Allegrini
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 12 luglio 2020 | aggiornato alle 18:41| 66678 articoli in archivio
Allegrini
Rational
HOME     VINO     TENDENZE e MERCATO

Giovani e stile mediterraneo
Il 51% degli italiani sceglie il vino

Giovani e stile mediterraneo Il 51% degli italiani sceglie il vino
Giovani e stile mediterraneo Il 51% degli italiani sceglie il vino
Primo Piano del 31 marzo 2012 | 16:06

Secondo una ricerca realizzata da Nielsen per Federvini il 65% degli italiani nel corso del 2011 ha consumato almeno una bevanda alcolica. Il vino si conferma la bevanda alcolica più consumata (51%), seguito dalla birra (38%) e da Spumanti e Champagne (20%). La casa è il luogo dove si beve di più

Il 65% degli italiani nel corso del 2011 ha consumato almeno una bevanda alcolica. Si tratta di una percentuale che rispetto al 2010 rimane stabile, ma è in calo di 4 punti rispetto al 2008, quando a consumare almeno un alcolico era il 69%. Sono i dati che emergono dalla ricerca 'I giovani, il consumo di bevande alcoliche e lo stile mediterraneo”, realizzata da Nielsen per Federvini e presentata a Milano.



Il consumo di bevande alcoliche in Italia resta prevalentemente maschile (77%), contro il 54% delle donne. Nel 2011 il vino si conferma la bevanda alcolica più consumata (51%), seguito dalla birra (38%) e da spumanti e Champagne (20%). Secondo dati 2009, l'Italia ha uno dei consumi pro-capite di alcolici più bassi d'Europa (6,4 litri all'anno).

Lo studio, il quarto di una serie storica cui Federvini ha dato avvio nel 2006, ha potuto contare su un panel di 9mila famiglie e oltre 25mila individui. Solo il 22,75% degli italiani consuma quotidianamente o quasi bevande alcoliche e, tra quanti lo fanno, il 62% si ferma a un bicchiere e un altro 25% non supera i due. Si conferma il forte binomio 'buon vino-buon cibo”: l'86% degli italiani, infatti, beve in occasione dei pasti e tra le motivazioni per cui si consumano bevande alcoliche spiccano l'accompagnamento al cibo e l'apprezzamento del sapore.

I principali luoghi dove vengono consumate le bevande alcoliche sono la propria casa (83%) e il ristorante (49%), seguiti da pub/bar (25%) e discoteche (6%).

Inoltre, il 36% degli intervistati ha consapevolezza dello 'stile mediterraneo” come modello di consumo misurato, all'insegna della convivialità e del buon vivere. «Federvini - ha spiegato il presidente dell'associazione, Lamberto Vallarino Gancia - ha deciso anche quest'anno di promuovere questa ricerca» con l'intenzione di «diffondere messaggi di condanna dell'abuso e dell'uso scorretto delle bevande alcoliche».

La maggior parte dei giovani italiani beve moderatamente e lo fa sempre in compagnia. Nella fascia 17-20 anni si consumano bevande alcoliche principalmente per gustarne il sapore (64%), per socializzare (41%) e per accompagnare il cibo (30%). Tra i giovani le bevande più consumate sono i cocktail alcolici (21%), seguiti dalla birra (18%), dal vino (14%) e dagli spumanti/champagne (8%). Gli alcolici, tra i 17 e i 20 anni, vengono consumati soprattutto nei pub/bar (66%), seguiti dalle discoteche (44%), dai ristoranti (38%) e dalla proria casa (35%). Il primo assaggio avviene mediamente a 15 anni ed è quasi sempre legato a una occasione speciale e a contesti controllati: una ricorrenza nel 36% dei casi e nel 22% una festa in casa.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


giovani alcol vino birra cocktail alimenti consumi Italia a Tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®