza e trasparenza le fanno grande onore. Questa polemica a mio avviso, basata sul "nulla", è durata anche troppo, ha sottratto tempo ed energie al suo lavoro di Presidente ma almeno è servita a chiarire e spiegare a noi lettori come siano andate veramente le cose, anche se sinceramente con tutti i problemi quotidiani che ognuno di noi ha da risolvere, tutto questo passa in terzo e quart'ordine, forse anche più giù. Grazie e buon lavoro.



ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).