Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 12 dicembre 2019 | aggiornato alle 16:22| 62536 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli

Piano di sviluppo rurale lombardo
Fondamentale questione agroenergetica

Piano di sviluppo rurale lombardo
Fondamentale questione agroenergetica
Piano di sviluppo rurale lombardo Fondamentale questione agroenergetica
Pubblicato il 09 agosto 2013 | 12:40

I dottori agronomi e forestali lombardi sollecitano un organico programma agroenergetico nel prossimo piano di sviluppo rurale. Entro il 2020: produzione di energia da biomasse pari al 7% dei consumi energetici nazionali

Giorgio BuizzaIl prossimo piano di sviluppo rurale lombardo dovrà necessariamente contemplare un programma organico e di prospettiva per dare definitivo slancio al comparto agroenergetico nella regione agricola più importante d’Italia: questa la posizione espressa dalla Federazione dei dottori agronomi e dottori forestali della Lombardia intorno ad uno dei temi di sicura attualità nel quadro della politica agricola europea 2014-2020.

«In questa fase del dibattito sulla Pac ci si sta concentrando su alcuni aspetti prioritari, quali il sistema degli aiuti diretti e la definizione di “agricoltore attivo” - commenta il presidente della Federazione, Giorgio Buizza (nella foto) - Tuttavia, quando entrerà nel vivo il processo di definizione della politica di sviluppo rurale a livello nazionale e regionale, la questione agroenergetica dovrà essere oggetto di attenta pianificazione e di adeguati stanziamenti di risorse».

Per la Federazione è necessario esplorare a fondo tutte le principali filiere da biomasse, esaminando di ognuna le caratteristiche di sostenibilità ambientale e convenienza economica, anche alla luce degli impegni assunti dal nostro Paese con il piano d’azione nazionale per le energie rinnovabili, che prevede il raggiungimento entro il 2020 di una produzione di energia da biomasse pari a quasi il 7% dei consumi energetici nazionali.

«Siamo di fronte ad obiettivi ambiziosi ai quali l’agricoltura lombarda non può sottrarsi - osserva Buizza - Ma affinché la produzione agroenergetica giunga ai livelli attesi si rendono necessarie iniziative di ampio respiro, sostenute da un’azione concertata tra istituzioni, imprese, associazioni e consorzi».

Tra gli ambiti d’azione indicati dalla Federazione rientra la filiera bosco-legno-energia. «Abbiamo già sollecitato più volte attenzione su questo tema - ricorda Buizza -, anche in considerazione del fatto che in Lombardia, a fronte di una costante riduzione della superficie agricola utile, le superfici boschive sono invece da anni in progressivo aumento, soprattutto a causa della ricolonizzazione boschiva di ampie aree in precedenza occupate da pascoli».

“L’esigenza energetica - precisa la Federazione - dovrebbe privilegiare l’utilizzo razionale della biomassa del bosco, spesso trascurato o abbandonato, rispetto all’impianto di nuove coltivazioni ad uso energetico che sottraggono superfici utili alle produzioni alimentari.

Il minor costo delle biomasse di pianura potrebbe portare a risultati controproducenti, costringendo ad acquisti di derrate alimentari e di foraggio all’estero. Sarebbe auspicabile invece che gli agricoltori continuassero a fare il loro mestiere rendendosi per quanto possibile autosufficienti per le esigenze energetiche aziendali”.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


agronomi forestale biomassa agroenergia Giorgio Buizza piano di sviluppo

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).