Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 12 dicembre 2019 | aggiornato alle 16:21| 62536 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Il mercato del beverage rallenta
Ma cresce il rito dell’aperitivo

Il mercato del beverage rallenta Ma cresce il rito dell’aperitivo
Il mercato del beverage rallenta Ma cresce il rito dell’aperitivo
Primo Piano del 08 marzo 2012 | 12:16

Tra le tipologie di locali quelli a prevalente vocazione serale o notturna registrano un andamento negativo nei consumi (-1,44% del volume), la ristorazione è sostanzialmente stabile mentre il canale bar si conferma quello con le performance migliori, facendo registrare un +2,89% del volume

Nel mercato dei consumi fuori casa il 2011 verrà ricordato come l'anno del ritorno al passato. Un passato in cui le vendite delle bevande nel settore Horeca registrava andamenti differenti in base alle condizioni metereologiche e in base al calendario. E in tempi di crisi si sa che il ritorno alle vecchie abitudini è sempre la scelta migliore da seguire. Si consuma al bar quindi solo se fuori fa molto caldo, e se durante l'anno capitano più giorni festivi.



Tra le tipologie di locali quelli a prevalente vocazione serale o notturna registrano un andamento negativo nei consumi (-1,44% a volume), la ristorazione è sostanzialmente stabile mentre il canale bar si conferma quello con le performance migliori facendo registrare un +2,89% a volume. Considerazioni diverse vanno fatte per quello che concerne l'andamento delle singole famiglie merceologiche dove tra le migliori performance si riconferma anche per il 2011 l'ottima crescita degli aperitivi alcolici che registrano un +12% a volume, confermando un trend ampiamente positivo che ha contraddistinto la famiglia negli ultimi anni.
 
Gli italiani sembrano preferire tra i vari momenti di consumo proprio quello dell'aperitivo che consente non solo la condivisione di momenti di socializzazione ma che anche (complice la crisi) di vivere il momento dell'aperitivo sia nella pausa del mezzogiorno o quello della sera come un sostitutivo del pasto. Questo grazie e soprattutto alla proposta di vari locali che accompagnano alla 'bevuta” anche una buona proposta di snack e spuntini.
 
Le acque continuano a tenere bene, complice il rilancio del vuoto a rendere, così come le birre, che sviluppano ancora oggi circa il 30% del fatturato consortile, che registrano un leggero aumento rispetto al 2010 (+3,19% a volume). In leggera sofferenza invece le bibite gassate, che chiudono il 2011 con un segno negativo a -3,72%, e i succhi di frutta, -0,56%.

I superalcolici, registrano complessivamente delle performance modeste +0,5% a valore e un +1,0% a volumi. Nel dettaglio, buone le performance dei Rhum (+2,15%) che se pur con tassi di crescita inferiori rispetto ad alcuni anni fa si confermano al top delle bevande alcoliche più consumate. Tali performance sono motivate anche da un uso miscelato del prodotto che continua a essere insieme alla Wodka (+ 8%) particolarmente indicato per la preparazione di cocktail e di un bere mix che sembra particolarmente gradito ai giovani. Continua la tendenza negativa degli Whisky (-9,87%) e di Cognac e Brandy (-2%) che confermano una tendenza ormai in essere da alcuni anni.

Questo è quello che emerge dalla periodica indagine realizzata da Cda (Consorzio distributori alimentari), importante gruppo indipendente italiano di distributori di bevande, che da solo rappresenta il 12,6% del mercato italiano della distribuzione di liquidi alimentari. Cda, attraverso il proprio Data Warehouse consortile (strumento di gestione della raccolta e normalizzazione dei dati provenienti dalle aziende associate) è in grado di tracciare periodicamente un quadro preciso e dettagliato dei consumi fuori casa, rilevati su un campione di oltre 16mila pubblici esercizi.

In questo contesto così complesso, il Gruppo Cda chiude però il 2011 registrando un aumento dei consumi positivo, anche se lieve, pari allo 0,34% a volume rispetto al 2010, con un fatturato totale di 516 milioni di euro pari al +3,29% sempre rispetto all'anno precedente.

«Il 2011 - dichiara Lucio Roncoroni, direttore Cda - si è chiuso sostanzialmente senza grandi sorprese. Un anno all'insegna della prudenza da parte dei consumatori, in attesa di vedere gli sviluppi degli eventi. I consumi del 2012 prevediamo che saranno, in linea di massima, simili all'anno 2011. Non esistono a nostro avviso elementi che ci possano portare a pensare che le cose andranno in maniera significativamente diversa. Dobbiamo tuttavia ricordare che nel mercato della distribuzione di bevande influisce sui risultati il fattore meteorologico che da solo può fare la differenza in positivo o in negativo. Basti considerare che il 70% circa del fatturato viene effettuato nel periodo maggio/settembre».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


acqua fuori casa bibite ristorante alimenti consumi Italia a Tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).