Molino Quaglia
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 25 maggio 2020 | aggiornato alle 22:12| 65773 articoli in archivio
HOME     PROFESSIONI     CUOCHI

Pasti caldi ai terremotati
I cuochi della Fic in Emilia

Pasti caldi ai terremotati 
I cuochi della Fic in Emilia
Pasti caldi ai terremotati I cuochi della Fic in Emilia
Pubblicato il 30 maggio 2012 | 18:34

Gli chef, che sono già al lavoro nelle cucine da campo allestite per l'emergenza sisma, garantiranno centinaia di pasti al giorno. All'iniziativa può aderire su base volontaria ognuno dei 20mila soci della Federazione italiana cuochi. Non è escluso l'arrivo dei volti più noti del panorama nazionale

Decine di chef sono partiti da Roma per raggiungere le zone colpite dal sisma e garantire così pasti caldi alle popolazioni alloggiate nei campi allestiti dopo il terremoto in Emilia Romagna. Un'iniziativa di solidarietà che vede in campo la Federazione italiana cuochi, che ha attivato il 'team emergenze” accogliendo l'invito della Protezione civile, rivolto ad associazioni e a enti organizzati, a mettere a disposizione gratuitamente il proprio lavoro per le popolazioni sfollate.

«Una delegazione di chef è partita da Roma per il campo di Finale Emilia (Mo) - dice all'Adnkronos Alessandro Circiello, presidente della Federazione italiana cuochi del Lazio - siamo in costante collegamento con la presidente dell'Unione cuochi Emilia Romagna, la lady chef Ivana Barbieri e la segretaria regionale lady chef Gabriella Costi, con le quali stiamo pianificando l'eventuale partenza di chef volontari da tutta Italia. Anche per il terremoto che colpì l'Abruzzo fu attivata la Federazione, ma questa è la prima volta che la nostra partecipazione è immediata».

Gli chef, che sono già al lavoro dalla scorsa notte nelle cucine da campo allestite per l'emergenza, garantiranno centinaia di pasti al giorno. All'iniziativa può aderire, su base volontaria, ognuno dei 20mila soci della Federazione italiana cuochi. Non è escluso l'arrivo nei campi dei volti più noti del panorama nazionale.


Articoli correlati:
Food valley italiana in ginocchio 500 milioni i danni del sisma
Italia a Tavola e i cuochi Aiuto per i terremotati
Solidarietà ai caseifici terremotati Coop e Parmigiano Reggiano in azione
Sisma, colpito l'agroalimentare 200 milioni di euro di danni

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


terremoto fic cucina aiuti gastronomia Italia a Tavola aggiornamenti cuoco chef

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

01/06/2012 15:58:00
1) Nell'emergenza sisma le stelle contano poco
Forse sarebbe opportuno che i grossi nomi noti di chef, evitassero di andare, lasciando lo spazio a cuochi bravi ma sconosciuti. Si Potrebbe fraintendere, sembrare una trovata per attirare l'attenzione su di loro e le loro attività, con la scusa dell'aiuto alle popolazioni terremotate, non credo a quelle popolazioni interessi se a cucinar pasti siano chef stellati o altri, cosa che credo sembrerebbe una assurda speculazione. Per questo credo mi sento di consigliare questa cosa. Questo il mio modesto parere.



ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®