Rotari
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 28 marzo 2020 | aggiornato alle 18:22| 64421 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TERRITORIO

In Toscana d'estate oltre 5mila sagre
Concorrenza sleale ai ristoranti

In Toscana d'estate oltre 5mila sagre
Concorrenza sleale ai ristoranti
In Toscana d'estate oltre 5mila sagre Concorrenza sleale ai ristoranti
Primo Piano del 02 agosto 2013 | 14:09

Sagre, feste di partito, circoli privati, che godono di privilegi in merito ai costi di organizzazione di un evento, favoriscono la diffusione di fenomeni di ristorazione sommersa, che penalizzano i pubblici esercizi. In Toscana questi fenomeni di illegalità hanno sottratto il 25% del fatturato ai pubblici esercizi

Da anni Italia a Tavola s'impegna per contrastare il fenomeno delle sagre tarocche, ovvero quelle feste di paese o di partito che, non dovendo sottostare alle stesse rigide norme dei ristoranti, garantiscono incassi considerevoli ma senza garantire la reale qualità dell'offerta enogastronomica, il che finisce per danneggiare il Made in Italy a tavola. Ogni anno nel nostro Paese si svolgono (è una stima prudenziale) oltre 32mila sagre, in media 4 per ogni comune, per un complesso di 250mila giornate di attività ed un fatturato di 700 milioni di euro. Ma le medie, si sa, hanno l’effetto di diluire nello spazio e nel tempo un fenomeno che, al contrario, è fortemente concentrato nei mesi estivi e nelle destinazioni turistiche. Il risultato è che 8 sagre su 10 si svolgono tra giugno e settembre, i giorni di attività, complice la bella stagione, si allungano fino a coprire il 90% del totale, e il fatturato generato supera i 500 milioni di euro.



Ci sono regioni, tra queste la Toscana, in cui il fenomeno assume una rilevanza straordinaria da far vacillare ogni media. Secondo un’indagine della direzione regionale dell’Agenzia delle entrate in provincia di Arezzo il numero medio di sagre è stato pari a 16 con un valore di 50 a Cortona e di 32 a Bucine (anno 2009). In provincia di Siena tra marzo e settembre del 2010 ce ne sono state in media 40, con un picco di 98 a Sinalunga. Le cose vanno meglio, si fa per dire, in provincia di Pistoia dove nello stesso periodo la media è stata di 7,5 sagre.

Al punto che l’Agenzia scrive: «In alcune località, le sagre assumono caratteristiche talmente strutturate e talmente ripetitive nel tempo che le strutture logistiche (tendoni, cucine, capannette, etc.) non vengono mai rimosse. In conseguenza di ciò, tra una sagra “autorizzata” e l’altra, tali strutture vengono spesso utilizzate su richiesta e dietro corrispettivi, per eventi privati quali matrimoni, compleanni, comunioni e quant’altro dando luogo a fenomeni stagionali di vera e propria ristorazione sommersa...».

Sulla base di queste indicazioni si può stimare in oltre 5mila il numero delle sagre che si svolge ogni anno in Toscana per un volume d’affari di 110 milioni di euro che si realizza perlopiù nei mesi estivi. Non a caso secondo l’83% dei pubblici esercizi della Toscana la presenza del fenomeno sagre nel proprio comune è assolutamente rilevante generando una concorrenza sleale che arriva a sottrarre alle imprese fino al 25% del fatturato.

Aldo Cursano«C’è un problema di equità - secondo Aldo Cursano (nella foto accanto), vice presidente vicario di Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi) e presidente di Fipe Toscana - che viene prima di tutto. Nel momento in cui cittadini e imprese sono chiamati ad uno straordinario supplemento di responsabilità che richiede pesanti sacrifici, non è più tollerabile che ci siano aree di privilegio come quelle di cui godono feste di partito, circoli privati, associazioni di promozione e sagre. Non è più tempo di figli e figliastri in cui qualcuno si fa in quattro per presidiare il territorio, creare lavoro e ricchezza e qualcuno, invece, entra nel mercato solo quando è più conveniente senza rispettare le regole igienico-sanitarie, del lavoro e fiscali. Stesso mercato, stesse regole è un principio elementare di democrazia economica che faremo di tutto perché sia rispettato. In questo quadro - prosegue Cursano - si inserisce la nostra segnalazione all’Antitrust e la denuncia alla Commissione europea per l’apertura di una procedura di infrazione nei confronti dello Stato italiano per aiuti di Stato a favore degli enti non commerciali. Ma è arrivata l’ora che anche i sindaci si assumano le proprie responsabilità cominciando con il regolamentare in modo serio lo svolgimento delle sagre».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


sagra Toscana Fipe pubblici esercizi fatturato festa di piazza sagra tarocca concorrenza sleale ristorante

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

22/08/2013 17:37:35
2) In Friuli conbatto questa battaglia in solitudine
Sono lieta di leggere questo articolo perché nel mio piccolo Friuli mi sento come don Chisciotte coi mulini a vento! Nulla contro le sagre, purché vengano rispettate tutte le norme che vigono per i pubblici esercizi e purché le strutture non vengano utilizzate per scopi diversi dalla somministrazione di cibi e bevande in occasione del Santo Patrono. Se il fisco guardasse a quanti introiti sommersi arrivano da battesimi, comunioni, matrimoni, feste private svolte "in famiglia" presso queste strutture... Il nostro lavoro, nel rispetto delle regole, ci porta a sacrificarci, a sudare anche 16 ore al giorno 7 giorni su 7, e a cosa serve davanti a tanta concorrenza sleale? Tutto per la gloria...e per pagare il mutuo!
Agnese Goi

22/08/2013 17:36:39
1) Ma nessuno si é accorto di questa concorrenza sleale?
SOLO ADESSO VE NE ACCORGETE,MEGLIO TARDI CHE MAI COMUNQUE,TANTE ATTIVITA' HANNO CHIUSO PER COLPA DI QUESTA CONCORRENZA SLEALE,E I VARI PREPOSTI VEDI CAMERA DEL COMMERCIO,ASSOCIAZIONI DEL COMMERCIO ECC. ECC. CHE COSA HANNO FATTO UN EMERITO C....!!!!!!! (^^^)
ottorino mion
EX BARISTA

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®