Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 23 giugno 2024  | aggiornato alle 02:49 | 106021 articoli pubblicati

Elle & Vire
Siad
Siad

Rientra l’allarme del tonno radioattivo Nessun pericolo per la salute

La notizia diffusa sul web riguardo al tonno radioattivo, proveniente dalle acque contaminate di Fukushima, è una bufala. L'errore nasce da un confronto ingannevole tra due aree di pesca differenti, la Fao 61 e la Fao 71. L'esperto Agostino Macrì rassicura i consumatori, e invita a mangiare senza timore il nostro tonno in scatola

 
17 settembre 2013 | 17:38

Rientra l’allarme del tonno radioattivo Nessun pericolo per la salute

La notizia diffusa sul web riguardo al tonno radioattivo, proveniente dalle acque contaminate di Fukushima, è una bufala. L'errore nasce da un confronto ingannevole tra due aree di pesca differenti, la Fao 61 e la Fao 71. L'esperto Agostino Macrì rassicura i consumatori, e invita a mangiare senza timore il nostro tonno in scatola

17 settembre 2013 | 17:38
 

La notizia che è circolata in rete sulla radioattività del tonno in scatola pescato nelle aree Fao 71 e Fao 61 è falsa; si credeva che il pesce fosse stato pescato nelle stesse acque del Giappone in cui furono riversate quelle contaminate di Fukushima, ma si è fatta chiarezza grazie al sito www.ioleggoletichetta.it, che ha denunciato la “bufala”.

L'errore è nato dal fatto che sono state messe a confronto due aree diverse delle acque giapponesi, la 61 e la 71. A tal proposito Agostino Macrì, esperto di sicurezza alimentare dell'Unione nazionale consumatori (Unc), rassicura i consumatori.
 


«La notizia del tonno radioattivo pescato a Fukushima è una vera e propria bufala». Con queste parole Macrì smentisce la notizia diffusa in questi giorni sul web della radioattività di alcune scatolette di tonno economico provenienti dalle acque del Giappone. «Molti consumatori - afferma l'esperto - ci hanno scritto preoccupati per aver letto su facebook un messaggio in cui si esortava a non acquistare tonno pescato nelle zone Fao 71 e Fao 61 in quanto contaminato e dunque pericoloso per la salute dei consumatori. È il caso di chiarire che le aree geografiche di cui si parla sono in realtà molto vaste (Fao 61 è l'oceano Pacifico del nord ovest, zona che comprende appunto il Giappone; Fao 71 è invece l'area antistante le Filippine, l'Indonesia, la Papua Nuova Guinea e l'Australia del nord) e solo nella Fao 71 si pesca il tonno pinne gialle venduto in scatola nel nostro Paese».

«A questo - prosegue Macrì - aggiungiamo che la zona di mare interessata dalla radioattività di Fukushima è limitata e comunque la contaminazione dovrebbe influire in modo minimo sulla sicurezza delle carni di tonno: occorrerebbe, infatti, molto tempo per “trasferire” le piccole quantità di materiale radioattivo eventualmente presenti nelle acque marine nei tessuti dei grandi predatori quali sono i tonni. Inoltre, ricordiamo che le aziende di trasformazione sono obbligate a controllare le materie prime che utilizzano e quindi verificano anche l'eventuale presenza di radioattività nei tonni da inscatolare eliminando quelli positivi».

«Si deve, dunque, ragionevolmente ritenere - conclude - che per il nostro Paese non esistono pericoli significativi, consumando tonno in scatola».

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Longarone Fiere
Artmenù
NTfood
Siad

Longarone Fiere
Artmenù

NTfood
Elle & Vire
Molino Colombo