Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 10 dicembre 2019 | aggiornato alle 01:35| 62477 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rotari
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Gli italiani non rinunciano all'aperitivo
Il 46% sceglie quello "fai da te" a casa

Gli italiani non rinunciano all'aperitivo
Il 46% sceglie quello
Gli italiani non rinunciano all'aperitivo Il 46% sceglie quello "fai da te" a casa
Primo Piano del 01 dicembre 2013 | 11:03

Il 63% degli italiani vive l’aperitivo come un rito fondamentale della propria vita sociale. Il 46% preferisce farlo in casa almeno una volta a settimana, mentre il 15% dichiara di gradire l'ambiente dei locali. Tra coloro che lo fanno in casa, il 43% sceglie come compagnia gli amici, mentre il 31% il partner

Secondo una ricerca de La Bottega di Olivia & Marino (brand del Gruppo Pavesi), condotta da Memethic Lab, l’aperitivo si connota sempre più come momento di condivisione e luogo elettivo di nuovi stili di vita e consumi, anche domestici.

L’aperitivo ideale? In relax, con gli amici, almeno un paio di volte a settimana stuzzicando cibi sfiziosi di qualità accompagnati da una bevanda poco alcolica. Il 60% degli italiani vive l’aperitivo come un rito fondamentale della propria vita sociale, come voglia di “qualcosa di sfizioso che esalta tutti i sensi”, ancora meglio se vissuto in un ambiente intimo e accogliente:
  • Il 46% preferisce farlo in casa almeno una volta a settimana.
  • L’aperitivo ideale è quello trascorso con gli amici. Il partner partecipa in egual misura sia che si tratti di aperitivo domestico (31%) o aperitivo outdoor (36%) mentre, se organizzato con i familiari o i coinquilini, l’aperitivo viene fatto in casa.
  • Anche in tempo di crisi, per il 63% degli italiani l’aperitivo è rimasto uno dei pochi sfizi.
  • Tra coloro che lo fanno in casa, il 43% sceglie come compagnia gli amici, mentre il 31% il partner.
  • Al nord lo si trascorre di più fuori casa mentre al centro-sud l’aperitivo è un’abitudine molto più casalinga con il 39% del campione che dichiara di farlo almeno 2-3 volte a settimana.


Questi i principali aspetti che emergono dall’indagine socio-culturale “Il rito dell’aperitivo degli italiani, tra crisi economica e nuove forme di socialità” de La Bottega di Olivia & Marino, e condotta dall’istituto di ricerca e analisi dei trend Memethic Lab su un campione rappresentativo della popolazione italiana oltre mille soggetti, con l’obiettivo di individuare anche i principali trend attuali, nazionali e internazionali, legati al cibo in generale e in particolare a questo rito che la marca ha reso ormai suo connotandolo come uno stuzzicante rituale domestico.

Le occasioni dell’aperitivo
La voglia di stare in compagnia e socializzare è sicuramente l’aspetto più rilevante e trasversale a tutte le fasce di età del campione, in particolare è molto alta tra i giovanissimi (66%) e meno tra i 45-55enni (52%) tuttavia per gli under 24 l’aperitivo è associato per lo più al festeggiamento di una ricorrenza e alla voglia di divertimento, mentre gli over 45 dichiarano di stuzzicare qualcosa prima di cena (38%), senza un’occasione particolare. I giovani adulti trenta-quarantenni invece lo vivono soprattutto come un momento di relax dopo una giornata impegnativa (42%).

L’aperitivo social dei single
Le occasioni dell’aperitivo: i single che vivono con i genitori scelgono l’aperitivo come occasione per stare in compagnia (63%), mentre quelli che vivono da soli lo fanno per rilassarsi (46%). Per la gran parte di loro (78%) l’aperitivo è sostitutivo della cena. Il 68% di coloro che fanno gli aperitivi in casa dichiara di farlo anche per conoscere nuove persone. In questo, i social network giocano un ruolo fondamentale soprattutto per l’organizzazione della serata e la condivisione online del momento attraverso contributi fotografici.

L’aperitivo di oggi è sempre più domestico
Facendo un confronto con tre anni fa, quasi un soggetto su quattro afferma di fare più spesso l’aperitivo in casa e solo il 15% dichiara di farlo più spesso fuori casa. In particolare, sono le coppie (con o senza figli) che scelgono l’ambiente domestico per questo rito, da vivere da soli o con gli amici. La crisi economica è una delle cause di questo cambiamento: è più economico invitare qualcuno a casa per l’aperitivo piuttosto che andare fuori (79%). In ogni caso, in tempo di crisi, l’aperitivo è rimasto uno dei pochi sfizi per il 63% degli italiani.

In coppia, l’aperitivo “diventa fai da te”
Per le coppie il rito dell’aperitivo è un momento per divertirsi (20%) o festeggiare qualcosa (23%), preparando in prima persona stuzzicanti ricette e mettendo in campo creatività, sperimentazione e condivisione di “sapere culinario”. Le coppie con figli scelgono di farlo in casa, invece, perché possono conciliare la voglia di socialità con le esigenze di genitori.

Il 53% delle coppie, con o senza figli, fa l’aperitivo in casa almeno 1 volta a settimana. Complice anche la crisi, negli ultimi tre anni il trend dell’aperitivo domestico è aumentato anche per il vantaggio economico. Le ricette diffuse, su diversi media (on e offline), permettono di essere “chef per un giorno”. In quest’ottica, il trend del momento è l“Aperitivo Lab”: occasione di sperimentazione gastronomica su materie prime differenti e combinazioni inedite.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


aperitivo amici fai da te social

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).